• 12/01/2012

Funghi secchi

È possibile e facile essiccare da sé le quantità di funghi eccedenti il proprio consumo.

Per essiccarli si tagliano a fette da disporre ordinatamente in un unico strato su carta di alluminio, su tavole di legno, su graticci di vimini, o su canovacci, da esporre al sole.

Non appoggiarli mai su carta stampata perché essa può cedere ai funghi le sostanze contenute negli inchiostri.

Se tira vento, l’essiccamento è garantito anche tenendoli all’ombra, ma evitare di tenerli all’aperto nelle giornate molto umide.

Coprirli in ogni caso con un telo leggero, che agisce da filtro al pulviscolo atmosferico.

Si può anche ricorrere all’essiccamento artificiale, ponendoli vicino alle stufe o in forni debolmente riscaldati, ma con risultati qualitativamente inferiori rispetto ai sistemi naturali.