Arrivano i film su disco

Scritto da Bruno Santini |    Maggio 1999    |    Pag.

Attore e giornalista. Attore teatrale (con esperienze al fianco di S. Randone, E. M. Salerno, A. Asti...), cinematografico (in film di Pieraccioni, Monicelli, Panariello, Vanzina...) e televisivo (in fiction come 'La squadra', 'Carabinieri 2", "Vivere", "Questa casa non è un albergo"...). Giornalista dal 1990, è anche speaker ed autore radiofonico. E' il conduttore del programma televisivo "InformaCoop".

Sharon Stone in digitale
Può Paul Newman avere gli occhi più blu di quelli che siamo abituati ad ammirare? E riuscite a immaginare una Sharon Stone più maliziosa ed intrigante di quanto sia stata finora? Da un po' di tempo a questa parte tutto ciò sembra davvero possibile grazie al Dvd, il sistema del nuovo millennio che pare destinato a relegare in soffitta la nostra personale videoteca.
Ma in definitiva questo Dvd (Digital versatile disk) che cos'è?
"E' un lettore laser che decifra su un dischetto le immagini e i suoni che vi sono incisi e li ripropone sullo schermo televisivo - ci spiega con molta semplicità e chiarezza Marco Boccacci, responsabile del reparto prodotti multimediali dell'Ipercoop di Lastra a Signa -. Ha le stesse funzioni del videoregistratore ma in più offre la qualità digitale".
Il che non è cosa da poco. "Praticamente - continua Boccacci - la differenza di suono che noi avvertiamo tra una musicassetta e un cd si può comparare con la differenza che c'è tra vedere un film in cassetta e uno in Dvd".
Il Dvd, va detto subito, non è un prodotto nuovissimo; già l'anno scorso era presente sul mercato, quando di fatto ha soppiantato il laser disk. Al momento, comunque, non è certo tra i prodotti ad alta definizione tecnologica più richiesti. Sarà per il costo ancora troppo elevato dell'apparecchio (gli stessi Ipercoop propongono il modello Philips a 1.129.000 lire e il modello Hitachi a 1.090.000 lire), o per il numero piuttosto esiguo dei titoli di film disponibili nei nuovi dischi. In Italia infatti sono scese in campo in maniera convinta solo la Warner (che distribuisce i prodotti di Mgm e Buena Vista) e la Columbia, con titoli come Jumanji, Batman, Mars Attacks, Virus letale, Due padri di troppo, Maverick, Face/Off, Ransom, Intervista col vampiro...
"Io credo che il limite dei lettori Dvd stia nel fatto che possono soltanto "leggere" - sottolinea Boccacci -. Nel momento in cui si potrà, come già avviene per il video, registrare anche film e programmi televisi, sono sicuro che saremo sommersi da un vero e proprio boom di richieste".
Il discorso cambia per i dischi Dvd, sicuramente più venduti dei lettori Dvd. "Il prezzo è comparabile a quello dell'home video (negli Ipercoop vengono venduti a 42.900 lire) - spiega Francesca Raspini, direttrice dell'Ipercoop di Lastra a Signa - e il formato del tutto identico a quello del cd non è assolutamente ingombrante, anzi... Ma soprattutto questi dischetti vengono letti anche su supporto informatico. Basta infatti togliere il lettore cd-rom che si trova in un qualsiasi computer ed installare il lettore Dvd (le Ipercoop propongono il Pc-Dvd Creative a 439.000 lire), che ovviamente esplica entrambe le funzioni".
Al di là di tutte quelle caratteristiche quasi fantascientifiche di cui abbiamo taciuto (come l'opzione Virtual Dolby Surround, in grado di ricreare un effetto audio tridimensionale virtuale, o la scelta delle immagini che si preferisce tra le diverse angolazioni di ripresa preregistrate) dobbiamo prendere atto che il futuro è già qui, e non aspetta altro che noi. Okay, siamo pronti... Ma prima ci sia concessa una domanda: tutte quelle videocassette, collezionate per anni con fatica ed amore, dove andranno a finire?