Con 500 punti, 10 euro per realizzare in Toscana un centro di riabilitazione per affetti da sindrome Down o un ospedale pediatrico in Palestina

È stato un grande successo. L'adesione al progetto di solidarietà per il Meyer di Firenze, legato ai punti, è stata massiccia: oltre 16.000 donazioni per 330.000 euro. Grazie ai nostri soci si potranno realizzare dei nuovi laboratori per la ricerca e la cura di gravi malattie per i più piccoli.

Anche con la nuova raccolta punti partita ad aprile, i soci potranno contribuire ad altre due importanti iniziative di solidarietà: una per la costruzione di una clinica chirurgica pediatrica in Palestina, a Betlemme, e una a favore di un centro riabilitativo toscano per la sindrome di Down e disabilità genetiche di tipo intellettivo.

L'ospedale chirurgico per bambini a Betlemme, sarà il primo e unico per tutta la Palestina, la striscia di Gaza, e forse della Giordania. Sono previsti 42 posti letto, di cui 4 di rianimazione.

Il centro riabilitativo avrà sede a Firenze nel viale Volta, l'associazione Trisomia 21 onlus fiorentina si è fortemente battuta in questi anni per ottenere una struttura che possa aiutare le persone affette da questa malattia genetica ad inserirsi nella società e ad ottenere una buona qualità di vita, autonoma dalla famiglia di origine. Per raggiungere questi obiettivi occorrono figure professionali in grado di seguire ogni singolo percorso offrendo servizi adeguati.

Anche questa volta Unicoop conta sulla generosità dei suoi soci: per 500 punti donati verranno versati 5 euro a cui Unicoop Firenze ne aggiungerà altri 5, per un totale di 10 euro. Insieme si può fare molto, anche con un piccolo grande gesto; per questo chiediamo l'aiuto di tutti: se la vita di un bambino potrà essere salvata o se una persona con disabilità genetiche e intellettive imparerà a prendere l'autobus o troverà lavoro, sarà il nostro successo insieme. Come di consueto sull'Informatore, nei prossimi numeri, daremo conto delle donazioni effettuate nei singoli punti vendita.