Una biblioteca con 5000 volumi sulla storia e le tradizioni dei Comuni toscani

Scritto da Giulia Caruso |    Maggio 2011    |    Pag.

Giornalista Si è formata professionalmente come collaboratrice stabile della cronaca toscana de l'Unità, redazione cultura e spettacoli, dal '90 al '97, per la quale si è occupata di musica - in prevalenza rock - moda, costume e cinema. Attualmente collabora con il Corriere di Firenze per il quale è corrispondente per la cronaca locale da Empoli, e per il mensile Rockstar. Esperta di linguaggi e culture giovanili, di viaggi e turismo, è inoltre appassionata di enogastronomia.


Nel cuore di Firenze, il quattrocentesco palazzo Panciatichi, sede del Consiglio regionale, ospita una biblioteca davvero unica. Si tratta della Biblioteca dell'identità toscana. Inaugurata nell'aprile del 2004, è diventata nel corso degli anni, punto di riferimento per ricercatori, studenti giornalisti, fotografi, o semplici appassionati di storia locale, facendosi promotrice di iniziative sulla storia, le tradizioni, la vita quotidiana e le attività dei Comuni. Fulcro della biblioteca è il Fondo Giorgio Mugnaini che annovera 21.000 documenti che il bibliografo toscano ha diligentemente raccolto dagli anni ‘60 in poi. Volumi, fascicoli e raccolte di periodici, riviste edite dai Comuni e dalle associazioni locali. A questa ricchissima e variegata documentazione, si aggiungono i 5.000 volumi della Biblioteca del Consiglio regionale che raccolgono la storia e le tradizioni di tutti i Comuni toscani. Alloggiata in due sale, la struttura è in attesa di trasferirsi nella nuova sede nel 2013.

Toscanità
Tutto nasce nel 2003 dalla proposta di Riccardo Nencini, all'epoca presidente del Consiglio regionale di creare "una biblioteca della toscanità", in occasione della donazione del Fondo Mugnaini. Il curatore di quella collezione, ex dirigente della Provincia di Firenze, bibliografo per passione, è da sempre interessato alla storia della Toscana e dei suoi Comuni. Ne è un esempio il suo ultimo lavoro edito nel 2008 da Olschki, Contributo a una bibliografia sui comuni della Toscana: i comuni della Provincia di Firenze, oltre a numerose altre bibliografie precedentemente pubblicate su territori, luoghi, paesi e città della Regione.
«Il frutto di quel giornaliero lavoro bibliografico,- spiega la direttrice della Biblioteca, Anna Maria Sciortino -, redatto a mano dall'autore, ignorando volutamente computer, software di catalogazione e internet, è costituito da questa collezione realizzata in più di 40 anni di pazienti e minuziose ricerche sul campo».
Il catalogo di tutto il patrimonio librario e documentale della Bit, che fa parte di CoBiRe - la rete delle biblioteche e dei centri di documentazione dell'Ente Regione Toscana - a cui la Biblioteca dell'identità toscana aderisce, è aggiornato giornalmente e permette anche la ricerca delle ultime acquisizioni.
Oltre alla conservazione e alla consulenza, la biblioteca promuove attività di ricerca tra cui, quelle in collaborazione con il Notiziario Bibliografico Toscano. Una collaborazione che ha avuto come risultato la pubblicazione di un volume e di una mostra su Emma Perodi, l'autrice delle Novelle della Nonna, e una raccolta di opere di Indro Montanelli che abbraccia circa settanta anni di attività del grande giornalista di Fucecchio.

Ricerche on line
Devo fare una ricerca sulla storia della calzatura, legata al territorio di Monsummano Terme; vorrei notizie sulla storia della cucina toscana vista dalla parte del prodotto con indicazioni sulle stagionalità e tradizioni sociali. Quali libri o articoli consultare su piani sanitari regionali toscani? In quali testi posso trovare notizie sulle vecchie mura di Montalcino? Perché via di Camaldoli si chiama così? Vorrei notizie sulla storia del Giglio di Firenze. Sto cercando libri che mi permettano di conoscere ed approfondire la storia di Villa Balbo a Punta Ala.
Sono solo alcune delle domande a cui risponde il servizio "Chiedi in Biblioteca". «Si rivolgono a noi, - dice la dottoressa Sciortino -, anche persone interessate per una sola volta alla storia di un personaggio o di un singolo fatto di cronaca accaduto nel proprio Comune, e che hanno magari coinvolto componenti della propria famiglia. Molte richieste anche curiose sono arrivate dall'estero, da Paesi come Francia, Spagna, Irlanda».
"Chiedi in Biblioteca" è un servizio on line che mette a disposizione di tutti i cittadini le risorse e le professionalità delle biblioteche toscane per 24 ore al giorno, sette giorni su sette. La Bit collabora a questo servizio rispondendo a domande che riguardano la Regione e i suoi Comuni e in particolare la loro storia. Gli utenti iscritti hanno a disposizione uno spazio personale per usufruire del servizio prenotazioni, prestito e prestito interbibliotecario. Si può salvare le copie delle ricerche eseguite, creare bibliografie con i dati bibliografici del catalogo, selezionare le informazioni bibliografiche relative alle pubblicazioni recenti e fare proposte d'acquisto.

L'intervistata è Anna Maria Sciortino, direttrice della Biblioteca dell'identità toscana.

Biblioteca dell'identità toscana del Consiglio regionale della Toscana
www.consiglio.regione.toscana.it/biblioteca/bit
e-mail: bit@consiglio.regione.toscana.it

Orario di apertura dal lunedì al venerdì (8.30-12.30), martedì anche dalle 14 alle 18. Visite anche su appuntamento: 0552387819, 0552387645; fax 0552387072