Scritto da Rossana De Caro |    Dicembre 2013    |    Pag. 30

Laureata in Lettere all'Ateneo fiorentino, ha lavorato per molti anni come giornalista in emittenti televisive e radio locali, realizzando programmi di costume e società. Ha collaborato inoltre con La Nazione per la cronaca di Firenze e gli spettacoli. 

Dal 1998 scrive articoli per l'Informatore. Si occupa anche di uffici stampa per la promozione di eventi a Firenze e in Toscana.

Ha pubblicato il libro 'Ardengo Soffici critico d'arte'. 

Dal 2009 al 2015, sempre come collaborazione esterna, è stata coordinatrice redazionale dell'Informatore.

Lucca

Possenti, l’altra parte

Dal 7 dicembre il Museo Nazionale di Villa Guinigi ospita la mostra Antonio Possenti. L’altra parte. Carte di lavoro. Con questa esposizioneLucca celebra il Maestro nel suo 80mo compleanno. Possenti, lucchese, nelle sue opere esprime il profondo legame con la sua città  interpretata, ritratta, negli interni attraverso gli esterni, nelle movenze attraverso i personaggi, nei disegni e nei colori.

Antonio possenti ritratto da maria cristina spinatoPerché il disegno è importante tanto quanto il dipinto. A spiegarlo è lo stesso Possenti: “Ci tengo molto a questa mostra – racconta – l’unica delle oltre 200 fatte sinora in tutto il mondo, in cui per la prima volta racconto di me e del valore del disegno. Sono un fautore del disegno. È considerato espressione minore del dipinto, mentre gli è pari”.

L’ esposizione, che raccoglie 80 opere quasi tutte inedite realizzate dal Maestro negli ultimi 3 anni: “c’è un aspetto quotidiano del mestiere, che costituisce quella ‘altra parte’ su cui si incentra questa mostra si incentra– spiega Antonio Possenti -. Una parte densa di significato che si costruisce ogni giorno, che non ha un tema ma raccoglie i temi che si maturano nella vita.

Una dimensione domestica, intima, che non produce bozzetti per le opere da consegnare, ma che ha una completezza sua”. La mostra è suddivisa in diverse sezioni, corrispondenti ai temi più cari e ricorrenti dell’esperienza pittorica dell’artista. Orari: Dal martedì al sabato 8.30-19.30. Ingresso libero

Calenzano

Arriva il far west

Poster westUna mostra che racconta il mito di un secolo e mezzo intramontabile del grande West, attraverso plastici, documenti, fumetti, reperti, soldatini.

La grande rassegna dal titolo “Calenzano città del West. Mito, Cultura, Fantasia”, a cura di Agostino Barlacchi, si svolgerà a Calenzano presso il Centro Eventi St. Art di via Garibaldi 7 dal 21 dicembre 2013 al 6 gennaio 2014.

Scene reali di storia ricreate in plastici con l’ausilio di migliaia di soldatini sotto le sembianze di indiani e cow boy, nordisti, sudisti, messicani; giornali storici da ragazzi come Buffalo Bill, David Crocket, Pecos Bill, Kit Karson, Tex, Sergente York, Oklahoma, Capitan Miki, Kinowa, Grande Bleck; nel settore “gioco” plastici ambientati in cittadine dalle caratteristiche insegne che ne contraddistinguono le attività e popolati da figurini di fabbriche italiane e straniere prodotti dal 1940 al 1950 e che avevano creato questi esemplari per il gioco dei ragazzi.

I manifesti di celebri film, le pistole che venivano adoperate dai ragazzi, decine di esemplari, oggi rarissime dai “calci” di legno tornito come la mitica “Susanna”, prodotta in milioni di esemplari per essere impugnata dai ragazzi di mezzo mondo, oppure da quelle dalle “guance” in plastica più sofisticate riproducenti la preziosa madreperla insieme a stelle da sceriffo, cappelli, speroni per far correre cavalli a dondolo nelle praterie dell’immaginazione.

West bisonte con ghepardoPer la prima volta saranno esposti esemplari della più grande raccolta al mondo di oggetti, documenti, stampe, quadri, che richiamano i bisonti delle grandi praterie, la preziosa collezione museale di Wanny Di Filippo, imprenditore e stilista del marchio di pelletterie Il Bisonte.

Collezionista fiorentino da tanti anni si dedica a questa ricerca in tutto il mondo tanto da avere raccolto oltre 1400 pezzi nello storico Palazzo Corsini di Firenze.

Info: Atc Calenzano 0550502161

Firenze

Il tempio delle muse

Inizia con il primo appuntamento di dicembre il ciclo dedicato a “I Sapori della musica”. L’8 dicembre sarà la volta dell’olio. In quella data si conclude infatti la settimana ebraica di hanukkah, festività in cui si ricorda un complesso miracolo che ha a che fare con... un olio di oliva purissimo e sacro!

Tempio quartettoQuesta è l’occasione per Enrico Fink, che da anni si è affermato come una delle più interessanti personalità nella riscoperta e rielaborazione della musica tradizionale ebraica, di ripercorrere un repertorio di musica religiosa che prende spunto dalla tradizione sinagogale italiana ed est europea, ma anche dalla poesia yiddish.

