Unicoop Firenze

Tutte le recensioni

Narrativa

100% lieto fine

Questo è un libro collettivo in tutti i sensi. Venti racconti (di altrettanti Autori), scelti fra centinaia giunti da tutta Italia, da una giuria qualificata composta da membri di ogni estrazione culturale e professionale. In una sorta di rito collettivo, anche il lettore diventa Autore, perché dopo la fine di ogni narrazione, dispone di alcune pagine bianche per poter scrivere il suo personale e intimo finale. L'auspicio dell'editore è che il finale sia “lieto”, come dice il titolo, in modo che il lettore-autore cerchi la propria felicità che è un diritto di ognuno e che serve “non solo a livello individuale, ma anche collettivo”. Parole sante! Non dovrebbe essere un obbiettivo difficile da raggiungere: già i raccont...

Continua a leggere

Saggistica

La bellezza. Petit Tour del Mugello mediceo

Mugellano docg e innamorato della sua terra, l'Autore ci offre la narrazione di questo altopiano a nord di Firenze e a sud dei monti che separano la Toscana e l'Emilia. Divide il suo Mugello in varie “terre”: di ponente (Barberino), “medicee” (Scarperia, per esempio), “di mezzo” e “di confine” (come Marradi e Vicchio), di “levante” (ecco Londa) e “di Bacco” (con l'indimenticabile vino della Rufina). Ci parla de Mugello in tutti i suoi aspetti: dall'arte di sublimi Maestri come Giotto, all'umile acqua che qua ha un altro sapore (ammesso che l'acqua possa averlo): indimenticabile la descrizione degli anziani in camiciola, in coda alla Fonte dell'Alpe. E proseguiamo con i poeti come Dino Campana, folle e immenso (e ...

Continua a leggere

Cibi&Ricette

Sognando in cucina

Due medici scrivono un libro di cucina. D'altra parte anche i medici mangiano. Se poi i due Autori ritengono che non solo mangiare insieme, ma anche cucinare insieme promuova il benessere psicologico e i legami fra persone, il gioco è fatto. E il libro è scritto. Ci sono piatti della tradizione più o meno rivisitati, si dà spazio ai prodotti tipici regionali il cui uso fa la differenza, ci sono 'invenzioni' come lo sformato di riso all'amatriciana. Infine colpisce in due medici l'uso di ingredienti normalmente poco consigliati dalla categoria: pancetta, guanciale e lardo (addirittura!). Ma ogni tanto, e sottolineiamo ogni tanto, qualche eccezione si può fare, per non sentirsi troppo puniti, per il buon gusto e per il piacere di cucinare e di mangiare...

Continua a leggere

Narrativa

Ancora un uomo

La Versilia, terra di vacanze e di riposo, ma non solo. Il male trova i suoi spazi anche in questa terra dorata. C'è il 'solito' cadavere rinvenuto casualmente. Non ha documenti e per questo il lavoro d'indagine è ancora più complesso. Le capacità di Fabio Valli, poliziotto di razza e controcorrente, infaticabile e amato dalle donne, sono messe a dura prova. L'autore del delitto è nella miriade di personaggi che intrecciano le loro storie le une con le altre. Ma l'Autore e il commissario non perdono mai il filo, seguendo una ferrea logica e un intuito che alla fine si rivela infallibile. E il mostro, perché di questo si tratta, verrà scoperto da Valli che metterà a repentaglio la propria vita. La narrazione scorre agile; lo stile...

Continua a leggere

Narrativa

Cose per non dormire

Sono solo 9 questi racconti, -ini solo per le dimensioni, perché in quanto a intensità e capacità evocative valgono per molti di più. Sospesi fra horror e noir, sono fatti apposta “per non dormire”, come vuole il titolo. Il cuore in gola è la costante condizione fisica e mentale in cui ci tiene la penna dell'Autore, nostra antica e gradita conoscenza, abile demiurgo di emozioni forti. Si comincia con Turno di guardia, con la follia strisciante di un soldato che, in notti fredde e interminabili, crede di vedere una bestia mostruosa, che poi si materializza davvero. L'ultimo racconto è Il vecchio della casa sulla collina. Protagonisti un vecchio dalle presunte capacità di esorcista e una bambina dallo sguardo fisso davanti a s...

Continua a leggere

Narrativa

Gente di via Gioberti

Strada subito all'esterno dell'antica cerchia muraria di Firenze. Si allunga fra Piazza Beccaria e piazza Alberti. È la strada di una storica e benemerita istituzione, quella dei Salesiani e e delle sue 100 botteghe dove i rapporti umani fra clienti e bottegai sono ancora quelli di una volta, di conoscenza, di confidenza e magari anche di amicizia. E poi ci sono i consueti 'personaggi' di quartiere. (Sì perché via Gioberti si può considerare un quartiere a tutti gli effetti). Cominciamo dalla “Bellona”, la Marylin di via Gioberti. Tutti si affacciavano sull'uscio della bottega o si affacciavano alla finestra di casa, quando passava lei, superba. Lei in realtà era timida e sottilmente infelice. Poi i Bozzolini, coppia sfortunata (entrambi ...

Continua a leggere

Narrativa

La Divina Commedia

Ha senso una nuova edizione della Divina Commedia? Certamente, se, come in questo caso, il testo dantesco è impreziosito dalle illustrazioni di Attilio Razzolini. Don Abbondio si sarebbe chiesto “chi era costui?”. Era un ingegnere vissuto a cavallo del XIX e XX secolo. Oltre a quella per il suo lavoro, aveva la passione della miniatura in stile. Ebbene dei privati possiedono la rarissima collezione completa di 100 cartoline (quando una volta si spedivano le cartoline – e le lettere!) stampate da altrettante miniature su cartapecora, realizzate da Razzolini in stile quattrocentesco, che illustrano ogni canto del poema, più una introduttiva per ogni cantica. Razzolini, inoltre, riprodusse il testo integrale della Commedia in stile gotico quattrocentesco, ...

Continua a leggere

Saggistica

La mia passione per il tartufo

È difficile resistere al suo fascino. Eppure all'apparenza è bruttino, così bitorzoluto e sempre sporco di terra. Non ha l'eleganza e i colori bellissimi di certi suoi colleghi che spuntano nel sottobosco odoroso. Ma, a proposito di profumi, quando si comincia ad affettarlo, sprigiona un aroma che strega e stordisce. Stiamo parlando del tartufo, per molti il re dei funghi. In realtà è un tubero (è un parente della patata, pensate un po'...) e trovarlo non è cosa da tutti. Anche perché, crescendo sotto terra, il tartufaio ha bisogno per forza di cose di un amico fedele: il cane da tartufo. Magari non è un bel cane, ma ha un olfatto finissimo e deve ricevere un apposito addestramento. È una triade perfetta: uomo, cane...

Continua a leggere