Premiati sei progetti di solidarietà

Solidarietà a concorso
Hanno vinto perché alla solidarietà hanno dato un'impronta sperimentale e innovativa, e perché intorno alla loro idea sono stati capaci di aggregare soggetti pubblici e privati. Sono i "magnifici sei" vincitori del concorso "Educare e promuovere la cittadinanza solidale", a cui verrà dato un contributo di 10 milioni ciascuno offerto da Unicoop Firenze.
Ha vinto l'Arci solidarietà di Fucecchio, che ha proposto la realizzazione di un film per aiutare 14 ragazzi e ragazze che si definiscono naziskin a uscire dalla loro marginalità sociale e culturale; il Vami (Volontari associati per i musei italiani), che ha ideato un percorso guidato per non vedenti nel museo di Palazzo Davanzati. Poi l'Associazione volontariato penitenziario, che ha proposto di finanziare una scuola professionale nel carcere di Sollicciano; e il Cesb (Centro educazione sordità e bilinguismo), che opera per estendere la fascia oraria del "Telefono ponte per sordi". E infine l'associazione Assieme di Calenzano, che ha realizzato un centro servizi per aiutare gli immigrati a trovare casa, fungendo da garante nei confronti degli affittuari; e l'Auser di Empoli, per il suo progetto di consegna a domicilio di spesa, pasti caldi e medicine agli anziani non autosufficienti.
I contenuti dei progetti parlano da soli, e dimostrano come il concorso sia servito anche a mobilitare energie, idee, creatività.
Il concorso è stato bandito a febbraio da Unicoop Firenze e Cesvot (Centro servizi volontariato Toscana), con il patrocinio della Regione Toscana. Il mondo del non profit e quello della cooperazione di consumo si sono incontrati per la prima volta, in un percorso destinato a svilupparsi nel tempo.
Il bando si rivolgeva alle organizzazioni di volontariato - circa 400 - della provincia di Firenze e del circondario di Empoli (San Miniato, Montopoli, Castelfranco di Sotto e Santa Croce sull'Arno). I progetti sono stati scelti da una giuria composta da rappresentanti di Unicoop e del Cesvot.