Scritto da Laura D'Ettole |    Ottobre 2005    |    Pag.

Giornalista. Specializzata in argomenti di carattere socioeconomico, dal 1997 al 2015 ha collaborato anche con l'ufficio stampa di Unicoop Firenze. Ha lavorato per il settimanale economico ToscanAffari, Il Sole 24Ore Centro Nord e il Corriere Fiorentino.
La sua carriera come giornalista è iniziata nell'89 sulle pagine del Sole 24 Ore, ed ha al suo attivo numerose collaborazioni con quotidiani ed emittenti televisive, per le quali ha realizzato trasmissioni di carattere divulgativo legate ai Centri per l'impiego, su temi come la formazione e l'orientamento professionale.
Laureata in filosofia, ha un lungo percorso come ricercatrice nel campo della sociologia applicata, che l'ha portata nel '92 a collaborare per quattro anni al progetto Unicef "Il bambino urbano".

Tempo di marroni
E' stato il primo ad ottenere l'Igp
dall'Unione europea, nel 1996, seguito, qualche anno dopo, dalla castagna del Monte Amiata.
Il marrone del Mugello nasce e cresce spontaneamente in un'area di circa 88 mila ettari tra i comuni di Firenzuola, Marradi, Scarperia, Borgo San Lorenzo, Palazzuolo sul Senio, Vicchio, Dicomano, San Godenzo, Londa e Rufina. In queste zone ci sono circa 130 aziende iscritte all'Associazione del marrone Igp.

Il marrone è un prodotto delicato. Quando cade dalla pianta deve essere raccolto subito o al massimo il giorno dopo, altrimenti può fermentare.
In Mugello la raccolta è fatta interamente a mano - i terreni scoscesi non permetterebbero in ogni caso l'impiego di mezzi meccanici - da vecchi raccoglitori che conoscono tutti i segreti del mestiere. La polpa, morbida, a grana fine, è molto dolce, la forma perfetta dell'interno lo rende adatto a qualsiasi tipo di lavorazione.

Dal marrone del Mugello, essiccato per 40 giorni al fumo di legna di castagno e macinato a pietra in mulini ad acqua dell'Alto Mugello, si ottiene la farina di marroni, più dolce e delicata rispetto alla farina di castagne. Il marrone del Mugello sarà in vendita a partire dal 5 ottobre.
Al momento in cui scriviamo non è ancora possibile sapere quanto costeranno, ma in base all'andamento della stagione si può affermare, senza troppo timore di essere smentiti, che il prezzo non dovrebbe superare i 3 euro al chilo dello scorso anno, contro i 2,30 euro dei marroni non fregiati dal marchio Igp.



Appuntamenti Numerosissimi gli appuntamenti dedicati a castagne e marroni in tutta la Toscana. Ne segnaliamo alcuni:

Marradi , 9, 16, 23 e 30 ottobre, 42ª Sagra delle castagne . Per l'occasione Marradi sarà collegata a Firenze con il tradizionale treno a vapore.

Info: 055 8045170, www.sagradellecastagne.it



Firenzuola , 8-9 e 15-16 ottobre, Dal bosco e dalla pietra , mostra mercato del marrone Igp del Mugello e lavorazione artigianale in pietra serena

Info: 055 8199401



Vicchio , 9 e 16 ottobre, Festa dei marroni . Alla riscoperta dell'ambiente e della cultura della castagna

Info: 055 843921



Arcidosso (Grosseto), 22-23 e 29-30 ottobre, Sagra della castagna del Monte Amiata

Info: tel. 0577 775811