Scritto da Melania Pellegrini |    Ottobre 2017    |    Pag. 16

Nata a Roma, si è laureata in Lettere moderne nel 1993. Comincia la sua attività giornalistica nel 1996 con il quotidiano on line Ultime Notizie che un anno dopo approda nelle edicole romane. Nello stesso periodo comincia a lavorare presso l’ufficio comunicazione e stampa dell’ass. di categoria Unione nazionale costruttori macchine agricole dove si occupa della rivista mensile MondoMacchina/MachineryWorld.

Nel 2001 si trasferisce a Firenze. Qui lavora come organizzatrice di congressi e eventi culturali al Convitto della Calza e comincia a scrivere per il settimanale locale Metropoli con cui collabora fino al 2011. Nel 2003 partecipa al concorso per entrare all’ipercoop di Sesto Fiorentino, passa tutte le selezioni e viene assunta come cassiera. Da questa sua esperienza lavorativa, che continua tutt’oggi, nel 2011 nasce “Diario di una cassiera”, una rubrica pubblicata sull’Informatore, la rivista mensile di Unicoop Firenze. Sempre nel 2011 scrive il volume “I nostri primi 30 anni. La sezione soci Coop di Campi Bisenzio fra impegno, solidarietà, socialità e partecipazione”. Da gennaio 2012 si occupa delle rubrica Guida alla spesa dell’Informatore.

Gusti misti in vasetto

Confetture toscane per accompagnare piatti dal sapore deciso

Al contadino non far sapere quanto è buono il formaggio con… la confettura di pere! Sì, perché in autunno torna in tavola lei, la pera, delizia da fine pasto, dolce al punto giusto per una merenda e di provenienza locale nelle varietà Kaiser e Abate. Se poi siete in cerca di un abbinamento sfizioso, il prodotto giusto sono le confetture dell'azienda toscana Calugi proposte in varianti a più gusti, come quella di pere e tartufi, ideale con parmigiano, gorgonzola o pecorini, e quella di cipolla rossa di Certaldo e zafferano di San Quirico d'Orcia, ottima per accompagnare formaggi stagionati o semistagionati. Prodotti originali, quelli a marchio Calugi, e tutti fatti in Toscana con materie prime locali: delizie in vasetto perfette per crostini, verdure, grigliate e formaggi.


Spazio alle spezie

Dalla natura un aiuto per condire senza appesantire

Esaltare i sapori, colorare il piatto, dare una nota in più alla ricetta: a volte possono bastare una spolverata di spezie e una manciata di erbe aromatiche per cambiare il gusto di un piatto e renderlo unico, come nessun altro lo avrebbe fatto. Avere spezie fresche tutto l'anno oggi è possibile grazie alle vaschette apri e chiudi dell'azienda fiorentina Turci. «Spesso si acquistano aromi e se ne usa solo una parte, il resto è destinato alla spazzatura perché non si mantiene fresco a lungo. Serviva un’idea “salva-freschezza”: è nato così il progetto “Erbe aromatiche fresche”, realizzato grazie alla collaborazione tra noi, una rete di agricoltori toscani e Unicoop Firenze», spiega Ruben Turci, uno dei titolari dell'azienda familiare creata da Pietro Turci nel lontano 1915.

L'azienda è cresciuta di generazione in generazione con proposte innovative che mantengono intatti i valori e il gusto della tradizione tipica toscana. Il primo prodotto è stato l'Antica ricetta, un mix di erbe aromatiche in salamoia che ancora oggi si trova nei punti vendita di Unicoop Firenze.

Al mix si sono affiancate le singole erbe e spezie essiccate, poi le loro versioni spray e infine queste comode vaschette. Oltre alla qualità delle materie prime e alla praticità d’uso, queste linee di prodotto si caratterizzano per gli utili spunti di economia domestica, con consigli d'uso e suggerimenti per finire gli eventuali avanzi, scritti sulle etichette. Bastano solo quattro mosse: apri, odora, usa e riusa!



Dal seme al piatto

Un utile strumento per avere germogli freschi fatti in casa


“Per fare l'albero ci vuole il seme”, perché è dal seme che nasce il germoglio che contiene in sé già tutte le qualità della pianta che crescerà. Nel caso degli ortaggi, i germogli sono quindi una preziosa riserva ricca di sali minerali, vitamine, oligoelementi e aminoacidi. Nutrienti ma al tempo stesso molto digeribili, i germogli hanno un sapore delicato, si abbinano bene a diversi piatti della dieta quotidiana e, negli ultimi anni, hanno registrato un interesse e un consumo in crescita.

Per averli pronti all'uso, occorre acquistare il seme adatto e farlo germogliare in casa grazie a un germogliatore che dia ai semi la giusta luce e l’acqua e l’aria richiesti.

Nel punto vendita virtuale PiùScelta sono disponibili germogliatori automatici o manuali dell’azienda umbra Bavicchi, che ne propone una varietà di tipi e modelli: dal Geo Plus, il primo nato, un germogliatore manuale, pratico e leggero, al particolare Geo Terradisiena realizzato con la pregiata terracotta da crete toscane che lo rende un bellissimo oggetto di arredo, oltre che un utile strumento per portare più gusto nel piatto.