Visita all'archivio di Stato e all'Archivio della Misericordia di Siena, riservato ai soci

Scritto da Valentina Vannini |    Dicembre 2013    |    Pag. 11

Giornalista pubblicista. Laureata alla Facoltà di Scienze Politiche "Cesare Alfieri" di Firenze, è esperta in comunicazione e giornalismo on line. Collabora dal 2003 con l'Ufficio comunicazione istituzionale di Unicoop Firenze alla redazione del sito internet della cooperativa, di cui dal maggio 2015 è anche responsabile e coordinatrice redazionale.

Dal maggio 2008 cura la rubrica Socialità dell'Informatore. In questi anni per Unicoop ha anche curato l'editing e il coordinamento redazionale di vari opuscoli e pubblicazioni per campagne di solidarietà e progetti socio- culturali della cooperativa.

Il 7, il 14 e il 21 dicembre, si terranno le visite guidate, riservate ai soci Unicoop Firenze, all’Archivio di Stato e all’Archivio della Misericordia di Siena, al prezzo speciale di euro 5, che saranno interamente devoluti all’Arciconfraternita della Misericordia di Siena. Tra i più ricchi d’Italia, l’Archivio di Stato (visita la mattina) venne istituito il 17 novembre 1858 con motu proprio del granduca di Toscana Leopoldo.

Nell’Istituto, che ebbe subito sede in palazzo Piccolomini, confluì una grande quantità di materiale archivistico sino allora conservato nei due grandi archivi cittadini: quello Diplomatico e delle Riformagioni e l’Archivio Generale dei Contratti. Negli anni seguenti poi, e particolarmente dopo l’Unità d’Italia, ha continuato ad arricchirsi di documenti.

Di grande interesse gli archivi prodotti dalle magistrature che costituivano la struttura finanziaria e fiscale dello Stato e l’archivio della Biccherna, con la collezione dei registri con copertina lignea dipinti a partire dal 1257 dai più importanti pittori senesi, una collezione d’arte unica al mondo.

Tavoletta di biccherna archvio stato sienaNell’archivio Diplomatico, secondo d’Italia per numero di unità dopo quello dell’Archivio di Stato di Firenze, sono raccolte più di 60.000 pergamene a partire dal 735-736 al secolo XIX. Con un’ampia documentazione dell’epoca di Dante e di personaggi e fatti citati nella Divina Commedia.

Oltre agli archivi statali è conservato anche quello dell’Ospedale Santa Maria della Scala e gli archivi di istituzioni religiose, di comuni, tra cui quello di Colle di Val d’Elsa e di Poggibonsi, di famiglie o di personaggi della storia senese. Una segnalazione particolare: il testamento di Giovanni Boccaccio, rogato nella chiesa di Santa Felicita in Firenze da ser Tinello di ser Bonasera da Passignano nell’agosto 1374.

L’Archivio della Misericordia (visita nel pomeriggio), sebbene la sua parte più antica si trovi all’Archivio di Stato (la Misericordia di Siena sorta nel 1250 è, dopo quella di Firenze, la più antica d’Italia – Firenze è del 1244), contiene le trascrizioni delle lapidi del Cimitero della Misericordia, che offrono uno spaccato del costume del XIX secolo. Il Museo della Misericordia contiene cimeli pressoché unici legati all’opera di soccorso: portantine, lettighe, barelle, ambulanze ecc.

Info e Prenotazioni: Cassia Tours, via Spugna 10, Colle di Val d’Elsa, 0577998131. Buffet offerto a rotazione dalle sezioni soci di Colle di Val d’Elsa, Poggibonsi, Certaldo e Siena, nei locali della Misericordia, via del Porrione 49, con vini dell’azienda Villa Trasqua. Prenotazione obbligatoria; max. 25 persone per visita. Appuntamento direttamente nel cortile di palazzo Piccolomini, via Banchi di sotto 52, alle 10.30

Nella foto di metà articolo, Tavoletta di Biccherna, Archivio di Stato, Siena


Notizie correlate

Caro diario...

Da 25 anni a Pieve Santo Stefano diari, carteggi, scritti autobiografici. Un libro spiega la magia dell'archivio


Botteghe su due ruote clalzolaio

Botteghe su due ruote

Le biciclette da lavoro, il volume di Luca Giannelli su un mondo scomparso, realizzato con l’archivio storico di Marco Paoletti


Archivio storico diocesiano pisa antica pergamena italiana

Il Battesimo di Galileo

L’Archivio storico diocesano di Pisa conserva anche la più antica pergamena italiana