• 16/10/2014
  • MERCI&COMMERCI

La spesa senza plastica

Il 70% dei clienti di Unicoop Firenze usa borse riutilizzabili per fare la spesa e non è più schiavo dei sacchetti usa e getta. Una rivoluzione culturale che in tre anni ha consentito di risparmiare ben 2571 T di plastica. Tutto a vantaggio dell’ambiente

Shopper biodegradabili in Mater-Bi nei punti vendita Coop

Oggi ben sette soci e clienti su dieci vanno a fare la spesa nella rete di vendita di Unicoop Firenze portandosi la borsa da casa. La cooperativa ha incentivato per molto tempo questo cambiamento di abitudini con la comunicazione innanzitutto, ma anche con la distribuzione gratuita ai soci di migliaia di borse riutilizzabili.

C’è tuttavia ancora un 30 per cento di soci e clienti che per fare la spesa ha bisogno di shopper, e in questo caso ci pensa il Mater-Bi, la sostanza di cui sono fatti i nuovi sacchetti inseriti già dal 2009.
Nei tre anni in cui Unicoop Firenze ha eliminato gli shopper di plastica in piena autonomia, anticipando la normativa entrata in vigore nel 2012, sono state risparmiate ben 2571 tonnellate di plastica! Tutto materiale che non è finito in discarica, negli inceneritori, o disperso nell’ambiente.

La materia prima degli eco-shopper, il Mater-Bi, è fornita da Novamont, ed è la stessa dei nuovi guanti e sacchetti per frutta e verdura. Si tratta di una famiglia di bioplastiche contenenti amidi e oli vegetali e i sacchetti possono essere utilizzati (è certificato) per la raccolta differenziata dei rifiuti organici e diventare compost, un terriccio utile in agricoltura e giardinaggio. Unicoop Firenze è il primo operatore fra le grandi insegne della distribuzione in Italia che utilizza solo questo materiale per guanti, sacchetti e shopper.