A Pistoia un giardino per ricordare le donne vittime della violenza

Scritto da Rossana De Caro |    Marzo 2013    |    Pag. 7

Laureata in Lettere all'Ateneo fiorentino, ha lavorato per molti anni come giornalista in emittenti televisive e radio locali, realizzando programmi di costume e società. Ha collaborato inoltre con La Nazione per la cronaca di Firenze e gli spettacoli. 

Dal 1998 scrive articoli per l'Informatore. Si occupa anche di uffici stampa per la promozione di eventi a Firenze e in Toscana.

Ha pubblicato il libro 'Ardengo Soffici critico d'arte'. 

Dal 2009 al 2015, sempre come collaborazione esterna, è stata coordinatrice redazionale dell'Informatore.

L’ultima a essere stata piantata, a dicembre, è quella dedicata a Beatrice Ballerini, uccisa tra le mura di casa dal marito. Accanto a quella rosa ce ne sono altre 104, una per ciascuna donna massacrata dal partner o dall’ex nel corso dell’anno, un elenco lungo e doloroso.

 Siamo a Pistoia, nel giardino creato il 25 novembre scorso, giornata internazionale contro la violenza di genere , vicino alla biblioteca San Giorgio, dove sono state piantate delle rose bellissime: tante quante le donne  assassinate nel 2012, vittime di una violenza insensata e senza fine (nel nostro paese, quasi quotidianamente, ci sono donne che perdono la vita, uccise in modo violento). L’idea è semplice e forte allo stesso tempo.

Ginevra lombardi assessore pistoia Ogni rosa del giardino porta il nome di una di queste donne in ricordo di una vita spezzata. L’iniziativa, sostenuta dal Comune di Pistoia, in particolare dall’Assessorato alle pari opportunità, in collaborazione con l’associazione femminile Rete 13 febbraio, ha una duplice valenza: ricordare le vittime e “dire no” a questa strage silenziosa divenuta un grave fenomeno sociale: il femminicidio.

 «È indispensabile che l'attenzione resti alta – afferma l’assessore Ginevra Lombardi -, rispetto ad un fenomeno che colpisce le donne in quanto tali, senza distinzione di cultura, ceto sociale, o nazione, fino ad assumere la dimensione della più importante violazione dei diritti umani del nostro tempo».

 «È sicuramente un dovere morale delle istituzioni e della società – afferma Dora Donarelli, presidente della sezione soci Unicoop di Pistoia che ha aderito e partecipato all’iniziativa -, combattere e punire la violenza contro le donne, che sfocia spesso nella morte, in modo che cessi o che almeno non possa mai essere giustificata in alcun modo». Come purtroppo, abbiamo visto, è stato fatto anche recentemente.

Info:

Assessorato alle pari opportunità 0573371565; 0573371602

Riflessioni

Una rosa per ogni donna uccisa nel 2012Si terranno a marzo, alla Biblioteca comunale San Giorgio, a Pistoia, presso Il giardino delle rose – Una rosa per ogni donna uccisa nel 2012, due incontri (ore 16.30) con rappresentazioni teatrali della Compagnia il Rubino con la regia di Dora Donarelli. Il 2 marzo Quattro ritratti di madri di Arnold Wesker, il 23 marzo testi liberamente tratti da Io sono emozione di Eve Ensler e da Tempesta maestra di Sara Barbanera - Dibattito sui temi.

Nella foto di metà pagina l'assessore Ginevra Lombardi


Notizie correlate

In rete contro la violenza

60 i centri antiviolenza in Toscana dove chiedere aiuto. Oltre 3000 le richieste


Chi maltratta non ama

L'impegno di due attrici sul tema della violenza sulle donne