Orti in città

Scritto da Sara Barbanera |    Giugno 2013    |    Pag. 39

Laureata in Scienze della comunicazione presso l'Università La Sapienza di Roma nel 2001, nel 2016 consegue la laurea in Sviluppo Economico e Cooperazione Internazionale presso l'Università degli studi di Firenze.

È giornalista dal 2001, dopo la collaborazione con la cronaca umbra del Messaggero e con altri periodici locali.

Dal 2004 lavora in Unicoop Firenze dove, per 5 anni, ha svolto attività in vari punti di vendita, con un percorso di formazione da addetta casse a capo reparto servizio al cliente. Dal 2009 al 2011 ha coordinato le sezioni soci Coop di Firenze.

Dal giugno 2011 è direttore responsabile dell'Informatore Unicoop Firenze, responsabile della trasmissione Informacoop e della comunicazione digitale presso gli spazi soci Coop.

Niente carta e penna ma molta zappa e terra con “Orti in città”, il progetto sostenuto dalla sezione soci Coop Firenze Nord Ovest che, nell’anno scolastico 2012 – 2013, ha coinvolto circa 7 classi di due scuole del Quartiere 5: coordinati dalla Cooperativa Meta, i ragazzi hanno svolto un percorso teorico e pratico realizzando poi un orto scolastico.

Il tutto è avvenuto nello spazio dell’“orto espresso”, un appezzamento di terreno in via dell’Accademia del Cimento, che il Quartiere 5 ha affidato in gestione alla sezione soci Firenze Nord Ovest. Dopo la semina di aprile, a giugno ragazzi, insegnanti e genitori concluderanno il corso, il 4 giugno, con una giornata di festa e raccolta dei prodotti dell’orto.

Orti in condotta piccoli contadini articolo informatore unicoop firenzeUn boom di orti nelle scuole anche con “Orto in condotta”, il progetto di Slowfood che quest’anno ha visto l’inaugurazione di sei nuovi orti, in aggiunta ai due storici attivi dal 2008 nella “Scuola Città Pestalozzi” di Firenze e nella primaria “Marconi” di Grassina: qui i bambini coltivano piccoli appezzamenti di terreno adiacenti alle scuole, scoprendo i ritmi dell’ambiente e i prodotti della terra che poi finiranno sulla tavola delle loro mense scolastiche.

Il percorso all’insegna della biodiversità, coinvolge insegnanti, nonni, genitori e cuochi delle mense, con risultati che fanno sperare in nuove inaugurazioni a fine 2013.

Intanto, per le vacanze estive, dagli orti arriva un appello perché altri genitori e nonni ortolani diano un aiuto, così che a settembre tutto sia pronto per una nuova stagione “porri, spinaci e cavoli”.

Le 8 scuole di Firenze che hanno aderito al progetto “Orto in condotta”

  • Nido Pollicino
    Viale Ariosto, 18 Firenze
  • Nido Palloncino Via Villamagna, 150/M Firenze
  • Nido Rapa Patata
    Viale Calatafimi, 27/a Firenze
  • Scuola Grifeo - Infanzia
    Via delle Lame, 8 Firenze
  • Scuola Marconi – Primaria
    Via Lilliano e Meoli, Grassina (Bagno a Ripoli)
  • Scuola Damiano Chiesa – Infanzia e Primaria
    Via di Tozzoli, 21 Firenze
  • Scuola Città Pestalozzi – Primaria e Secondaria
    Via delle Casine, 1 Firenze
  • Scuola Papini/Sauro - Primaria e Secondaria
    Via Massapagani, 26 – 50125 Galluzzo – Firenze

Orti in condotta piccoli contadini articolo informatore unicoop firenze 2Ci vuole un fiore

Giugno, mese di mare e non solo: per i piccoli coltivatori in erba l’associazione “I camminanti” propone il laboratorio “Ci vuole un fiore”, attivo tutto l’anno, all’aperto e al chiuso, con attività nell’“Orto Giovanni” del Centro Il Giglio in via Santa Maria a Cintoia: un percorso verde per curare la terra ma anche sviluppare la fantasia e le relazioni con gli altri attraverso momenti didattici, letture e giochi di relazione.



Info:

Notizie correlate

La fabbrica degli ortaggi

A due passi da Firenze, una grande azienda ortofrutticola


La stagione dell'orto

A primavera piatti gustosi a base di verdure nel nome della "fusion", l'ultima tendenza in fatto di cucina


La farmacia nell'orto

I comuni ortaggi come fonti di sostanze utili contro l'invecchiamento e le malattie



Dall'orto e dall'aia

A Lamporecchio il ristorante "Il Poderino", con sconto per i soci


Orto, che passione!

Un evento per promuovere la cultura e la coltura dell’orto