Parterre luogo di tutti

Dal 10 maggio all'11 ottobre 2021, Unicoop Firenze ha promosso una campagna di crowdfunding con la Filarmonica Pietro Borgognoni e l'Associazione Borgognoni- Parterre, con il patrocinio del Comune di Pistoia, per il restauro del Pantheon degli uomini illustri di Pistoia , nella centrale pizza San Francesco, con contributi alle casse dei Coop.fi, online sulla piattaforma Eppela. oppure con donazioni tramite bonifico bancario, o partecipando alle tante iniziative organizzate sul territorio

La campagna ha coinvolto :
oltre 4700 sostenitori in
oltre 100 eventi

organizzati dal comitato promotore. Grande la partecipazione dei pistoiesi e delle associazioni cittadine, prima fra tutti la Banda Borgognoni, che è in prima persona l’anima del Parterre.

La raccolta fondi ha davvero toccato il cuore di tutti i pistoiesi e lo dimostra, al di là del risultato economico. Sono infatti
oltre 30 gli enti e le associazioni
coinvolte sul territorio.

Complessivamente sono stati raccolti e donati, compreso il raddoppio delle donazioni dei soci da parte di Unicoop Firenze ed un ulteriore contributo della Cooperativa,
76mila euro.

“Siamo molto soddisfatti per il risultato della raccolta fondi e perché con questa campagna ci eravamo dati l’obiettivo di far conoscere la storia del Parterre e far appassionare i pistoiesi alle vicende del monumento, della piazza e alle sue potenzialità – spiega la presidente della sezione soci Coop di Pistoia, Paola Birindelli – i numeri dicono che ci siamo riusciti e che oggi il Parterre è davvero molto più luogo di tutti”.

“La partecipazione della città alla raccolta fondi promossa dai soci Coop è la dimostrazione di quanto il Parterre sia un luogo del cuore per noi pistoiesi. Gli sforzi di tutti e l’unione di tanti soggetti stanno portando ad un grande risultato di cui già vediamo i primi frutti, con i lavori in corso per il recupero del Pantheon degli uomini illustri. Per l’Amministrazione Comunale restituire questo luogo alla città era prioritario. Lo stiamo facendo accompagnati e sostenuti da tante persone. Grazie ai soci Coop, a chi sostiene questo recupero e grazie a chi, per anni, ha mantenuto vivo il Parterre: la Banda Borgognoni”, afferma il sindaco di Pistoia, Alessandro Tomasi.

IL VIDEO

Un po' di storia. Di cosa si tratta?

È il luogo dove fu piantato l’Albero della Libertà, simbolo della Rivoluzione Francese. Ci troviamo nel Prato del Parterre di Pistoia, che dal 1811 al 1814 assunse il nome di piazza Napoleone o Foro Bonaparte. E proprio qui fu deciso di costruire un edificio per rendere omaggio alle glorie locali: il Pantheon degli uomini illustri.
Il Pantheon dedicato agli Uomini Illustri fu disegnato nel 1812 dal Cavaliere Cosimo Rossi Melocchi ed ha connotati che rientrano in quella tendenza, allora in voga, di reinterpretare in chiave moderna tipologie architettoniche classiche.

L'AVVIO DEL RECUPERO
Le fortune di questo luogo sono state alterne e la destinazione è cambiata più volte nel tempo: caffè concerto, ma anche canile, gelateria, sala da ballo, fino all’abbandono e al progressivo degrado, in parte mitigato dalla presenza della Filarmonica Borgognoni che ha sede in alcuni degli spazi interni del Pantheon e che non ha mai smesso di prendersi cura dell’area esterna.
La lunga storia di questo luogo prende ora un’altra direzione, con l’operazione di recupero avviata dal Comune con l’obiettivo di mettere in sicurezza e riqualificare l'edificio monumentale e restituire alla città uno dei suoi luoghi simbolo.
I fondi raccolti saranno utilizzati per sostenere l'intervento di restauro di questo luogo, con l'obiettivo di fargli recuperare lo splendore e la funzione che nel corso dei secoli ha rivestito per la città di Pistoia e i suoi cittadini.

Vuoi saperne di più?

Clicca qui