La creazione finale è una vera e propria produzione di musica ebraica italiana contemporanea, un’opera che nasce dalle proprie e particolari radici ebraiche italiane, ma che affonda anche nel klezmer, nel jazz, nella musica elettronica e nel ricco mondo delle musiche ebraiche del XXI secolo.

Seguirà il 22 dicembre il Concerto di Natale tenuto dall’Orchestra dell’Università di Firenze, diretta dal Maestro Marco Papeschi, che si esibirà anche in veste di violino concertatore. I brani presentati spaziano dal classico al contemporaneo con arrangiamenti di Stefano Nanni di colonne sonore di film famosi, e di brani della tradizione napoletana.

Per i soci Unicoop possibilità di prenotazione al concerto con garanzia del posto scrivendo a tempiodellemuse@gmail.com o telefonando al 3318762068 (dalle ore15 alle 18 dal lun. al ven.).

Biglietto ridotto di ingresso alla sezione del Museo interessata dal concerto (3 euro anziché 6)
Info: tempiodellemuse@gmail.com ;www.msn.unifi.it

Lastra a Signa

Antichi Sapori

Dal 6 all’8 dicembre nel centro storico di Lastra a Signa si svolge la “Sagra degli antichi sapori”; la manifestazione si propone come occasione di presentazione e valorizzazione delle eccellenze sul territorio.

Mercati enogastronomici, mangiari di strada, il mercatino medievale, musica, incontri, mostre e la premiazione del concorso “Olio d’Oro”, organizzato dal Comune di Lastra a Signa in collaborazione con Camera di Commercio di Firenze, Agricia, Cna.

La manifestazione vede la partecipazione della sezione soci Coop Le Signe che presenterà i progetti per la solidarietà verso le categorie più deboli.

Orari:10-19 

Info: 0558725770; www.comune.lastra-a-signa.fi.it

Prato

Intrecci inVisibili

Sabato 14 dicembre, ore 10, presso l’Istituto culturale e di documentazione Lazzerini di Prato, sarà presentato il libroIntrecci inVisibili di Kepos. Form-Azione come Tras-Missione, realizzato da Kepos onlus, una cooperativa sociale di Prato che opera nei settori della disabilità, del disagio e del sostegno alla genitorialità per celebrare i 10 anni di attività.

Il libro raccoglie le voci dei ragazzi, delle famiglie, dei fondatori, dei donatori, dei volontari e di tutti coloro che hanno partecipato a questo percorso decennale; è reperibile presso la sede della cooperativa, in via Arcangeli 2 a Prato.

Info: www.keposcoop.it ; 0574442845

Punto croceil giocoFirenze

Punto e croce
Ago e filo per una sfida all’ultimo ricamo. Dal 3 al 15 dicembre a palazzo Davanzati – via Porta Rossa 13, si terrà la mostra internazionale “La Dama di Vergy”, a cura del club del Punto in Croce ispirata agli affreschi e agli arredi di palazzo Davanzati. Merletti, patchwork, tanti punti di ricamo e perfino pittura mista a ricamo.

Opere provenienti da tutto il mondo, Svizzera, Inghilterra, Stati Uniti, Giappone, e poi il Laboratorio di sartoria del carcere di Volterra - che accoglie solo un popolo maschile – presenti con un pezzo patchwork.

C’è anche un leggiadro ricamo realizzato con maestria da una bambina di dieci anni, e una serie di borse tutte ispirate agli affreschi trecenteschi del palazzo.

Orario: 8.15-13.50, biglietto d’ingresso 2 euro

Info: www.ilclubdelpuntoincroce.com - tel. 0552478204

Firenze

Premiazione

Domenica 15 dicembre alle ore 16 nel Salone dei Cinquecento in Palazzo Vecchio, cerimonia di premiazione del “Premio letterario Firenze per le Culture di Pace”, dedicato a Tiziano Terzani 2013, organizzato dall’associazione Un Tempio per la Pace e dalla Regione Toscana.Il premio raccoglie, pubblica e diffonde scritti e testimonianze per la pace; come ogni anno richiama molte persone interessate a questi temi. Saranno presenti i premiati delle diverse sezioni, le autorità di Comune, Provincia e Regione e gli organizzatori del Premio. L’ingresso è libero.

'900 gino severini la fillette au lapin 1922Poggio a Caiano

La stanza del ‘900

Fino al 26 gennaio al Museo Soffici e del ’900 italiano, Scuderie Medicee di Poggio a Caiano (Po), apre una nuova esposizione, la “Stanza del Novecento”, in attesa della grande mostra dedicata a Soffici, nel 2014, in occasione dei 50 anni dalla sua morte.

“La Stanza del Novecento”, a cura di Luigi Cavallo e Luigi Corsetti, è la prima di una serie di mostre che sotto lo stesso titolo presenteranno ogni anno opere di artisti del Novecento italiano, collegati più o meno direttamente alla figura di Soffici.

In questa prima sintetica rassegna sono esposte le opere, una per ogni artista, di Felice Carena, Carlo Carrà, Felice Casorati, Giorgio de Chirico, Tullio Garbari, Giorgio Morandi, Filippo de Pisis, Ottone Rosai, Gino Severini, Mario Sironi, Armando Spadini e Lorenzo Viani.

Orari: da venerdì a domenica ore 10-13/14-18

Biglietto: 3 euro

Info: 0558701287-80-81; info@museoardengosoffici.it ; www.museoardengosoffici.it

Foto di M.C. Spianto