Karel Appel

Scritto da Stefano Giraldi |    Maggio 2009    |    Pag.

Giornalista e fotografo Specializzato in arte ed architettura. Ha realizzato un gran numero di cataloghi per artisti contemporanei italiani e stranieri. È stato a capo di campagne fotografiche per la realizzazione di numerosi volumi sui palazzi e chiese di Firenze per importanti case editrici con le quali collabora tuttora.

Uno dei movimenti pittorici più vivaci e importanti del secolo appena trascorso è il Cobra, il cui nome è composto con le sigle di Copenaghen, Bruxelles e Amsterdam, fondato nel 1948 dai pittori Jorn, Appel, Corbeille, Alechinski.
Comune a tutti i suoi componenti è la matrice espressionista tedesca e nordica sfociante in una pittura dove la materia cromatica esplode sulla tela con straordinaria e furiosa vitalità, soprattutto nei quadri di Karel Appel.

Ho avuto l'onore e il privilegio di essere stato il fotografo personale di Appel. Questi era un omone alto e grosso e contrastava simpaticamente con la moglie Harriet, piccola e magra.
Una sera fui invitato con un amico artista nella villa di Appel a Mercatale Val di Pesa; fu una cena squisita preparata dalla moglie olandese.

In tavola Appel aveva portato un vino straordinario che non conoscevamo. Naturalmente essendo in quattro e non propriamente astemi, la bottiglia finì presto e il maestro si alzò per prenderne un'altra dicendo nel suo italiano incerto: "se piacere vino io prendo altro, mio collezionista è il produttore e ho dei cartoni".
Di bottiglie alla fine della serata ne andarono via in tutto quattro, una a persona. Era veramente buono!

Qualche giorno dopo il mio amico che si era informato sul vino della cena, mi disse: "sai quanto costa quel vino? Oltre 500.000 lire a bottiglia."
Ci venne una punta di senso di colpa ma il vino che ci aveva dato Karel Appel era proprio un vino da un artista!


Foto di Stefano Giraldi


Notizie correlate

Avanguardia a Palazzo

Le opere di Claudio Parmiggiani in mostra a Palazzo Fabroni. Scontato del 50% il biglietto per i soci Coop