Per gli sportivi ma non solo: ricco di proteine vegetali e fibre

Scritto da Melania Pellegrini |    Ottobre 2016    |    Pag. 16

Nata a Roma, si è laureata in Lettere moderne nel 1993. Comincia la sua attività giornalistica nel 1996 con il quotidiano on line Ultime Notizie che un anno dopo approda nelle edicole romane. Nello stesso periodo comincia a lavorare presso l’ufficio comunicazione e stampa dell’ass. di categoria Unione nazionale costruttori macchine agricole dove si occupa della rivista mensile MondoMacchina/MachineryWorld.

Nel 2001 si trasferisce a Firenze. Qui lavora come organizzatrice di congressi e eventi culturali al Convitto della Calza e comincia a scrivere per il settimanale locale Metropoli con cui collabora fino al 2011. Nel 2003 partecipa al concorso per entrare all’ipercoop di Sesto Fiorentino, passa tutte le selezioni e viene assunta come cassiera. Da questa sua esperienza lavorativa, che continua tutt’oggi, nel 2011 nasce “Diario di una cassiera”, una rubrica pubblicata sull’Informatore, la rivista mensile di Unicoop Firenze. Sempre nel 2011 scrive il volume “I nostri primi 30 anni. La sezione soci Coop di Campi Bisenzio fra impegno, solidarietà, socialità e partecipazione”. Da gennaio 2012 si occupa delle rubrica Guida alla spesa dell’Informatore.

pagnotta Sporty

Amatori o professionisti, nel decalogo di uno sportivo la regola di una buona alimentazione è ai primi posti. “Buona”, secondo le moderne linee guida nutrizionali, significa una dieta ricca di proteine vegetali e alimenti a basso indice e carico glicemico. In particolare, la dieta ottimale per gli sportivi deve prevedere un giusto apporto proteico, alimenti facilmente digeribili e un regime controllato per quanto riguarda i livelli glicemici. Per questo, fra i consigli per lo “sportivo modello”, c’è quello di ridurre il consumo di carboidrati, pane in primis.

Per gli sportivi, ma non solo per loro, è dunque nato il pane Sporty, prodotto per Unicoop Firenze da Cerealia. La particolare farina con cui è ottenuto Sporty, un mix di proteine vegetali e fibre, lo rende unico e particolarmente adatto agli sportivi che possono inserirlo

Fra gli ingredienti principali, Sporty contiene farina di frumento integrale, glutine di frumento, fibre vegetali di avena, inulina, proteine vegetali provenienti da lupino, soia e patata, fiocchi d’avena e semi di girasole e di chia.

In particolare la farina di frumento 100% integrale e la fibra d’avena apportano benefici a livello funzionale e metabolico, dando un rapido nella dieta quotidiana, senza rinunciare a una bontà della cucina italiana. senso di sazietà. Le fibre d’avena danno inoltre un valido contributo nel controllo del livello di colesterolo. I semi di chia sono una fonte vegetale ad alto contenuto di omega 3: questi sono grassi acidi essenziali che aiutano a tenere sotto controllo le infiammazioni corporee causate dall’attività sportiva e a regolare la pressione sanguigna e la funzionalità cardiaca.

Rispetto al pane bianco tradizionale, Sporty ha un alto contenuto proteico, contiene pochi carboidrati (circa un terzo), ha un indice glicemico più basso ed è facilmente digeribile. Il mix particolare contenuto in questa farina è quindi ideale per chi pratica sport in modo intensivo, ma anche per le necessità alimentari di chi vuole tenersi in forma, con un po’ di movimento quotidiano e una sana alimentazione.

Per stare bene, vita attiva e gusto equilibrato, che da oggi può prevedere qualche fetta in più di Sporty da abbinare al giusto companatico.


Notizie correlate

Ora è protetto

Riconoscimento europeo della Denominazione d’origine protetta (Dop) al pane toscano


La fatica del pane quotidiano

I problemi della panificazione, nei verbali delle assemblee e nei consigli d’amministrazione di fine ‘800


Pane in Burkina Faso

Un panificio con la formazione fatta dai ragazzi di San Patrignano e dipendenti dell’Unicoop Firenze


Pane, burro e acciuga

Mangiare nella mensa scolastica un secolo fa a Firenze. La refezione ai miseri e non residenti


Pane solidale

Un nuovo forno in Burkina Faso con i panettieri dei laboratori di San Patrignano