Volantini del negozio

Vai alla scheda
SEZIONE SOCI

Borgo San Lorenzo

Mappa sezione soci
Indirizzo
Piazza Martin Luther King, 5-6, BORGO SAN LORENZO (Firenze)
Contatti
Telefono 0558457093
Fax 0558453698
Email sez.borgosanlorenzo@socicoop.it
Punti vendita
Informazioni
Orari di apertura
martedi 9.30-12 e 16-18; giovedi 9.30 - 12 e 16-18; sabato 9.30 -12.
Progetti e Iniziative In Corso

La sezione soci aderisce al progetto Buon Fine, il recupero di prodotti buoni non più vendibili (per difetti nella confezione o perché vicini alla scadenza) donati ad associazioni di volontariato onlus per assistere gli indigenti.



Servizio di prestito e lettura libri gratuito aperto a tutti al Coop.fi di Borgo San Lorenzo, in piazza M. Luther King, gestito con la Biblioteca comunale.
Il servizio prestito libri è aperto il martedì ore 16-19; giovedì ore 9.30-12 e 16-19; sabato 9.30-12.

Un progetto di Unicoop Firenze e Giallo Mare Minimal Teatro.  Incontri per creare un gruppo di “spettatori consapevoli” per promuovere la partecipazione ed il coinvolgimento attivo del pubblico nella vita dei teatri toscani. In collaborazione con Teatro Cinema Giotto di Borgo San Lorenzo, Teatro Corsini Barberino di Mugello, Teatro Cinema Giotto Vicchio.
Per partecipare 3287980434

 

Il Consiglio della Sezione Soci Coop

Presidente
Megli Franco
Consiglieri
Calzolari Francesca, Capecchi Giorgio, Fredducci Giuseppe, Marini Paolo, Poli Francesca (vicepresidente), Toccafondi Danilo, Vichi Tiziana

Eventi della sezione

Scopri gli appuntamenti in calendario

Per i Soci
Splendori Celesti - L'osservazione del cielo da Galileo alle onde gravitazionali - Data recupero
category-icon Cultura
Splendori Celesti - L'osservazione del cielo da Galileo alle onde gravitazionali - Data recupero
10 marzo 2024
Firenze

Unicoop Firenze e il Museo Galileo danno l'opportunità di visitare la mostra "Splendori Celesti" che costituisce una delle principali iniziative realizzate per celebrare i 400 anni dalla pubblicazione del Saggiatore di Galileo Galilei, il libro che ha posto i fondamenti del moderno concetto di scienza, basato sull’osservazione e sulla sperimentazione a un prezzo ridotto e con visita guidata gratuita.

Gli “splendori celesti”, come si legge nella dedica degli Accademici Lincei a Urbano VIII (nel 2023 ricorre anche il quarto centenario dall’inizio del suo pontificato), sono le comete e, per estensione, i nuovi mondi che il cannocchiale di Galileo permise di vedere per la prima volta nella storia dell’umanità: le montagne della Luna, le macchie solari, le fasi di Venere, i satelliti di Giove e le infinite stelle della Via Lattea. Un nuovo sguardo sull’universo destinato a cambiare radicalmente la concezione cosmologica geocentrica a favore dell’ipotesi copernicana.

La mostra si propone di adottare un approccio innovativo per raccontare la rivoluzionaria concezione galileiana della scienza e le fondamentali scoperte dello scienziato toscano, in modo da coinvolgere i visitatori di tutte le età. Per raggiungere questo obiettivo l’allestimento prevede di spettacolarizzare le osservazioni telescopiche di Galileo per mezzo di installazioni immersive capaci di trasmettere l’emozione della scoperta. Le proiezioni sulle pareti e sulle vele a soffitto, dal grande impatto emotivo, costituiranno una sorta di compendio dei temi affrontati nell’esposizione.

Attraverso le lenti il cielo diventa più vicino ma al tempo stesso più grande. Da qui comincia la lunga esplorazione visuale dello spazio che oggi prosegue attraverso l’occhio dei satelliti e dei grandi telescopi spaziali. Saranno proprio le immagini catturate dai telescopi spaziali a chiudere il quadro della grande avventura dell’esplorazione visuale dello spazio iniziata con il cannocchiale di Galileo.

L’ultima sezione dell’esposizione è dedicata a tre osservatori astronomici costruiti in varie località del mondo da artisti contemporanei: Hannsjörg Voth, Charles Ross e Libero Reina, che hanno ideato architetture per fare dell’osservazione del cielo un’esperienza estetica e sensoriale.

La mostra sarà affiancata da laboratori tematici e attività per famiglie, in modo da consentire ai visitatori di tutte le età di approfondire i temi che più li hanno appassionati. A supporto dei laboratori, ma non solo, saranno realizzati alcuni modelli funzionanti che replicano gli esperimenti descritti da Galileo nel Saggiatore.

