Trovati 72 risultati per l'argomento itinerari enogastronomici

La gatta e la luna

"Luna lontano cammina lenta, abbiamo la gatta che t'annusasvelta"La gatta e la luna 2Questa piccola rima, trovata in un libretto scritto secoli fa, sembra ispirarsi a un confortevole ristorante delle colline livornesi chiamato "La Gatta e la Luna", dove la gatta c'è veramente e per l'appunto si chiama Luna.La micia la trovate subito all'ingresso, comodamente sdraiata sulla consolle, che controlla con occhi sornioni l'entrata dei clienti. Sembr...


I sapori del frantoio

I sapori del frantoio 2Sulla via provinciale che da Lucca va a Camaiore, vicino al confine con Massarosa, alla località La Mea (termine di origine longobarda), c'è un frantoio del 1600 adibito a ristorante, gestito dal 1969 da Rino Banuccelli che, con la sorella Pierina, sapiente cuoca, ha creato un familiare quanto originale luogo di ristorazione.In questo luogo suggestivo, immerso nel verde della valle della Freddana, con il torrente che vi ...


La cucina cantata

La cucina cantata"Al Castello di Lamole, risorto da secolar squallore a nuova vita, accanto a un'aia, e a un fico tutto torto, puoi gustar la cucina più squisita...".Così scrive il noto cantante toscano Riccardo Marasco, che ha aperto un ristorante, "Aia dei Canti", nel piccolo borgo medievale del Castello di Lamole.«Gli ho dato questo nome - dice sempre Marasco - perché nei canti ritrovi le passioni, lo slancio verso i giorni più felici».Iniz...


Con il Gatto e la Volpe

Con il gatto e la volpe"Cammina, cammina, cammina, alla fine sul far della sera arrivarono stanchi morti all'Osteria del Gambero Rosso". Questa è l'osteria di cui si parla ne "Le avventure di Pinocchio", del grande scrittore Carlo (Lorenzini) Collodi, dove il celebre burattino si fermò a cena con il Gatto e la Volpe, lungo il tragitto verso il Campo dei miracoli.L'Osteria del Gambero Rosso, di cui parliamo in questo numero, è nel piccolo paese...


Nana e cignale

Nana e cignale 2A venti minuti dal centro di Firenze, sulle colline prospicienti la bella valle del Mugello, prendendo la SS 65 (la via Bolognese) in direzione del medievale paese di Bivigliano, sul fianco occidentale di Monte Senario ci appare sulla destra all'improvviso il ristorante Villa Vecchia, immerso completamente nel verde.Nel 1824, allorché la nobile e ricca famiglia Demidoff acquistò il parco fiabesco realizzato dal Buontalenti per ...


La patria del poncino

Le originali vicende dei locali livornesi




A tavola fuori porta

I guardiani della CassiaLa via Cassia, che da Firenze passando da Tavarnuzze va agli Scopeti, è dominata da un erto colle chiamato Montebuoni. Nel XIV secolo vi sorgeva un castello, la cui famiglia era dedita al taglieggiamento dei passanti nella sottostante Cassia. La città di Firenze, mal sopportando questa specie di brigantaggio vicino al suo territorio, decise finalmente di abbattere il castello liberandosi così, una volta per tutte, di un...


Osterie fuori porta

Osterie fuori porta 1Trattoria Casabella, azienda agricola LavacchioVia Montefiesole 55, Pontassieve (Firenze)Tel. 055 8317472, fax 055 8317395Prezzo medio 25 euro (esclusi vini). Carte tutte, prenotazione necessaria.Sulla sommità del colle 'Montefiesole' (ad un'altezza di 400 metri circa), sopra Pontassieve, lungo l'antico percorso di origine romana che - oltrepassato il fiume Sieve - risale il poggio per affacciarsi sulle valli di Firenze e...