Gloriose società di canottaggio in tutta la regione

Scritto da Francesco Giannoni |    Maggio 2007    |    Pag.

Fiorentino da una vita, anche se con sangue maremmano e lombardo, laureato in lettere, è sposato con due figli. Si occupa di editoria dal 1991, prima come dipendente di una nota casa editrice della sua città, ora come fotografo e articolista free-lance. Collabora a riviste quali Informatore, Toscana Oggi, Calabria7, e a importanti case editrici.

Sull'Arno per sport
Lo sport che in Italia appassiona i più è indubbiamente il calcio. Ma nonostante i quattro titoli mondiali il pallone è stato avaro per il nostro medagliere olimpico con due bronzi e una sola, remota medaglia d'oro.
Maggiori soddisfazioni ce le hanno riservate discipline che solo per numero di praticanti e appassionati sono definite "minori". Una di queste è il canottaggio: citiamo a mo' di esempio i "fratelloni" Abbagnale che in decenni a noi vicini con due ori e due argenti olimpici sono entrati nella leggenda dello sport italiano.

Qual è la situazione nella nostra regione di questa nobile e antica disciplina? La risposta è soddisfacente. Vi sono parecchie e illustri società un po' dappertutto: a Pisa, Livorno, San Miniato, Orbetello, Calcinaia, Pontedera.
Ma, come ci dice Alberto Menini, direttore della Società Canottieri di Firenze, la storica primogenitura fra le società di canottaggio in Italia spetta a Limite sull'Arno, un "paesino" che nel 1861 vide la nascita della Canottieri Limite. Fra i rematori del paesino e quelli del capoluogo regionale era viva una rivalità anche accesa: quando c'erano le gare a Firenze, alle spallette dell'Arno venivano tutti i limitesi a tifare per i loro atleti.
Inoltre in questo paese c'è una grande tradizione di maestri d'ascia i quali prima costruivano i barchetti dei renaioli (e le prime gare di "canottaggio" a Firenze sono state proprio fra i renaioli che si sfidavano fra loro), poi si sono messi a costruire "armi" per la voga sportiva. Addirittura molti costruttori di Viareggio hanno imparato il mestiere dai maestri d'ascia di Limite.

In questi anni in Toscana la parte del leone la fa la Società Canottieri di Firenze. Il club fiorentino è nato nel 1886; la sua sede è nelle originarie stalle degli Uffizi, e in qualche angolo sussiste la vecchia pavimentazione. La società biancorossa è risultata prima nella classifica agonistica regionale sia nel 2005 che nel 2006; l'anno scorso ha conseguito risultati notevoli a livello nazionale (5 ori, 5 argenti e 1 bronzo conquistati nei vari campionati) ed internazionale (2 argenti ai mondiali juniores di Amsterdam).
Un anno ancora più proficuo è stato il 2005: è risultata infatti la quarta società a livello nazionale sulle 181 affiliate alla Federazione italiana canottaggio (nel 2006 è stata la sesta), anche per i risultati ottenuti ai mondiali juniores di Brandeburgo in Germania dove gli atleti fiorentini hanno fatto incetta di medaglie di tutti i tipi. Nell'aprile scorso la Canottieri Firenze ha conquistato il secondo posto per società al Trofeo Novelli di Pisa, dietro ai colleghi della città ospite.
Inoltre, segno dell'eccellenza nella preparazione atletica, Luigi De Lucia, allenatore dei canottieri di Firenze e responsabile delle nazionali femminili, ha ricevuto dalla F.I.C. il riconoscimento di "Cavaliere delle acque", quale miglior tecnico italiano del 2005. Gli abbiamo rivolto alcune domande.

Una domanda "scomoda": non tutti consigliano il canottaggio come sport per i ragazzini perché si dice che costringa la schiena e le spalle a una postura scorretta. Lei che cosa ne pensa?
Non è assolutamente vero. Tanti fanno canottaggio proprio perché i medici lo hanno consigliato per rinforzarsi la schiena. La postura che può provocare danni deriva da un gesto tecnico sbagliato. Evitandolo, non insorge nessun problema.

Qual è il livello delle società toscane di canottaggio?
Molto alto. Ci sono ottime scuole a Pontedera, con personaggi di livello mondiale come Leonardo Pettinari e Lorenzo Bertini; a Limite sull'Arno, dove è nato e si allena Lorenzo Carboncini; a Pisa, con atleti che hanno formato equipaggi misti insieme ai Canottieri Firenze (il "quattro con", argento ai mondiali juniores del 2005).

Quante sono le ragazze che si dedicano al canottaggio e con quali risultati?
La Toscana e Firenze hanno una tradizione notevole nel canottaggio femminile. Grazie al lavoro svolto con le scuole siamo riusciti ad avere una squadra importante: Anita Pinto nel 2002 ha vinto la prima medaglia mondiale, un bronzo; nel 2003 la Pinto ha ripetuto il bronzo, e nel "quattro senza" juniores, che ha vinto il primo titolo mondiale per l'Italia nel canottaggio femminile, c'era una nostra atleta, Anna Bonciani. Nel 2005 Camilla España ha vinto il titolo mondiale per il remoergometro. Quest'ultimo, da strumento usato in caso di maltempo per simulare la voga in palestra, è diventato una sorta di "armo" cui sono riservate gare vere e proprie.
Per finire, ai campionati italiani assoluti nel 2005 abbiamo vinto con il "quattro di coppia" e nel 2006 con il "quattro senza".

Possiamo avere fiducia nei canottieri toscani e fiorentini per le prossime olimpiadi?
Le olimpiadi sono il traguardo più importante per un atleta. Pettinari e Carboncini hanno fatto parte della struttura portante della squadra olimpica ad Atene e a Sidney e lo sono anche in vista di Pechino. Noi stiamo lavorando perché i nostri juniores mantengano livelli di eccellenza anche nel passaggio fra i seniores, e possano partecipare ai giochi facendosi valere.





Dove in Toscana

Canottieri Licio Giacomelli, via Livornese 214, Pisa

Canottieri San Miniato, via Asmara - Bacino Remiero di Roffia, 56028 San Miniato (Pisa), tel. 3487356785

Club Remiero Calcinaia, via S. Ubaldesca Taccini, Calcinaia (Pisa), tel. 0587488212

Guppo Sportivo Vigili del Fuoco Marino Billi, via Matteotti 2, Pisa, tel. 050948111

Società Canottieri Arno, via Bonaccorso de Padule 2, Pisa, tel 05041061, 05028465

Società Canottieri Firenze, Lungarno Anna Maria Luisa de' Medici 8, Firenze, tel. 0552381010

Società Canottieri Limite, piazza Cesare Battisti, Limite sull'Arno, tel. 0571578188

Società Canottieri Pontedera, via Bologna, Pontedera tel. 058752302

Società Canottieri Sergio Berchielli, Lungocanale Est 38, Viareggio, tel. 0584962793


L'intervistato

Luigi De Lucia (al centro della foto) allenatore della Società Canottieri Firenze con da sinistra Francesco Baldi, Francesco Fossi, Camilla España, Francesco Zombi