Il fenomeno degli e-book, i libri elettronici. Disponibili, gratis, oltre mille titoli

C'è chi li annuncia come una rivoluzione e chi li ostacola in nome del libro cartaceo, eppure in pochi mesi questi libri elettronici hanno conquistato il pubblico di internet.
Scrittori in rete
La loro caratteristica principale è la gradevolezza e la facilità di lettura, oltre alla possibilità di fare orecchie alle pagine, evidenziare, disegnare e aggiungere note. Si presentano come un vero e proprio libro tradizionale, con il vantaggio però di una diffusione fino a pochi mesi fa impensabile, al punto che i più grandi editori del mondo vi stanno puntando in modo significativo.
Ne parliamo con Massimo Boccuzzi, responsabile di tre dei cinque principali portali italiani dedicati agli e-book: www.superlibri.com, www.romanzieri.com e www.solotesto.com, con un patrimonio di oltre mille titoli in via di diffusione gratuita.

Come nasce il fenomeno e-book?
Il mondo di internet ha in gran parte cambiato il panorama letterario, soprattutto italiano. Quasi tutti gli scrittori, compresi quelli che vendono migliaia di copie in libreria, hanno sentito l'esigenza di essere presenti con un loro sito e una parte della loro produzione letteraria. Leggere su internet però era faticoso, per la vista, e costoso per le spese di collegamento o per la necessità di stampare i testi per una lettura più agevole. L'e-book ha risolto efficacemente questi problemi. In pochi secondi si possono prelevare gratuitamente il programma di lettura e centinaia di libri perfettamente leggibili sullo schermo, con tanto di copertina e illustrazioni, senza ulteriori costi e, soprattutto, senza dover compiere inutili ricerche di titoli introvabili che gli editori non hanno più convenienza a stampare. Renderanno più semplice, divertente e moderno il contatto tra autori e pubblico e allargheranno le basi delle scelte d'acquisto del libro tradizionale.

Quali sono le potenzialità di un e-book rispetto al libro cartaceo?
Il libro cartaceo deve sopportare alti costi di stampa e di distribuzione. Alla fine, soprattutto nelle piccole librerie, arrivano solo libri di massa, facili da vendere. L'e-book invece può essere prodotto e diffuso in pochi minuti a migliaia di utenti. E' utile ad un certo tipo di narrativa "minore" e, in generale, a tutta l'editoria molto specializzata, abituata a vendere pochissime copie di ogni titolo.

Perché si è scelto di distribuire gratuitamente tanti titoli?
La scelta di diffondere gratuitamente prodotti culturali è una caratteristica di lunga data dei nostri portali, che hanno conquistato nel tempo quasi cinquantamila lettori ogni mese. Solotesto.com e Superlibri.com si occupano dei nuovi autori, mentre Romanzieri.com è dedicato ai grandi della letteratura, da Dante ai giorni nostri. In totale abbiamo in magazzino qualcosa come mille titoli che saranno distribuiti nel corso dei prossimi quattro anni. L'idea nasce dalla passione per la letteratura e dalla consapevolezza che solo mettendo a disposizione gratuitamente tante risorse si possano avvicinare tanti libri bellissimi alla gente, anche a quella che abitualmente non legge e che in libreria si sente un po' un pesce fuor d'acqua.

Cosa ci guadagna l'autore?
Su questo argomento c'è un mito da sfatare. Gli scrittori che guadagnano grandi cifre dai loro libri sono pochissimi. Pubblicare un libro in cartaceo con un piccolo o medio editore corrisponde il più delle volte a poche migliaia di lire di diritti d'autore. Pubblicare gratuitamente in e-book invece è il sistema ideale per farsi conoscere a migliaia di lettori. Ogni nostro titolo diffonde in internet un numero di copie paragonabile a un best-seller in cartaceo. La rinuncia a un piccolo guadagno è dunque ben compensata dalla potenzialità di successo. Inoltre essere un nome già conosciuto, soprattutto in internet, aiuta moltissimo nei rapporti con l'editoria tradizionale, sempre molto ambita.

Quali sono i vostri progetti futuri?
La semplicità con cui si può produrre un e-book, unita alle potenzialità di diffusione e successo, sta creando le basi di una piccola ma significativa rivoluzione telematica. La possibilità di creare veri e propri magazine e-book con testi e foto è già un'alternativa interessantissima al normale sito web. Stiamo dunque lavorando per affiancare alla narrativa e alla saggistica libri che racchiudono mostre fotografiche e di pittura, eventi culturali, cataloghi e argomenti di ogni tipo, nella convinzione che un sistema che permette di inviare via e-mail in pochi secondi migliaia di pagine possa abbracciare a 360 gradi ogni esigenza di comunicazione. E' bello pensare ad esempio che i contenuti di un'intera enciclopedia possano continuare ad avere il loro fascino nello spazio di un dischetto.