Scopri di più
category-icon Solidarietà
La Firenze delle Donne - Due itinerari alla scoperta delle figure femminili che hanno fatto la storia di Firenze
Dal 9 al 10 marzo 2024
Firenze

La Fondazione il Cuore si scioglie con l'Associazione Erba Canta, in collaborazione con Unicoop Firenze, propone due passeggiate, con scopo di solidarietà, alla scoperta delle grandi donne che hanno animato Firenze.

Per questa iniziativa parte del ricavato, inoltre, sarà donato al progetto di solidarietà We-Hope, a sostegno dell'empowerment femminile.

La "Firenze delle donne" sono due passeggiate, il 9 Marzo "Anonime Fiorentine" e 10 Marzo "Muse di Oggi e di ieri", accompagnate dalle guide dell'Associazione Erba Canta alla scoperta delle figure femminili che hanno fatto la storia della città.

L'esperienza di sabato 9 Marzo "Anonime Fiorentine", alle ore 10, farà come prima tappa il Caffè Lietta, in cui verrà offerta una colazione (una bevanda calda e un pezzo dolce o salato), e verrà ricostruita la storia di monache e potenti badesse fino ad andare a scoprire la vita delle nobildonne e delle serve, le strade del vizio e del pentimenti; i luoghi dedicati a malmaritate, vedove, zitelle, beghine toccando diverse tappe del centro fiorentino fino ad arrivare in Piazza Santa Croce.

L'esperienza di domenica 10 Marzo "Muse di Oggi e di ieri", alle ore 15:00, inizierà da Porta Romana e sarà un itinerario attraverso i secoli, dedicato a donne fiorentine e straniere legate alla nostra splendida città: Anna Maria Luisa de MediciMargherita HackFioretta MazzeiFlorence NightingaleAlice Keppel e Violet Trefusis, toccando diverse tappe della città di Firenze fino ad arrivare al Birrificio Oltrarno, in Via delle Campora, in cui si potrà degustare una birra artigianale (da scegliersi tra 4 proposte) con piccoli assaggi da accompagnamento facendo una piacevole chiaccherata con il Maestro Birraio.

Scopri di più
Per i Soci
Splendori Celesti - L'osservazione del cielo da Galileo alle onde gravitazionali
category-icon Cultura
Splendori Celesti - L'osservazione del cielo da Galileo alle onde gravitazionali
Dal 17 dicembre 2023 al 17 marzo 2024
Firenze

Unicoop Firenze e il Museo Galileo danno l'opportunità di visitare la mostra "Splendori Celesti" che costituisce una delle principali iniziative realizzate per celebrare i 400 anni dalla pubblicazione del Saggiatore di Galileo Galilei, il libro che ha posto i fondamenti del moderno concetto di scienza, basato sull’osservazione e sulla sperimentazione a un prezzo ridotto e con visita guidata gratuita.

Gli “splendori celesti”, come si legge nella dedica degli Accademici Lincei a Urbano VIII (nel 2023 ricorre anche il quarto centenario dall’inizio del suo pontificato), sono le comete e, per estensione, i nuovi mondi che il cannocchiale di Galileo permise di vedere per la prima volta nella storia dell’umanità: le montagne della Luna, le macchie solari, le fasi di Venere, i satelliti di Giove e le infinite stelle della Via Lattea. Un nuovo sguardo sull’universo destinato a cambiare radicalmente la concezione cosmologica geocentrica a favore dell’ipotesi copernicana.

La mostra si propone di adottare un approccio innovativo per raccontare la rivoluzionaria concezione galileiana della scienza e le fondamentali scoperte dello scienziato toscano, in modo da coinvolgere i visitatori di tutte le età. Per raggiungere questo obiettivo l’allestimento prevede di spettacolarizzare le osservazioni telescopiche di Galileo per mezzo di installazioni immersive capaci di trasmettere l’emozione della scoperta. Le proiezioni sulle pareti e sulle vele a soffitto, dal grande impatto emotivo, costituiranno una sorta di compendio dei temi affrontati nell’esposizione.

Attraverso le lenti il cielo diventa più vicino ma al tempo stesso più grande. Da qui comincia la lunga esplorazione visuale dello spazio che oggi prosegue attraverso l’occhio dei satelliti e dei grandi telescopi spaziali. Saranno proprio le immagini catturate dai telescopi spaziali a chiudere il quadro della grande avventura dell’esplorazione visuale dello spazio iniziata con il cannocchiale di Galileo.

L’ultima sezione dell’esposizione è dedicata a tre osservatori astronomici costruiti in varie località del mondo da artisti contemporanei: Hannsjörg Voth, Charles Ross e Libero Reina, che hanno ideato architetture per fare dell’osservazione del cielo un’esperienza estetica e sensoriale.

