• 14/10/2008

Pasta al ragù vegetariano

400 g pasta, 2 pomodori maturi, 200 g di peperoni, 300 g di melanzane, 150 g zucchini, 70 g carote, 70 g sedano, 1 cipolla, prezzemolo qb, basilico qb, olio qb, sale qb, pepe qb, olio extra vergine di oliva qb.

Pulire e tagliare a julienne (tagliare le vivande a listarelle) tutte le verdure. Rosolarle nella pentola con olio, la carota e il sedano. Unire le melanzane, e i pomodori, e dopo cinque minuti i peperoni e gli zucchini. Aggiungere di sale e pepe e finire la cottura. Saltare nel sugo così ottenuto la pasta cotta in precedenza.


Vegetariano in incognito

Il ragù vegetariano, o ‘sugo finto’, era una ricetta tipica delle campagne e delle zone montane, dove la gastronomia si basava su ricette povere ed estremamente semplici, legate ai prodotti forniti dalla terra, per cui la tavola era essenzialmente ‘vegetariana’ e la carne un lusso da riservare ad occasioni speciali.

Il ragù di carne per condire la pasta era concesso solo nei giorni di festa, per gli altri si usava appunto il ‘sugo finto’ ottenuto con le verdure del campo: un espediente cui facevano ricorso le cuoche di mezzo secolo fa , costrette ad inventarsi del surrogati per ciò che mancava, senza per questo rinunciare al sapore. Un po’ come avveniva con lo “stufato della Pelliccia”: molte patate, e poca ciccia!