FIRENZE
Yoga e tai ji quan per la 3ª età

L’Istituto di yoga di Firenze propone, in collaborazione con il Quartiere 2, tre corsi di yoga (20 lezioni) e uno di tai ji quan (10 lezioni) per ultrasessantenni. Durante le lezioni verranno utilizzati particolari accorgimenti tecnici per rendere le posture e la gestualità particolarmente dolci e adatte alle persone di questa fascia di età. Praticare queste discipline aiuta a rendere più flessibili le articolazioni, a ripristinare una corretta respirazione, a migliorare la capacità di concentrazione e a rendere più stabile l’equilibrio.

I corsi avranno inizio il 24 marzo e si terranno presso il Centro anziani (via Luna 16) e la Palazzina ex Fila (via Monsignor Leto Casini 11).

Le iscrizioni vanno fatte dal 2 al 13 marzo a Villa Arrivabene (sede del quartiere 2), Piazza Alberti 1, lunedì, mercoledì, venerdì 10-13; martedì e giovedì 15.30-17.30

Costo dei corsi: yoga, 61-65 anni 36 euro, oltre 65 anni 31 euro; taj ji: 61-65 anni 22,50 euro; oltre 65 anni 19,30 euro

Info: 0552479080; 3281726224

 

MONTERIGGIONI
I problemi dell’alcol

L’alcol può causare seri problemi all’uomo: malattie, disagi personali, familiari e sociali che oggi si chiamano “problemi alcolcorrelati”. L’associazione dei club degli alcolisti in trattamento, Acat di Siena, promuove un corso di sensibilizzazione intorno ai problemi alcolcorrelati, che si terrà dal 9 al 14 marzo ad Abbadia Isola – Monteriggioni (Siena), per formare nuovi operatori volontari in grado di fornire aiuto agli alcolisti e alle loro famiglie.

Il corso, a cui partecipano circa 60 persone, fa parte di un progetto più ampio, finanziato dal Cesvot (Centro servizi volontariato per la Toscana), appoggiato dalla Asl di Siena e dai Comuni del territorio senese, e finalizzato alla promozione della salute e alla prevenzione.

Per informazioni e iscrizioni: Acat–Siena, 3337139808 Sert. zona senese 0577585930

 

FIRENZE
Dalla parte del cuore

La Società della Salute di Firenze promuove la II edizione della manifestazione di prevenzione cardiovascolare "Riguardiamoci  il cuore", che si svolgerà il 21 e 22 marzo presso l’Istituto degli Innocenti.

Un’occasione per illustrare ai cittadini come prevenire e difendersi dall'infarto e dall'ictus, ma soprattutto per conoscere quali sono i principali fattori di rischio legati alle malattie cardiovascolari che continuano ad essere la principale causa di morte e di invalidità. Malattie che possono essere evitate in più del 50% dei casi seguendo semplici regole di vita e controllando i fattori di rischio per infarto del cuore ed ictus e cioè la pressione alta, l’ipercolesterolemia, il fumo, l’eccesso di peso corporeo e la vita sedentaria.

La manifestazione è aperta a tutti i cittadini che sono interessati.