Primato di raccolta di rifiuti elettronici in Toscana: ecco i dati e le tendenze, provincia per provincia, diffusi dalla Regione

Scritto da Andrea Marchetti |    Ottobre 2010    |    Pag.

Dopo gli studi giuridici, si è occupato di ambiente ed energie rinnovabili: scrive per www.greenme.it, www.greenews.info e per alcune riviste del Gruppo Tecniche Nuove S.p.A. Collabora, inoltre, con la redazione di Pontedera (Pisa) de La Nazione e, dal 2010, con l'Informatore. Ha frequentato il Master in "Scrittura e Storytelling" della Scuola Holden di Alessandro Baricco e oltre a scrivere per i giornali si cimenta come sceneggiatore per cinema e fumetti.      

Lavatrici, lampadine, tv, pc: spesso vengono abbandonati in discariche abusive o vicino ai cassonetti. Da maggio è entrato in vigore il cosiddetto "uno contro uno", cioè l'obbligo per il commerciante e per le aziende produttrici, di ritirare gratis il vecchio apparecchio elettronico che il cliente si accinge a sostituire, (a patto che i prodotti siano dello stesso tipo e il vecchio apparecchio non sia danneggiato e/o non contenga altri tipi di rifiuti). Una volta ritirati, gli esercizi commerciali hanno l'onere di conservarli in luoghi idonei e conferirli negli appositi Centri di raccolta, gestiti dagli enti locali.

La Toscana ha un primato nella raccolta e nel recupero dei cosiddetti "RAEE", rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche, cioè piccoli e grandi elettrodomestici, apparecchi informatici e di illuminazione ecc. Secondo i dati, raccolti dal Centro di coordinamento RAEE, con 13.389.790 kg nel corso del 2009, la nostra regione è la prima nel centro Italia e, rispetto al 2008, ha addirittura triplicato la quantità di RAEE recuperati. La media pro-capite è di 3,61 chili per abitante, più alta di quella nazionale, ferma a 3,21 chili.

 


(fonte: Ufficio Stampa Regione Toscana)

 

Rifiuti toscani

Ma di che cosa sono fatti i RAEE toscani? La loro composizione risponde, più o meno, alle tendenze ed alle abitudini di consumo dei cittadini. Soprattutto sono apparecchiature refrigeranti, lavatrici, lavastoviglie; in quantità più ridotta i televisori, a causa del fatto che in Toscana non è ancora avvenuto il definitivo passaggio al digitale terrestre così come l'elettronica di consumo, i piccoli elettrodomestici e le sorgenti luminose.

Ma in Provincia di Siena, la più virtuosa della Toscana (con una media di raccolta di 6 kg per abitante), circa un terzo dei rifiuti è composto da "R3", cioè TV e monitors, in controtendenza con il dato generale. In Provincia di Firenze, invece, si raccoglie la maggiore quantità di RAEE in assoluto, con 2,5 milioni di kg, ma è scarsa la raccolta delle sorgenti luminose, ferma a 609 kg.

Al contrario in Provincia di Pisa, seconda per i RAEE raccolti (1.705.537 kg) e con una media di 4,16 kg per abitante, è alta la quota del raggruppamento "R5" (sorgenti luminose e lampadine), quasi 2.900 kg. In Provincia di Pisa, poi, c'è il centro di raccolta più virtuoso della Toscana, situato a Chianni, in alta Valdera, con 13,94 kg raccolti per abitante. La Provincia di Massa Carrara ha un ottimo risultato (il secondo) sulla raccolta pro-capite (4,47 kg per abitante) mentre Prato  serve tutti i residenti.

La Provincia di Grosseto, invece, ha uno dei dati più bassi (80,37%) sul coinvolgimento dei residenti ed una media di 3,04 kg per abitante, inferiore alla media regionale ed a quella nazionale. Inferiore alla media regionale anche la quota pro capite (2,90 kg) della Provincia di Lucca, ma si sono raccolte molte lampadine, oltre 2000 kg. Appena sopra la media, invece, i RAEE pro capite raccolti in Provincia di Arezzo, ma i Centri di Raccolta servono il 97,3% dei residenti.

I quattro Centri della Provincia di Pistoia, poi, hanno raccolto 1.068.088 kg di RAEE, soprattutto lavatrici, lavastoviglie ecc. (R2); a Livorno, dove esiste da tempo uno dei più grandi centri di stoccaggio e raccolta dei RAEE, si sono raccolti 1.328.426 kg di RAEE per una media pro-capite di 3,90 kg.

 


Fotografie di Andrea Marchetti

 


Notizie correlate

Addio al filamento

Lampade ad incandescenza sostituite con quelle a risparmio energetico



Fiori dai rifiuti

Cresce la raccolta dei rifiuti organici: la situazione in Toscana, in arrivo a Firenze mille nuovi cassonetti


L'isola è mobile

A Pisa le stazioni ecologiche mobili per incentivare la raccolta differenziata


Premiato chi non li compra

Due punti a chi fa la spesa senza usare sacchetti usa-e-getta


Rifiuti a nozze

A San Miniato, sposa con abito fatto con cento tipi diversi di rifiuti


Soprattutto cartone e legno

La raccolta differenziata nei punti vendita di Unicoop Firenze. Il 70 per cento dei rifiuti va al riciclaggio