La mostra sarà affiancata da laboratori tematici e attività per famiglie, in modo da consentire ai visitatori di tutte le età di approfondire i temi che più li hanno appassionati. A supporto dei laboratori, ma non solo, saranno realizzati alcuni modelli funzionanti che replicano gli esperimenti descritti da Galileo nel Saggiatore.

Scopri di più
category-icon Cultura
Levante - Teatro Verdi
18 marzo 2024
Firenze

Unicoop Firenze offre un'opportunità unica per partecipare al concerto di Levante "Opera futura" a un prezzo esclusivo.

È il momento ora di aprirsi al futuro e a quello che attenderà questa straordinaria artista nel 2024, un nuovo viaggio in direzione del suo pubblico con cui negli anni ha costruito un idillio difficile da spezzare.
Partirà infatti il 13 marzo 2024 dal Teatro Goldoni di Livorno “OPERA FUTURA LIVE NEI TEATRI”, il tour che porterà Levante dal vivo nei principali teatri italiani.

Scopri di più
Spazio Alfieri - La Chimera
category-icon Cultura
Spazio Alfieri - La Chimera
19 marzo 2024
Firenze

Unicoop Firenze e Spazio Alfieri offrono un'opportunità unica per vedere il film di Alice Rohrwacher.

Arthur è appena uscito di prigione. Tornato a casa, in un paesino della Tuscia, si rimette a trafugare reperti archeologici nelle tombe ancora inviolate delle necropoli etrusche. E’ il suo lavoro, il suo dono di intuire l’al di là. Un percorso fra sogno e realtà. Innocenze perdute e amori dissolti. Un film libero, favolistico. Sacro e profano si mischiano e rimbalzano con imprevedibile dissonanza. Rohrwacher prosegue la sua esplorazione di tracce sotterranee, di una “realtà” altra, costruita film dopo film.

Scopri di più
Per i Soci
Archeologia svelata a Sesto Fiorentino - Tumulo Etrusco della Montagnola
category-icon Cultura
Archeologia svelata a Sesto Fiorentino - Tumulo Etrusco della Montagnola
Dal 24 marzo 2024 al 21 aprile 2024
Firenze

Per i soci Unicoop Firenze sono previste delle visite guidate alla mostra, lezioni didattiche e tour guidati da un archeologo ai siti presenti sul territorio, il Tumulo etrusco della Montagnola e i resti della Villa Romana.

Il calendario dei prossimi mesi è il seguente:

- domenica 24 marzo, ore 10.00 - Visita alla mostra “Archeologia svelata a Sesto Fiorentino” e tour guidato al Tumulo Etrusco della Montagnola, ritrovo presso la Biblioteca Ernesto Ragionieri, Piazza della Biblioteca 4, Sesto Fiorentino;

- domenica 21 aprile, ore 10.00 - Visita alla mostra “Archeologia svelata a Sesto Fiorentino” e tour guidato al Tumulo Etrusco della Montagnola, ritrovo presso la Biblioteca Ernesto Ragionieri, Piazza della Biblioteca 4, Sesto Fiorentino.

ritrovo presso la Biblioteca Ernesto Ragionieri, Piazza della Biblioteca 4, Sesto Fiorentino

Scopri di più
Per i Soci
Museo di Storia Naturale, ‘La Specola’
category-icon Cultura
Museo di Storia Naturale, ‘La Specola’
Dal 7 marzo 2024 al 16 maggio 2024
Firenze

‘La Specola’ ospita un’ampia collezione zoologica, la più grande collezione al mondo di cere anatomiche settecentesche, la collezione unica del ceroplasta siciliano Gaetano Giulio Zumbo (1656-1701), il Salone degli Scheletri, la Tribuna Galileo e l torrino astronomico.

Nel corso della visita guidata i soci potranno ammirare due ali del museo completamente nuove, dedicate alla mineralogia e alla ceroplastica, con opere mai esposte prima, come le straordinarie cere botaniche. Ma ritroveranno anche la collezione zoologica. Perché ‘La Specola’ è nuova e antica insieme, una realtà quasi unica: il primo fra i musei scientifici ad aprire le porte alla cittadinanza secondo il progetto illuministico del Granduca Pietro Leopoldo di Toscana, tra i pochi a poter disporre di una sede che ha di per sé un valore storico.

La Tribuna Galileo, le cere anatomiche, il salone degli scheletri e il torrino astronomico sono visitabili ma non fanno parte della visita guidata.

Scopri di più
Vedi tutti gli eventi

Unisciti a noi

279899346_3155044691439645_2196619233153405849_n

Contattaci e fai la tua parte!

Partecipa attivamente alla vita della Cooperativa attraverso la tua sezione Soci. Inviaci una mail indicando la tua appartenza territoriale e l’area di tuo interesse. Ti aspettiamo!