Mele toscane e pesce Coop

Scritto da Rossana De Caro |    Settembre 2005    |    Pag.

Laureata in Lettere all'Ateneo fiorentino, ha lavorato per molti anni come giornalista in emittenti televisive e radio locali, realizzando programmi di costume e società. Ha collaborato inoltre con La Nazione per la cronaca di Firenze e gli spettacoli. 

Dal 1998 scrive articoli per l'Informatore. Si occupa anche di uffici stampa per la promozione di eventi a Firenze e in Toscana.

Ha pubblicato il libro 'Ardengo Soffici critico d'arte'. 

Dal 2009 al 2015, sempre come collaborazione esterna, è stata coordinatrice redazionale dell'Informatore.

TOSCANA
Il drago fra le mele

Settembre al super 1
Sono il top per gusto e qualità. Le mele e le pere prodotte in Toscana non hanno niente da invidiare a quelle più famose e pubblicizzate coltivate in altre regioni italiane, come il Trentino e l'Emilia Romagna.
In vendita nei negozi Coop troviamo mele e pere provenienti dalla provincia di Pisa (Montopoli in Val D'Arno) e di Arezzo (Val di Chiana). L'azienda agraria pisana Marchetti Anna Paola, a conduzione familiare, si estende per 53 ettari in bassa collina, a metà strada fra Pontedera ed Empoli, coltivati nella maggior parte a meli e in piccola parte a peri.
Le mele hanno una colorazione di un bel rosso, favorito dal clima particolare di luglio e agosto che abbonda di nebbie e rugiade mattutine, e sono particolarmente croccanti e saporite. La produzione è di circa 300-400 quintali per ettaro. Vengono coltivate diverse qualità di mele: Summered, Royal Gala, Golden, Red Chief, le Stayman dette anche "brutte bone", Granny Smith, Fuji e Pink Lady. Per le pere troviamo le Coscia, Wiliam Rosse e Abate.

Le mele e le pere della Val di Chiana sono prodotte dall'azienda Illuminati, che vanta un'esperienza di oltre 40 anni nella produzione ortofrutticola in questa zona, ed è leader nel settore con sistemi estremamente avanzati. Ha un'espansione di circa 350 ettari e produce circa 85.000 quintali di frutta (mele, pere, pesche e susine). È una produzione di qualità per le particolari condizioni climatiche della parte nord della Val di Chiana e per le caratteristiche organolettiche dei terreni.
La produzione di mele si aggira sui 30.000 quintali suddivisi in numerose varietà, fra cui Gala, Renetta, Dallago, Stayman. Intorno ai 40.000 quintali la produzione di pere (Morettini, Coscia, William, Abate, Kaiser, Conference, Decana).

Fra le specialità dell'azienda segnaliamo la "mela del drago", una varietà di esclusiva produzione dell'azienda aretina dal colore rosso e giallo, dal profumo intenso e dal sapore molto dolce.

PESCE COOP
In mare è più dolce

Settembre al super 2
Il pesce a marchio Coop è sinonimo di sicurezza e qualità. Coop infatti garantisce sul prodotto ittico, che porta la sua etichetta, la rintracciabilità dell'intero percorso produttivo. Si tratta di pesce nazionale, allevato con mangimi animali di sola origine marina, senza utilizzo di OGM, sottoposto a severi controlli igienico sanitari. Gli allevamenti sono realizzati tenendo conto del benessere degli animali e della sostenibilità ambientale.

Da un'indagine Eurisko del 2002, su un campione di oltre mille persone, risulta che il 58% dei consumatori conosce il pesce a marchio Coop e, di questi, il 74% lo preferisce al momento dell'acquisto. Oltre alle garanzie influisce nella scelta anche l'ottimo rapporto qualità/prezzo.

La proposta è varia: orate, branzini, persico, spigola, rombo, salmone. I pesci vengono allevati in mare e non in vasche di cemento, il sapore risulta infatti più intenso, la carne più turgida e dolce, mentre in quelli allevati in vasca è preponderante il gusto salato.
Inoltre il pesce allevato in mare è più ricco di acqua, sali minerali (sodio e calcio), proteine, e contiene meno grassi, circa la metà, e meno colesterolo rispetto al pesce allevato in vasche a terra.

Gli allevamenti Coop si trovano in "oasi ecologiche": a Pezzino (Genova), a Gaeta, dove da quattro anni c'è il riconoscimento di Bandiera blu per la balneazione, a Pachino, in Sicilia, nelle vicinanze del Parco naturale di Noto. Quest'ultimo è l'allevamento prescelto da Unicoop Firenze.