Sudando si ha bisogno di più liquidi

Scritto da Domenico Palli |    Giugno 1997    |    Pag.

L'acqua, le bibite, le birre: indicazioni e controindicazioni
Il nostro corpo è costituito per la maggior parte di acqua. In una persona di età media la quantità di acqua equivale a circa il 60% del peso. Ogni giorno ciascuno di noi elimina da 2 a 3 litri di acqua con il sudore, la respirazione, le urine e le feci, in buona parte senza rendersene conto. D'estate poi, quando la temperatura aumenta, la quantità di acqua e di sali perduti con il sudore aumenta notevolmente. Per cercare di bilanciare queste perdite scatta lo stimolo della sete. L'acqua svolge un ruolo molto importante, non solo nell'eliminazione delle sostanze tossiche, ma anche nella regolazione della temperatura del nostro organismo. Le reazioni chimiche che ci tengono in vita generano calore, in particolare quelle legate all'attività muscolare. Con l'aumento della temperatura esterna, al calore prodotto all'interno si aggiunge quello dell'ambiente che ci circonda. Il sudore, costituito da acqua e sali minerali, ha proprio la funzione di disperdere il calore prodotto dal nostro corpo attraverso l'evaporazione. Più fa caldo, più si suda per raffreddare la pelle. La sensazione di fastidio che proviamo quando l'umidità ci toglie il respiro è data dal fatto che in un ambiente saturo di umidità il sudore non evapora molto facilmente e quindi non possiamo regolare la nostra temperatura.
Gli italiani continuano a mantenere la cattiva abitudine di bere poca acqua anche se sarebbe opportuno, soprattutto per gli anziani, aumentare le quantità giornaliere. Nella terza età infatti la perdita di liquidi aumenta, mentre si riduce lo stimolo della sete. Anche i bambini sono a rischio e dovrebbero bere di più, in particolare quando riducono le loro riserve di acqua con vomito, diarrea o febbre.

Bibite e dintorni
Ogni anno il mercato propone nuove bevande gassate e succhi di frutta: gli spot pubblicitari associano questa o quella bibita a fantastiche isole tropicali dalle spiagge bianche... Un bel bicchiere ghiacciato e il caldo sembra scomparire, almeno per qualche minuto. Ma le aranciate, le bevande del tipo cola, il tè freddo e i succhi di frutta - le nostre bibite analcoliche preferite - vanno consumate con moderazione. Pur essendo costituite per una buona percentuale da acqua e dotate di ottime proprietà dissetanti, contengono un'alta quantità di zucchero (sino al 10% in peso), di sali minerali e di altre sostanze come la caffeina (due lattine di cola equivalgono ad una tazzina di caffè). Tutti dovrebbero fare molta attenzione alla quantità di bibite consumate, ma in particolare quelle persone che hanno problemi di sovrappeso. Se questi consumatori non riescono proprio a fare a meno delle bibite "dolci", dovrebbero almeno orientarsi verso quelle bevande nelle quali lo zucchero è stato sostituito da un dolcificante. Questi composti artificiali, a differenza degli zuccheri aggiunti normalmente nelle bibite, hanno una capacità dolcificante nettamente superiore (circa 200 volte in più) e non apportano calorie. Bastano minime quantità di dolcificante a dare alle bibite dietetiche lo stesso sapore dolce delle bibite zuccherate. Al momento attuale non c'è alcuna prova certa che questi composti siano dannosi alla salute; è consigliabile però abituarsi a fare a meno delle bevande dolci già a partire dall'infanzia, quando si formano i gusti.
In definitiva, anche se è vero che il sapore di una bibita ghiacciata esercita un'irresistibile attrazione per tutti noi, è meglio preferire i succhi di frutta e, soprattutto, l'acqua minerale o del rubinetto, se di buona qualità. Fra tutte le acque minerali in commercio sono da preferire quelle definite "oligominerali", cioè con un contenuto totale di sali minerali (riportato come "residuo fisso" nell'etichetta) inferiore a 500 milligrammi per litro.

L'alcol e gli integratori
Le bevande alcoliche, anche se bevute ghiacciate, possono fare ben poco contro la sete. L'alcol infatti, oltre a fornire una certa quantità di calorie, provoca un aumento della perdita dei liquidi soprattutto sotto il sole. Quindi, se proprio non riusciamo a rinunciare ad un bicchiere di vino o a una lattina di birra con gli amici, cerchiamo almeno di consumarli nelle ore più fresche, evitando comunque le occasioni in cui sono necessari riflessi pronti, come alla guida di un mezzo.
Una certa attenzione meritano infine gli integratori salini. Sono bevande relativamente nuove per il nostro mercato e sono utili soprattutto quando si fa una attività sportiva molto intensa; il loro uso è consigliato alcune ore prima dell'inizio dell'allenamento o della gara. Il consumo giornaliero di frutta e verdura fresca fornisce notevoli quantità di acqua e sali minerali, comunque sufficienti a prevenire i possibili deficit salini di chi pratica uno sport solo occasionalmente. E' bene ricordare poi che l'uso di questi integratori non può certo avere effetti miracolosi sulle prestazioni sportive!

BibitaQuantità

Calorie

Aranciatalattina 330ml

125

Colalattina 330ml

140

Cola lightlattina 330ml

1

Birralattina 330ml

112

Succo di ananaslattina 330ml

102

Succo di frutta (pera)bottiglietta 125ml

73

Integratore salinobottiglia 600ml

150