Metodi e regole per acquistare in sicurezza sul web

Scritto da Melania Pellegrini |    Febbraio 2017    |    Pag. 19

Nata a Roma, si è laureata in Lettere moderne nel 1993. Comincia la sua attività giornalistica nel 1996 con il quotidiano on line Ultime Notizie che un anno dopo approda nelle edicole romane. Nello stesso periodo comincia a lavorare presso l’ufficio comunicazione e stampa dell’ass. di categoria Unione nazionale costruttori macchine agricole dove si occupa della rivista mensile MondoMacchina/MachineryWorld.

Nel 2001 si trasferisce a Firenze. Qui lavora come organizzatrice di congressi e eventi culturali al Convitto della Calza e comincia a scrivere per il settimanale locale Metropoli con cui collabora fino al 2011. Nel 2003 partecipa al concorso per entrare all’ipercoop di Sesto Fiorentino, passa tutte le selezioni e viene assunta come cassiera. Da questa sua esperienza lavorativa, che continua tutt’oggi, nel 2011 nasce “Diario di una cassiera”, una rubrica pubblicata sull’Informatore, la rivista mensile di Unicoop Firenze. Sempre nel 2011 scrive il volume “I nostri primi 30 anni. La sezione soci Coop di Campi Bisenzio fra impegno, solidarietà, socialità e partecipazione”. Da gennaio 2012 si occupa delle rubrica Guida alla spesa dell’Informatore.

acquisti on line Acquisti on line

Contanti, bancomat, carte di credito, carte di debito… sono tanti i modi per pagare i propri acquisti. Ma, nell’imbarazzo della scelta, quali sono i più sicuri?

Di anno in anno la preferenza verso i pagamenti elettronici sta aumentando anche in Italia, perché sono pratici, veloci e più sicuri rispetto alla borsetta piena di contanti a rischio borseggio. Ma, a differenza di altre realtà estere, nel bel paese la carta elettronica non è ancora il mezzo di pagamento preferito dalla maggioranza dei consumatori.

Dal rapporto 2014 Pagamenti con le carte in Europa - un nuovo focus Sepa per le carte (Card payments in Europe - a renewed focus on SEPA for cards)redatto dalla Banca centrale europea sui pagamenti elettronici, è emerso che l’Ue si collocava al di sotto del potenziale massimo di utilizzo di tale strumento, nonostante la sua efficienza, sicurezza e affidabilità.

Sì, perché la carta elettronica ha davvero raggiunto standard di sicurezza elevati. Se per molti internauti fare acquisti su Internet è una normale pratica all’ordine del giorno, per quelli meno… “navigati”, nascono mille dubbi e domande: e se dietro ci fosse una truffa? O un furto on line? E soprattutto, cosa significano termini come hacking, phishing, boxing o sniffing?

Per cominciare dal peggiore, l’hacking è l’unico vero sistema messo a punto per accedere ai dati delle carte di credito, usate poi in modo fraudolento. L’hacker vìola i database dei venditori di servizi o prodotti via internet e accede alle informazioni contenute nell’archivio del negoziante, estrapolando i dati delle carte di credito dei clienti. A garanzia della sicurezza degli acquisti, sono nati vari sistemi di sicurezza. Guardando in casa nostra, Unicoop Firenze è presente con il punto vendita virtuale PiùScelta dove, per assicurare la tranquillità degli acquisti on line dei propri soci, ha deciso di aderire al servizio 3D Secure , uno dei protocolli che garantiscono maggior tutela per gli acquirenti.

Nella rassegna degli inconvenienti telematici, si può incorrere nel phishing, un modo per raggirare gli utenti tramite l’invio di e-mail ingannevoli. Il boxing è una frode “fatta a mano”, perché consiste semplicemente nel furto diretto della carta di credito dalla cassetta delle lettere. Lo sniffing riguarda l’intercettazione dei dati che viaggiano in rete. Per questo occorre accertarsi che il venditore usi un protocollo sicuro al momento dell’inserimento delle informazioni sensibili da parte dell’utente.

Dato che le truffe riguardano molto spesso oggetti non consegnati e venditori spariti nel mare magnum del web, il sito dei carabinieri invita innanzitutto a verificare che dietro al venditore virtuale ci sia un esercizio reale, a effettuare controlli incrociati fra diversi siti dove è proposto l’oggetto, con verifiche telefoniche, recensioni di altri utenti e una lettura non distratta delle condizioni di acquisto che possono contenere qualche elemento sospetto.

Tra mille dubbi e il panico del “click di conferma”, PiùScelta è l’alternativa per acquistare on line e in sicurezza: il venditore, vero al 100%, è Unicoop Firenze che ha creato questa piattaforma per dare la possibilità ai propri soci di acquistare on line oggetti non alimentari, con una formula di pagamento sicuro che prevede anche l’uso e l’accumulo dei punti della propria carta socio e con il ritiro del prodotto nel punto vendita preferito.

E se vi buttate nella rete alla ricerca dell’occasione, come in mare aperto, fatelo con qualche regola e un pizzico di prudenza e… occhio ai pescecaniǃ


Notizie correlate

Da casa o al super

È attivo il servizio di prenotazione e pagamento on line tramite il circuito box office toscana


Più sconto con un click

Nuovi o usati, on line o presso il punto vendita; buoni sconto fino al 25% sulla spesa dei prodotti Coop


On line conviene!

Novità per i soci con i buoni sconto sulla spesa.