Scritto da Francesco Giannoni |    Maggio 2010    |    Pag.

Fiorentino da una vita, anche se con sangue maremmano e lombardo, laureato in lettere, è sposato con due figli. Si occupa di editoria dal 1991, prima come dipendente di una nota casa editrice della sua città, ora come fotografo e articolista free-lance. Collabora a riviste quali Informatore, Toscana Oggi, Calabria7, e a importanti case editrici.

Perle e gemme di Sicilia

La Sicilia non è solo l'isola con città ricche di monumenti di varie epoche e culture, e con una natura bellissima. È anche la terra dove la pasticceria è un'arte. Coop "fior fiore" ha selezionato alcuni di questi capolavori pasticcieri, lavorati con cura, nell'assoluto rispetto delle tradizioni. Sono dolci preparati con ingredienti naturali (farina, miele, burro, uova e cioccolato puro, cui vengono aggiunti pistacchi, mandorle e limoni dell'isola). Confezionati artigianalmente, mantengono la freschezza e l'intensità dei sapori e degli aromi di Sicilia.

Abbiamo le Perle nere: mandorle impastate con limoni di Sicilia, il tutto ricoperto di puro cioccolato fondente. Le mandorle, con il loro sapore intenso e pieno, sono le regine della pasticceria siciliana; le Gemme con mandorle e pistacchi. La produzione del pistacchio è concentrata a Bronte, sulle pendici dell'Etna, dove questo seme risulta particolarmente profumato. E per finire il Croccante al cioccolato. Su una base di cioccolato fondente purissimo, i pistacchi di Bronte si sposano a meraviglia con le mandorle caramellate.

 

Marchigiane all'uovo.

È basata sulla tradizione marchigiana, la pasta all'uovo "fior fiore" di Campofilone: tagliolini, tagliatelle e fettuccine.

Campofilone è un borgo agricolo in provincia di Fermo. Arroccato su un colle, ha difeso l'arte della pasta all'uovo che qui da secoli possiede connotati unici nella lavorazione e nelle ricette.

Nel rispetto di tale arte nascono i nostri nuovi formati di pasta all'uovo. Gli ingredienti, controllati e selezionati, sono lavorati in modo artigianale. Secondo la tradizione di Campofilone, l'impasto è realizzato con semola di grano duro e uova fresche; niente acqua. Ottenuta una sfoglia molto sottile, con un coltello è tagliata in strisce di diversa larghezza, a seconda del formato. Le strisce sono disposte a treccia su fogli di carta, a loro volta ordinati su telai su cui la pasta essicca, a basse temperature, per 24-36 ore. Con il ragù sono una "bomba".