Scritto da Rossana De Caro |    Ottobre 2007    |    Pag.

Laureata in Lettere all'Ateneo fiorentino, ha lavorato per molti anni come giornalista in emittenti televisive e radio locali, realizzando programmi di costume e società. Ha collaborato inoltre con La Nazione per la cronaca di Firenze e gli spettacoli. 

Dal 1998 scrive articoli per l'Informatore. Si occupa anche di uffici stampa per la promozione di eventi a Firenze e in Toscana.

Ha pubblicato il libro 'Ardengo Soffici critico d'arte'. 

Dal 2009 al 2015, sempre come collaborazione esterna, è stata coordinatrice redazionale dell'Informatore.

Toscane e di qualità
Belle, di qualità e ad un prezzo incredibile:
69 euro, circa la metà del loro valore commerciale. Sono le scarpe uomo, presenti in tre modelli (mocassino ed allacciate nella variante classica e giovane) che saranno in promozione per i soci negli ipermercati toscani dal 16 al 31 ottobre.
Un rapporto qualità-prezzo davvero vantaggioso per queste calzature di vera pelle (normalmente costerebbero ben più di cento euro), con un obiettivo ben preciso: offrire ai propri soci la possibilità di acquistare scarpe di qualità a prezzi accessibili. Le scarpe sono state realizzate appositamente per Unicoop Firenze da un piccolo laboratorio artigianale locale: 10 operai specializzati e una produzione ad alti standard qualitativi che non supera le 150 paia giornaliere. Il processo produttivo è svolto interamente in Toscana e in particolare nella zona del cuoio (Fucecchio, Santa Croce sull'Arno, Castelfranco di Sotto, Santa Maria a Monte).

Questi artigiani sono dei veri maestri nel loro campo: utilizzano l'esperienza maturata in decenni di attività e tramandata di generazione in generazione, solo in minima parte sono aiutati da macchine ed automatismi. Per ogni fase di lavorazione (montaggio, cardatura della tomaia per il successivo incollaggio, cucitura della suola con la scarpa, rifiniture varie, imballaggio del prodotto finito) sono previsti severi controlli qualitativi, svolti direttamente dai proprietari del laboratorio, al fine di garantire al cliente calzature prive di ogni difetto di fabbricazione.

Per le calzature è utilizzata la pelle di vitello "pieno fiore", ovvero la parte più pregiata del pellame, quella esterna, che mantiene le caratteristiche della superficie, le venature e la morbidezza della pelle pregiata.
La suola, in vero cuoio, è assemblata interamente a mano. Il soletto interno della pianta, anch'esso in vero cuoio trattato, è cucito giro-giro con la suola in modo da rendere la scarpa più flessibile, garantendo un incollaggio pressoché perfetto. È una produzione limitata: sono circa 2400 paia le scarpe in vendita.

Un'esclusiva per i soci Coop, dal 16 al 31 ottobre negli ipermercati