Qualità e sicurezza dal Centro freschi di Pontedera

Scritto da Gianni Carpini |    Ottobre 2018    |    Pag. 17

Giornalista, blogger e videomaker.

Laureato in Scienze della comunicazione all’Università di Siena, si occupa di contenuti per internet, strategia social e web, video produzioni e collabora con testate locali fiorentine per cui scrive approfondimenti e inchieste su temi di attualità.

Ha iniziato nel 2003 come giornalista radiofonico (syndication Cnr radio FM, Radio Cuore, Rdf 102.7) e ha lavorato per l’agenzia multimediale di RCS, per cui ha realizzato video anche per il sito Corriere.it.

Dal 2013 fa parte della redazione di Informacoop, la trasmissione tv di Unicoop Firenze.

Territori

Da “piatto povero” a protagonista anche nei menù di noti ristoranti: è la rivincita dell’hamburger o di quella che, in gergo nostrale, è la classica “svizzera”. E, di fronte al boom di richieste, anche il supermercato amplia l’offerta puntando tutto sulla qualità degli ingredienti: «Da parte di soci e clienti le richieste di hamburger pronti da cuocere sono cresciute molto: quest’anno prevediamo di venderne oltre un milione di chili - spiega Simone Trucioni, responsabile acquisti carni di Unicoop Firenze - con un assortimento che, nel tempo, si è arricchito di nuove selezioni di carni e nuovi formati». Piccoli, medi o enormi, l’assortimento prevede sia hamburger di solo macinato che preparazioni di carne insaporite con l’aggiunta di altri ingredienti naturali (fecola di patate, amido di riso, barbabietola, sale ecc.): si va dai mini burger Fior fiore, all’hamburgerone toscano da duecento grammi.

Ce ne sono per tutti i gusti: gli hamburger di scottona Fior fiore (nata e allevata in Italia) sono delicati al palato, la carne piemontese è più magra, la chianina è ottima per chi ama i sapori decisi. E poi ancora: vitellone, vitello italiano, suino e il misto bovino-suino. «Sono preparati nel centro freschi di Unicoop Firenze a Pontedera - continua Trucioni - dove vengono svolti controlli di qualità da parte nostra e da laboratori di analisi esterni. Il prodotto finale è tenero e gustoso, grazie all’attenta selezione delle carni e dei tagli e alla giusta frollatura».

Arricchiscono l’offerta gli hamburger di pollo, tacchino e bovino, tutti biologici, di un fornitore esterno. Accanto alle vaschette già pronte, con assortimenti diversi a seconda del punto vendita, i banchi serviti propongono inoltre medaglioni di carne fatti sul momento e alternative sfiziose con olive o formaggio. Veloci da preparare, sì, ma la cottura va fatta a puntino: la carne non deve passare dal frigo al fuoco ma restare per un po’ a temperatura ambiente prima della cottura e la piastra deve essere ben calda per creare la tipica crosticina che mantiene all’interno i succhi. E poi via alla fantasia di salse ed erbe aromatiche con cui guarnire il panino o il piatto.


Notizie correlate

latte mugello

Fra pascoli e stalle

In Toscana aumenta il numero dei bovini. E nel Mugello produzione e turismo vanno a braccetto con le Vie del latte