Scritto da Edi Ferrari |    Marzo 2005    |    Pag.

Giornalista. Dal 1988 nel magico mondo della comunicazione (uffici stampa, pubbliche relazioni, editoria, eccetera), e con una quasi (senza rimpianti) laurea in Lettere, collabora con Unicoop Firenze anche per l'aggiornamento dei contenuti del sito internet, per le pagine del tempo libero. Ha lavorato anche nella redazione di Aida (attuale Sicrea), dove si è occupata principalmente della realizzazione di trasmissioni televisive, fra le quali anche InformaCoop. Per l'Informatore si occupa delle pagine degli "Eventi".

Spesa in rosa o celeste 3
Autrici, registe, attrici
, scenografe, organizzatrici e direttrici di teatro, tutte insieme per promuovere e sviluppare il teatro-donna in ogni sua espressione: è l'associazione culturale Teatro delle Donne che, dal 1991, lavora proprio con questo obiettivo.
Nel 1996 è stato poi costituito il primo Centro nazionale di Drammaturgia delle Donne, una struttura unica in Italia che, fra l'altro, si occupa della produzione e diffusione di spettacoli di drammaturgia contemporanea: oltre agli spettacoli, letture e mises en espace che vengono presentate ad ogni edizione di "Autrici a confronto", dove ogni anno viene data vita anche ad una o due produzioni di autrici contemporanee.

E proprio una nuova produzione andrà in scena in anteprima l'8 e il 9 aprile: si tratta di "Congelata", di Silvia Calamai, a cura di Sandra Garuglieri e con Angela Antonini.
Protagonista dello spettacolo è una donna dall'età imprecisabile e imprecisata, che vive attaccata al telefono in un reiterato tentativo di comunicazione per uscire dall'isolamento, per difendere la propria identità.
Una donna che cerca di continuare una specie di vita, estinguendosi lentamente, ma che in ogni caso sopravvive, egregiamente, ripetendo dentro la cornetta che è il mondo intero a essere malato, non lei.

Per i soci ingresso ridotto (8,00 € invece di 10,00 €).

Teatro delle Donne - Centro nazionale di Drammaturgia delle Donne c/o Teatro Manzoni, via Mascagni 18, Calenzano (Firenze), tel. 055 8876581; www.donne.toscana.it/centri/teatrodonne