• 17/01/2013
  • MERCI&COMMERCI

La "Tosca" si veste di nuovo

Nuova veste grafica esclusiva per Unicoop Firenze

Giornalista. Specializzata in argomenti di carattere socioeconomico, dal 1997 al 2015 ha collaborato anche con l'ufficio stampa di Unicoop Firenze. Ha lavorato per il settimanale economico ToscanAffari, Il Sole 24Ore Centro Nord e il Corriere Fiorentino.
La sua carriera come giornalista è iniziata nell'89 sulle pagine del Sole 24 Ore, ed ha al suo attivo numerose collaborazioni con quotidiani ed emittenti televisive, per le quali ha realizzato trasmissioni di carattere divulgativo legate ai Centri per l'impiego, su temi come la formazione e l'orientamento professionale.
Laureata in filosofia, ha un lungo percorso come ricercatrice nel campo della sociologia applicata, che l'ha portata nel '92 a collaborare per quattro anni al progetto Unicef "Il bambino urbano".

La pasta Tosca ha nuova veste grafica esclusiva per Unicoop Firenze. E' entrata in assortimento nel 2003, con un primato: la prima pasta certificata Agriqualità dalla Regione Toscana prodotta con solo grano duro regionale, proveniente dalla Val d'Orcia, Maremma, Crete senesi, colline pisane e livornesi.

Tutta la filiera produttiva è controllata e certificata dalla Regione Toscana che rilascia il marchio Agriqualità, identificabile con la "farfalla bianca" riportata in basso a sinistra della confezione. Un simbolo che sta a indicare che gli agricoltori, durante l'intero processo produttivo, seguono il disciplinare dell'agricoltura integrata. Un sistema sano e pulito che riduce l'uso dei prodotti chimici e vieta gli Ogm, tutelando così l'ambiente e la salute dei consumatori. Un numero riportato su ogni confezione consente al consumatore di conoscere la tracciabilità dell'intero processo produttivo. La Tosca è insomma una pasta di casa nostra che esprime i sapori del territorio ed è accessibile a tutte tasche.

Soci e consumatori di Unicoop Firenze hanno subito apprezzato il sapore "nostrano" della Tosca, in un mercato in cui il 40% del grano duro utilizzato per la pasta proviene dall'estero, e il prodotto si è ormai consolidato nelle abitudini alimentari dei toscani. Le varietà più amate sono fusilli e penne rigate.

La Tosca è prodotta da Toscana Cereali, cooperativa agricola con oltre 4100 aziende aderenti, che opera in tutta la regione dall'89 coinvolgendo migliaia di produttori fra piccole aziende a conduzione familiare e imprese più consistenti.

Il grano viene selezionato nei centri di stoccaggio di Toscana Cereali e delle cooperative aderenti. Solo il migliore viene utilizzato per la produzione della pasta Tosca. Il grano viene poi macinato in un unico mulino con sede a Lucca e la semola ottenuta viene "pastificata" utilizzando solo trafile al bronzo, che danno alla pasta la giusta consistenza, rendendola ruvida e porosa, perfetta per assorbire ogni tipo di sugo. L'essiccazione a bassa temperatura (max. 57°) mantiene intatte tutte le proprietà nutritive del grano impiegato.

(L.D.)