Nuovo presidente per ANCC
Giorgio Riccioni, bolognese, 61 anni, è stato eletto presidente dell'Associazione nazionale cooperative di consumatori (Ancc). Laureato in economia e commercio, proviene dalla presidenza dell'Associazione Coop consumatori del Distretto adriatico (Accda). Ha ricoperto fin dagli anni '70 incarichi importanti nel movimento cooperativo. Per otto anni è stato direttore dei servizi annonari del Comune di Bologna.
A Riccioni è stato domandato quale sarà il ruolo della cooperazione di consumo nei prossimi anni e per quale tipo di consumatore. Ecco la sua dichiarazione.
"Il consumatore non chiede più soltanto garanzie sui prodotti e prezzi competitivi. Vi è una domanda crescente, specie nelle giovani generazioni, di informazione, di rispetto per l'ambiente, di sicurezza nei consumi, di innovazione del servizio. Il successo della cooperazione nei prossimi anni sarà direttamente proporzionale alla sua capacità innovativa: nei rapporti con la produzione, in particolare quella nazionale, per l'innovazione del prodotto e dei processi logistici; nello sviluppo di nuove tipologie distributive e nell'utilizzo diffuso delle tecnologie; o, ancora, nell'informazione diffusa e sistematica che investe il prodotto, il negozio, l'impresa e l'intero sistema. Non dovremo essere capaci soltanto di interpretare ciò che offre il mercato, ma dovremo sempre più riuscire a capire le aspettative del consumatore e ad agire sul mercato da protagonisti del cambiamento, rinunciando al puro e semplice ruolo di distributori".

La nuova presidenza dell'Ancc è così composta: Giorgio Riccioni, presidente; vicepresidenti: Remo Checconi (presidente di Coop Liguria), Roberto Conti (presidente di Coop Toscana Lazio) e Giuseppe Fabretti (riconfermato nella carica).