Scritto da Rossana De Caro |    Giugno 2007    |    Pag.

Laureata in Lettere all'Ateneo fiorentino, ha lavorato per molti anni come giornalista in emittenti televisive e radio locali, realizzando programmi di costume e società. Ha collaborato inoltre con La Nazione per la cronaca di Firenze e gli spettacoli. 

Dal 1998 scrive articoli per l'Informatore. Si occupa anche di uffici stampa per la promozione di eventi a Firenze e in Toscana.

Ha pubblicato il libro 'Ardengo Soffici critico d'arte'. 

Dal 2009 al 2015, sempre come collaborazione esterna, è stata coordinatrice redazionale dell'Informatore.

Tenera, leggera e gustosa, è adatta anche agli stomaci più delicati: per bambini, anziani, o per chi segue diete particolari, come gli sportivi o i convalescenti. La carne di coniglio è infatti povera di grassi e colesterolo (fino a 4-5 volte meno rispetto alla carne bovina e suina), è facilmente digeribile, ha poche calorie (118 calorie per circa 100 g) ma è ricca di proteine e ha un buon contenuto di ferro.

Oltre ad essere sana e nutriente è estremamente versatile in cucina, si presta a diversi tipi di cottura ed è una valida alternativa alla solita fettina. Il coniglio infatti è ottimo arrosto, in umido o in salmì, accompagnato da patate, verdure, insalate. Una curiosità: il nome coniglio deriva dal latino cuniculus, per via della sua abilità nello scavare appunto tane piene di cunicoli.

Coniglio in promozione dal 1° al 15 giugno negli iper, super e inCoop