Sergio Staino: l’architetto che disegnò Bobo

Scritto da Stefano Giraldi |    Aprile 2017    |    Pag. 39

Giornalista e fotografo Specializzato in arte ed architettura. Ha realizzato un gran numero di cataloghi per artisti contemporanei italiani e stranieri. È stato a capo di campagne fotografiche per la realizzazione di numerosi volumi sui palazzi e chiese di Firenze per importanti case editrici con le quali collabora tuttora.

Sergio Staino al lavoro

Sergio Staino al lavoro - Foto S. Giraldi

Due o tre cose che so di…

Uno dei più poliedrici personaggi dell’umorismo e della cultura italiani è senza dubbio Sergio Staino. Classe 1940, architetto, disegnatore satirico, regista cinematografico, teatrale e televisivo, giornalista e scrittore e probabilmente tante altre cose ancora.

Dopo la laurea in architettura, diventa assistente di Giovanni Astengo, professore di Urbanistica all’Università di Venezia. Tornato a Scandicci, in provincia di Firenze, lavora come insegnante di applicazioni tecniche, mentre inizia a collaborare a “Linus”, rivista allora diretta da Oreste Del Buono. È lì che prende vita il suo personaggio più famoso, Bobo.

«Un personaggio più goffo del suo autore, con pochi capelli, con tanta pancia, con uno sguardo attonito e smarrito di chi c’è, ma non sa il perché, era il 10 ottobre 1979…»: così scriveva Staino nel catalogo per una mostra del 1985.

Umberto Eco, nella presentazione di Bobo e dintorni (Milano Libri Edizioni), scrive: «Bobo è come realtà “testuale” con le sue delusioni di militante ibernato, la sua sessualità di intellettuale, divorato da complessi colti e mitologie massmediatiche… il suo moralismo e il suo immoralismo».

Ma l’interesse di Staino si rivolge anche ad altre arti visive, come il cinema: scrive e dirige il suo primo film Cavalli si nasce con gli attori Paolo Hendel e Davide Riondino. In seguito, con Francesco Altan, scrive e dirige Non chiamarmi Omar con le attrici Stefania Sandrelli e Ornella Muti e con la partecipazione del cantautore Vinicio Capossela, che firma anche le musiche del film.

Per il teatro cura la regia della commedia Valzer, del giornalista Rai Alberto Severi, e dello spettacolo satirico di Rai3 Cielito lindo, con gli attori comici Claudio Bisio, Athina Cenci, Luciana Littizzetto e Aldo, Giovanni e Giacomo.

Ho chiesto a Sergio Staino quale consiglio darebbe a un giovane che vuole intraprendere la carriera della satira politica; ecco la risposta: «una forte passione politica, imparare a guardarsi intorno con ironia e soprattutto con autoironia».

Già, come fece dire a Bobo in un disegno del 1989: «basta con queste foto da intellettuale, voglio una foto nudo su Playboy!».

Video


Notizie correlate

street art firenze

Fra arte e vandalismo

Graffitari e street art: deturpano o abbelliscono la città?


massimo neri

Viaggi, arte e cucina

Massimo Neri: proposte non solo culinarie, ma anche artistiche