Coop_cultura

Toscana Rivelata

Visite agli Uffizi e Palazzo Pitti per i soci Coop

L'iniziativa di Unicoop Firenze che prevede visite guidate per i soci comprese nel biglietto d’ingresso sia agli Uffizi, che alla mostra di Palazzo Pitti, “Fragili Tesori dei Principi”

Visite guidate

Uffizi – il sabato, dalle 15 alle 16, il 12, 19, 26 gennaio e 2,9, 16 e 23 febbraio – Tutto esaurito

Uffizi, tre nuove date a febbraio!

Per venire incontro alle tante richieste dei soci sono state aggiunte tre nuove date.
Domenica 10, 17 e 24 febbraio, con due turni, uno alle 15 e uno alle 16, per la visita agli Uffizi. 25 partecipanti a visita. Costo per la prenotazione euro 4 a persona, più euro 12 a persona per il biglietto.

Prenotazioni: Harlem Viaggi di Pistoia (info@harlem-viaggi.it)

 

Palazzo Pitti – la domenica, alle 15 o alle 16, il 13, 20 e 27 gennaio e il 10, 17 e 24 febbraio (ancora qualche disponibilità).

Prenotazioni: Toscana Turismo, 0559119900

Agli Uffizi le nuove sale ma non solo

Nelle nuove sale inaugurate negli ultimi due anni agli Uffizi ci sono parecchi quadri da riscoprire come i capolavori di Michelangelo e Raffaello, ma merita una particolare attenzione la recente collocazione dei dipinti di Leonardo o la scoperta della collezione Contini Bonacossi, ora visibile a tutti.
La preziosa donazione fatta da Alessandro Contini Bonacossi nell’immediato dopoguerra, è stata di recente integrata nel percorso di visita della Galleria degli Uffizi, all’interno di otto nuove sale allestite per ospitarla. Spiccano alcuni capolavori come la Madonna della neve del Sassetta, il San Girolamo di Giovanni Bellini, la pala del Bramantino o il Ritratto di Giuseppe da Porto col figlio di Paolo Veronese.
Insieme ai dipinti e alle sculture si possono ammirare mobili, maioliche e oggetti, tra cui il notevole gruppo di stemmi in maiolica.

A Palazzo Pitti

Palazzo Pitti e la mostra sulle vie della porcellana tra Vienna e Firenze, che mette in risalto l'angolatuira fiorentina voluta da Ginori, che andò di persona a Vienna per avere il meglio disponibile.

Le opere esposte – porcellane, ma anche dipinti, sculture, commessi in pietra dura, cere, avori, cristalli, arazzi, arredi e incisioni – offrono un interessante dialogo tra le arti, per celebrare la magnificenza della porcellana durante il Granducato di Toscana sotto la dinastia lorenese. Ai prestiti hanno contribuito istituzioni nazionali e internazionali e i più importanti musei europei e statunitensi, oltre a diverse collezioni private.