• 17/03/2015
  • MERCI&COMMERCI

Ricarica l’ambiente!

L’inserimento dei detersivi alla spina nel circuito di Unicoop Firenze ha consentito di abbattere il consumo di plastica di almeno 160mila chili, secondo stime interne. Zero imballaggi anche per cereali sfusi e croccantini per cani e gatti: nel 2014 ne sono stati venduti 160mila chili!

Soci e clienti comprano un contenitore vuoto che servirà per molte volte e lo riempiono di detersivo. È un distributore di ultima generazione, facile da usare, che eroga detersivi Viviverde Coop, già ecologici in sé. Le referenze sono quattro: lavatrice, ammorbidente, piatti e pavimenti. Riempire lo stesso contenitore più volte è un’azione semplice, che incide in modo minimale sulle abitudini del consumatore. Eppure è un gesto importante perché grazie ai detersivi alla spina ci sono tanti flaconi di plastica in meno sul territorio.

Il loro inserimento nei supermercati, dal 2010 ad oggi, ha consentito di abbattere il consumo di plastica di almeno 160mila kg, secondo le stime di Unicoop Firenze.

L’altro aspetto positivo è il risparmio economico. Per il consumatore perché rispetto ad un prodotto analogo, il prezzo dei detersivi alla spina è inferiore del 20%. E, a pensarci bene, è anche un minor aggravio sulla bilancia dei pagamenti italiana perché meno plastica significa minori importazioni di petrolio, materia prima che da noi non abbonda, la cui lavorazione costa e inquina.

Imballaggi azzerati anche per i dispenser di cereali sfusi e croccantini per cani e gatti: dove sono stati inseriti è stato un boom. Farro Flakes, farro soffiato al naturale o nelle due versioni al miele o al cioccolato da scegliere, mischiare, pesare e portare alla cassa in semplici sacchetti senza tanti e inutili orpelli. Sono convenienti e basta usare un sacchettino, come si faceva un tempo per tanti piccoli acquisti. Sin dai primi giorni i consumatori hanno gradito la novità e a questi prodotti è stato tributato un grande successo: nel 2014 sono stati venduti ben 160 chili di prodotto sfuso.