"Toscana da leggere": i risultati di settembre

Scritto da Antonio Comerci |    Novembre 2005    |    Pag.

Da molti anni nell'Unicoop Firenze, si è occupato di varie tematiche, soprattutto dal punto di vista consumerista e storico.

Autore alla fine degli anni ’80 di alcune pubblicazioni: Guida alla spesa - per spendere meglio e sapere cosa si compra (1989); Ecologia domestica - suggerimenti per rispettare l'ambiente (1989); Vivere la sicurezza - i pericoli dell'ambiente domestico; Frutti esotici – Piccola guida per conoscerli, riconoscerli e apprezzarli (1987); A come agrumi (1987).

Nel 1982 ha organizzato le Giornate dei giovani consumatori, a Firenze, che hanno visto la partecipazione di oltre 12 mila studenti e sono state la prima esperienza in grande stile della Coop nel mondo della scuola e dell'educazione ai consumi.

Dirige dal 1981 l'Informatore, mensile inviato ai soci dell'Unicoop Firenze, con una tiratura di oltre 600 mila copie. Dal '92 è responsabile della comunicazione istituzionale dell'Unicoop Firenze.

Nel 2004 esce “All’origine dell’oggi – Cronaca degli ultimi 40 anni della cooperativa”, una cronologia dei più significativi eventi che hanno caratterizzato l’Unicoop Firenze e la cooperazione di consumo dal 1960 in poi. Stampato in proprio dall’Unicoop Firenze, la ricerca, le immagini e i testi della pubblicazione sono di Comerci.

Nel 2007 ha pubblicato per "I tipi" della Mauro Pagliai Editore, il libro "sComunicati - Viaggio fra i mezzi e i messaggi della società che comunica", con la prefazione del prof. Carlo Sorrentino, docente dell'Università di Firenze.

Per i cinquanta anni dalla registrazione della testata, nel 2013 esce “Quelli che... informano – Storia e considerazioni sul giornale dell’Unicoop Firenze” pubblicato dall’Unicoop Firenze e diffuso in migliaia di copie. Nella pubblicazione s’intreccia la biografia dell’autore, la comunicazione e la storia dell’Unicoop Firenze.

Nel 2018 Comerci va in pensione e pubblica un’edizione aggiornata de “All’origine dell’oggi”. È incaricato dalla cooperativa della responsabilità dell’Archivio storico dell’Unicoop Firenze.

"Settembre è il mese dei ripensamenti", cantava Francesco Guccini qualche anno fa. E così dev'essere anche per i lettori: la classifica dei libri più venduti nel settore "Toscana da leggere", nel reparto libri dei sei Ipercoop della Toscana, è rivoluzionata rispetto ai mesi precedenti. Tre su cinque sono libri di cucina e il più venduto del mese è un bel libro di trekking per famiglie con bambini. Della cinquina dei libri più venduti ad agosto (Informatore n° 10, pag. 8) resistono solo i fagioli. Il terzo posto è conquistato da don Lorenzo Milani con il saggio L'obbedienza non è più una virtù, scritto negli anni '60 nella scuola di Barbiana. È proprio il "mese dei ripensamenti" se si sente il bisogno di tornare a scritti di 40 anni fa... Ma è un piacere constatare che le idee che hanno cambiato il costume e la storia non sono sotterrate dal conformismo più banalizzato.

Piccoli editori crescono
In effetti anche il numero dei libri venduti
è in calo e segue l'andamento stagionale: a luglio ed agosto si dedica più tempo per la lettura e quindi all'acquisto dei libri. Non a caso conquistavano la preferenza dei nostri lettori Storie fiorentine (Niccolò Machiavelli), Toscana dei misteri (Luigi Prunetti) e Giallo di Maremma (mini storie poliziesche): gusto per la storia, i racconti e le curiosità del territorio. Anche a settembre questi volumi hanno avuto un alto livello di preferenze, mantenendosi fra i più venduti.

Nel complesso a settembre sono stati venduti 900 libri di medi e piccoli editori toscani, ad agosto erano stati 1100. Libri che difficilmente avrebbero trovato lettori disposti a comprarli; anche perché nei normali canali di vendita, quando ci sono e con molta difficoltà, sono relegati in qualche angolo.
Detto questo, niente illusioni, non è che negli ipermercati si vende di tutto e di più. Il mercato dei libri resta limitato, con poche persone disposte a spendere e leggere. Ben 32 titoli, su un centinaio, hanno venduto meno di dieci copie in un mese e 10 di questi nemmeno una. Segno di scelte (da parte degli editori che ce li propongono) non adatte al nostro pubblico, o di copertine e presentazioni non adeguate, che non riescono a spiegare il contenuto e ad interessare il lettore. Insomma, c'è da aggiustare ancora il tiro, migliorare il prodotto, aderire meglio alle esigenze di un pubblico che, dalle scelte che fa, risulta colto, curioso, interessato agli argomenti più vari. (An.Co.)



TOSCANA DA LEGGERE
I più
I più venduti a settembre 1
venduti a settembre


1 - Erio Rosetti, Camminabambino, Le Lettere, 19,50 euro
80 facili percorsi per scoprire le città e gli angoli più belli della Toscana

2 - Gian Marco Mazzanti, Ci casca a fagiolo, ed. Vallecchi, 5,50 euro
Curiosità storiche, descrizione delle varietà disponibili e 50 ricette.

3 - Don Lorenzo Milani, L'obbedienza non è più una virtù, a cura di Carlo Galeotti, ed. Stampa alternativa-Nuovi equilibri, 8,50 euro.
Tutti gli scritti pubblici del prete di Barbiana.

4 - Giuseppe Lo Russo, Oggi baccalà! Vallecchi editore, euro 5,50
50 ricette con il pesce che viene dal Nord.

5 - Gian Marco Mazzanti, Liscio come l'olio, Vallecchi editore, 5,50 euro
L'olio d'oliva, ovviamente extravergine, protagonista della cucina, dall'antipasto al dolce.

Da ottobre "Toscana da leggere" è anche in tre supermercati di Firenze: via Carlo del Prete, Gavinana e Ponte a Greve.