Arca-Empoli
Aiutiamoli!

Arca è un'associazione onlus formata da volontari che, dal 1978, si occupa di cani abbandonati e gestisce il canile rifugio di Empoli dal 2007. Attualmente nel canile soggiornano circa 200 cani, recuperati sul territorio comunale e tutti in attesa di una famiglia che li voglia adottare.

I volontari si adoprano per ridare dignità e voglia di vivere a queste povere bestiole che sono state abbandonate e spesso vittime di maltrattamenti, cercando anche di ricollocarli in famiglie che ne abbiano rispetto e che diano loro tutto l'affetto di cui hanno bisogno.

Info: Tel. e fax 0571580377; 057161940; 3476100473

 

Pulizia dei denti per gli amici a quattrozampe
Perché e quando

Secondo l'Istat oltre quattro milioni di famiglie posseggono almeno un cane, e altrettanti, se non di più, un gatto. Amici fedeli che hanno bisogno di cure, anche quelle dei denti. Ma come e perché? Sentiamo qualche consiglio dal dottor Giuliano Pellegrini, medico veterinario. «Come noi umani anche i nostri piccoli amici a quattro zampe hanno bisogno di igiene dentale con maggior frequenza rispetto all'uomo. Loro, infatti, non possono usare spazzolino e dentifricio e la placca batterica in circa 48-72 ore mineralizza formando il tartaro ed i cibi, a meno che non abbiano additivi specifici, non hanno potere pulente».

Dunque la presenza di tartaro può provocare dei problemi? «Certo, talvolta anche gravi - prosegue Pellegrini - con forte dolore e possibilità di coinvolgimento di altri organi dovuti ad infezione. È importante ricordare che nel cane e nel gatto i denti, oltre che per masticare servono per afferrare oggetti che, in qualche modo sostituiscono le funzioni delle nostre mani. Un comportamento che nei cuccioli è ancora più evidente». Proprio come i piccoli umani per cui il mettere in bocca è un modo per rapportarsi con l'esterno. Ma torniamo ai nostri amici non umani: una corretta igiene come e quando deve essere fatta? «Ovviamente dal veterinario almeno una volta all'anno a seconda delle razze - conclude Pellegrini - ed in anestesia perché sottoporre cani e gatti a detartrasi da svegli, senza alcun tipo di sedazione, è un'inutile atto di maltrattamento effettuato solo a fini estetici». (A.V.)