Attore e giornalista. Attore teatrale (con esperienze al fianco di S. Randone, E. M. Salerno, A. Asti...), cinematografico (in film di Pieraccioni, Monicelli, Panariello, Vanzina...) e televisivo (in fiction come 'La squadra', 'Carabinieri 2", "Vivere", "Questa casa non è un albergo"...). Giornalista dal 1990, è anche speaker ed autore radiofonico. E' il conduttore del programma televisivo "InformaCoop".

Nel 2002 una testimonial d’eccezione per la campagna del Cuore si scioglie. Ecco il racconto di Bruno Santini nel n 1 dell’informatore del 2002:

Senza soste, la macchina della solidarietà si è già rimessa in moto, e questa volta con una partecipazione davvero straordinaria, quella di Carla Fracci. Sarà proprio lei a fare da testimonial alla seconda fase del progetto "Un cuore si scioglie", la campagna di adozione a distanza nei paesi del sud del mondo promossa lo scorso anno da Unicoop Firenze, Arci regionale e centri missionari toscani della chiesa cattolica.

«Mi sembra importante che un'iniziativa così bella e coraggiosa non sia decisa dalle autorità, ma parta dalla gente e dalla gente sia sostenuta - confessa l'artista, da sempre attenta ai problemi dell'infanzia -. Stringe il cuore pensare alla situazione di questi bambini, e delle loro famiglie. Ho la netta sensazione che noi, quotidianamente, facciamo davvero poco per loro. Spero di poter portare, attraverso la mia partecipazione, almeno un piccolo contributo a questa iniziativa di grande umanità».

L'obiettivo era quello di dare alla campagna un volto, che potesse comunicare delle emozioni e in qualche modo identificarsi con i contenuti e gli obiettivi della campagna stessa.

«Abbiamo voluto Carla Fracci al nostro fianco, e non soltanto perché è un nome famoso in tutto il mondo — dice Turiddo Campaini, presidente di Unicoop Firenze.  Sapevamo che è una persona dotata di grandissima sensibilità, in particolare per i problemi che riguardano i bambini. C'è sembrato il personaggio ideale per interpretare un concetto come quello dell'adozione a distanza e, allo stesso tempo, i nostri obiettivi».

Le nostre storie