Un servizio per vendere in internet senza computer. Due giovani donne ci provano a Empoli

Scritto da Giulia Caruso |    Marzo 2008    |    Pag.

Giornalista Si è formata professionalmente come collaboratrice stabile della cronaca toscana de l'Unità, redazione cultura e spettacoli, dal '90 al '97, per la quale si è occupata di musica - in prevalenza rock - moda, costume e cinema. Attualmente collabora con il Corriere di Firenze per il quale è corrispondente per la cronaca locale da Empoli, e per il mensile Rockstar. Esperta di linguaggi e culture giovanili, di viaggi e turismo, è inoltre appassionata di enogastronomia.

vendere in rete_01
Sette nani da giardino, la maglia con cui Francesco Totti ha segnato il suo 100esimo goal in serie A, all'asta per beneficenza, un aereo ultraleggero, un intero allevamento ittico. E poi videocamere, videofonini e pc, francobolli, pellicce e televisori, fiori e animali, statue e complementi di arredo, vini e dolciumi. Libri d'autore, stampe erotiche e oggetti sacri. Rarità e cianfrusaglie. L'elenco potrebbe continuare all'infinito. Infatti quelli citati sono solo alcuni degli oggetti che sono stati, o sono attualmente in vendita su eBay.it, ramo italiano del mercato on line più grande del mondo, in cui chiunque può comprare e vendere praticamente ogni cosa senza intermediari, in qualsiasi momento, da qualunque postazione internet e con diverse modalità. Esistono diversi formati di vendita: all'asta che vede gli acquirenti fare offerte per aggiudicarsi la merce o anche con la vendita diretta, modalità annunciata sotto la voce "compralo", o "compralo subito".

Presente in 36 mercati internazionali, eBay conta 233 milioni di utenti. Fondata nel settembre 1995 da Pierre Omidyar, intraprendente programmatore elettronico di origine iraniana, a San Josè (California) nell'ormai leggendaria Silicon Valley, culla della new economy, la sua ascesa non ha avuto ostacoli, registrando in breve cifre da capogiro. Da noi eBay sbarca nel gennaio 2001 con il sito www.ebay.it. Da allora siamo diventati il paese europeo con la crescita più rapida. Secondo i dati Nielsen Net Ratings del novembre 2007 eBay si è classificato al primo posto fra i siti di e-commerce in Italia, con più di 8.754 milioni di visitatori e più di un miliardo di pagine viste. Nella nostra regione, ad esempio, alla fine di gennaio sono state rilevate 589 inserzioni sul sito con merce di tutti i tipi, in prevalenza oggetti da collezione ma anche prodotti tipici, oggetti di artigianato e informatica, contro le 202 inserzioni registrate nel febbraio 2006. Un mercato in crescita esponenziale ma che spesso ha i suoi lati oscuri. Ad esempio, i carabinieri del Nucleo tutela patrimonio artistico della Regione Toscana e Umbria, proprio seguendo le piste telematiche, sono riusciti a ritrovare molte opere rubate in Italia, non solo in Toscana, registrando che eBay, è uno dei mezzi più utilizzati negli ultimi anni dai trafficanti per rivendere quadri e materiale numismatico.

Da Empoli al mondo
Si chiama drop-off shop ma in Italiano si traduce come "Affari in vista!". Se ne parla dal 2005 ed è un servizio che offre la possibilità di vendere i propri oggetti su eBay tramite una catena di negozi in franchising, dislocati in molte regioni italiane. "Affari in vista!" nasce da un'idea di Maurizio Puccio, ingegnere elettronico, dirigente commerciale del Gruppo Swatch, consulente marketing e vendite per aziende Telecom Usa in Europa, ma soprattutto utente di eBay già dal 1998. «Si tratta di un servizio innovativo, per rendere eBay alla portata di tutti», spiegano Vanessa Tendi e Judith Smiths, due giovani imprenditrici che gestiscono il punto "Affari in vista!" di Empoli, il primo negozio del genere in Toscana, inaugurato lo scorso anno.
«I clienti venditori ci portano l'oggetto, noi lo stimiamo, lo fotografiamo, prepariamo l'inserzione per metterlo in vendita su eBay. Intanto il cliente può lasciare l'oggetto in deposito da noi o riportarselo a casa. Una volta terminata l'asta, se l'oggetto è stato venduto riceviamo il pagamento dall'acquirente, imballiamo e spediamo l'oggetto in qualsiasi parte del mondo. Infine il cliente incassa il pagamento, dedotto un compenso per noi». Per le piccole imprese è un'opportunità di vendere i propri prodotti in internet senza costi eccessivi. «Ma soprattutto - spiega Vanessa - la nostra vetrina telematica potrà portare i prodotti delle aziende della nostra zona (ceramiche, pelle, vetro) in tutto il mondo: ci rivolgiamo infatti anche a questo settore perché riteniamo di poter contribuire ad incrementare le vendite, specialmente dei prodotti che si vendono in tempi lunghi».

vendere in rete_02
Al momento in Italia funzionano 17 office point. Il negozio di Savona vanta ormai centinaia di clienti e migliaia di aste andate a buon fine. È diventato un punto di riferimento per collezionisti, appassionati d'arte, ma anche per chi ha semplicemente qualcosa da vendere. Proprio da lì un cimelio del famoso panfilo Elettra di Marconi è volato verso gli Usa e alcune lettere autografe di Grace Kelly sono state acquistate da un romantico collezionista francese. Nel 2006 "Affari in vista!" è stato selezionato da eBay Usa come unico rappresentante italiano per le piccole e medie imprese che operano sulla piattaforma eBay, in occasione della presentazione al Parlamento europeo a Bruxelles.