Con l’Informatore di maggio, l’opuscolo sul progetto dell’Oms per promuovere le regole fondamentali per “guadagnare salute”

Scritto da Sara Barbanera |    Maggio 2012    |    Pag.

Laureata in Scienze della comunicazione presso l'Università La Sapienza di Roma nel 2001, nel 2016 consegue la laurea in Sviluppo Economico e Cooperazione Internazionale presso l'Università degli studi di Firenze.

È giornalista dal 2001, dopo la collaborazione con la cronaca umbra del Messaggero e con altri periodici locali.

Dal 2004 lavora in Unicoop Firenze dove, per 5 anni, ha svolto attività in vari punti di vendita, con un percorso di formazione da addetta casse a capo reparto servizio al cliente. Dal 2009 al 2011 ha coordinato le sezioni soci Coop di Firenze.

Dal giugno 2011 è direttore responsabile dell'Informatore Unicoop Firenze, responsabile della trasmissione Informacoop e della comunicazione digitale presso gli spazi soci Coop.

"Guadagnare salute" in quattro mosse: facile a dirsi e forse, anche a farsi, come sostiene l'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) che dal 2006 promuove l'omonimo progetto, condiviso nel 2007 anche da Ministero della salute, Regioni e Province.
Lotta al tabagismo, all'abuso di alcol, promozione del movimento e di un'alimentazione corretta: queste le quattro regole guida per "rendere facili le scelte salutari", come recita il sottotitolo del progetto.
Se il titolo non suona nuovo, le novità non mancano e sono a disposizione dei salutisti già convinti e degli scettici del caso, tutti comunque interessati alle malattie croniche che il progetto contrasta: il sito www.guadagnaresalute.it offre informazioni sulle 4 aree di un programma che, dal 2008 ad oggi, ha raggiunto notevoli risultati ma che non si adagia sugli allori. Recenti indagini svolte a Firenze dimostrano che la strada è ancora lunga e non si fermerà al 2013, anno di chiusura del piano dell'Oms.


Il rapporto della Asl 10 di Firenze, Passi per guadagnare in salute, pubblicato lo scorso marzo, rileva che nel campione di intervistati fra i 18 e i 69 anni, il consumo di frutta e verdura è diffuso, ma solo l'11% la consuma 5 volte al giorno; ancora: solo il 35% segue le raccomandazioni sull'attività fisica, mentre il 21% è completamente sedentario. Sul fronte dipendenze, due terzi degli intervistati consumano alcol e il 21% ha abitudini a rischio. Quanto al fumo, il numero degli ex fumatori (25%) quasi eguaglia quello dei fumatori (29%).
Ai bilanci seguono le proposte, come la nuova campagna per le scuole del Ministero della Salute, in cui l'eroe Capitan Cuk sfrutta le proprietà di frutta e verdura per salvare gli abitanti del pianeta Health dal cattivo Golosix.
Fra un cartone animato e una passeggiata di salute, intanto gli operatori faranno il punto alla seconda manifestazione nazionale del programma "Guadagnare Salute", fissata a Venezia per il 21 e 22 giugno prossimi.

Le buone pratiche
Una scossa in ambito locale viene dal progetto della Asl 10 di Firenze "E vai con la frutta" che insegna l'alfabeto alimentare, partendo dai più piccoli per arrivare ai più grandi, come spiega Stefania Polvani, direttrice Asl Educazione alla Salute: «Nel 2010 abbiamo dato il via all'iniziativa nelle scuole dove abbiamo distribuito frutta e verdura, promuovendone il consumo a scuola e a casa. Lo scorso 29 febbraio il progetto è stato replicato per i mille dipendenti delle mense Asl, con menù a tema e un kit di frutta per la giornata».
A giugno e ad ottobre la giornata verrà replicata per rinfrescare la memoria su alcuni comportamenti virtuosi per il proprio benessere psico-fisico, come spiega la direttrice: "Conoscenza è competenza, sempre! I piccoli accorgimenti che forniamo sono alla portata di tutti: quindi no all'ascensore, sì alla bici e a qualche espediente per ingannare la pigrizia, come scendere in anticipo dal bus o parcheggiare più lontano. E naturalmente, no al fumo e all'abuso di alcol. Il benessere non è sacrificio ma autodisciplina a misura del proprio star bene".


Benessere in sezione
A sfogliare il "catalogo" salute e benessere delle sezioni soci, da maggio in poi non c'è che l'imbarazzo della scelta fra le iniziative: da Figline ("Progetto Benessere") alla Valdinievole ("Benessere nel piatto" e "Cardiocamper"), da Scandicci ("Erbe della Salute") a Firenze Nord Ovest ("Cucina senza glutine"), da Arezzo ("Passeggiate della salute") a Pistoia ("Alcolout"), ce n'è per tutti i gusti.
Un primo bilancio arriva dalla Sezione Soci Firenze Sud Ovest che, con il Gruppo Salute è benessere del quartiere 4, ha coinvolto circa 600 partecipanti nel progetto "Amo vivere in salute 2011-2012": «Dopo gli incontri - racconta Gabriella Iacopini, presidente della sezione - siamo passati alla pratica con passeggiate e pranzi a tema su pesce e verdure, portando a casa anche qualche foto ricordo e un buon ricavato per la Fondazione Il Cuore si scioglie. Il prossimo anno sarà tutto all'insegna di frutta e verdura di stagione, in coerenza con quanto Unicoop promuove sui banchi freschi».
Per le anticipazioni è ancora presto, ma di certo ci saranno grandi sorprese e... fresche di giornata!