Un romanzo per ricordare le fiascaie di Montelupo

Scritto da Giovanni Lombardi |    Maggio 2000    |    Pag.

Docente e direttore del periodico "Il segno di Empoli" E' nato e vive a Empoli. Giornalista professionista dal 1959, è stato docente negli Istituti Superiori e all'Università di Firenze. Critico teatrale e direttore artistico del Teatro Shalom di Empoli. Fra le sue opere, il volume "Agenda d'incontri", edito da Polistampa.

Sembra quasi un feuilleton di sapore ottocentesco questo lungo racconto di Giovanni Bartolozzi intitolato "Fiorenzo e Gigliola: storia di una fiascaia", un racconto pubblicato da Giunti, in vendita nei supermercati di Unicoop Firenze in occasione della campagna sui prodotti tradizionali della Toscana.
Il libro è pubblicato nella stesso periodo in cui viene costituito un museo dedicato al lavoro, alla lotta, alle sofferenze delle impagliatrici di fiaschi operanti nella zona fra la Torre e San Quirico, nel cuore di Montelupo.
Sono proprio le fiascaie le protagoniste del libro, che l'autore ricorda attraverso un minuzioso lavoro di memoria, supportato da documenti reperiti negli archivi e da testimonianze orali. E nell'affresco vitale e pulsante concentrato intorno alla vetreria nasce la storia di Gigliola e Fiorenzo. Per desiderio dell'autore il ricavato della vendita del libro andrà al Consorzio del fiasco toscano per la realizzazione in bronzo del monumento alla fiascaia, che sarà collocato nel Museo del fiasco toscano in fase di realizzazione alla Torre di Montelupo Fiorentino.