LE ORIGINI DEL GUSTO
Sapori longobardi
Bizantini e longobardi si spartirono l'Italia alla fine del VI secolo d.C., e fu un trauma da cui la penisola praticamente si riprese solo nell'Ottocento, con l'unità d'Italia. Dopo i celti, è questa la quinta tappa del viaggio "Le origini del gusto", l'iniziativa che Coop lancia in tutti i supermercati alla ricerca delle radici della cucina italiana, dal 6 al 19 novembre. Con il termine "bizantini" venivano indicati i sudditi della parte orientale dell'impero romano, la cui capitale era appunto Bisanzio. Giunsero in Italia a partire dalla metà del VI secolo, con lo scopo di riunire l'Italia all'impero romano d'Oriente sconfiggendo i goti. I longobardi invece erano una nuova popolazione d'origine germanica, un popolo di nomadi-guerrieri proveniente dalle steppe dell'Europa nord-orientale, che nel 568 invasero la penisola. Guidati dal re Alboino, occuparono rapidamente l'Italia settentrionale, conquistando gran parte della pianura Padana, la Toscana, nonché parte dell'Italia meridionale. Longobardia fu chiamato l'insieme di terre da loro occupate (da cui il nome attuale della regione Lombardia) mentre Romania (terra dei Romani, ossia dei Bizantini) furono chiamate le terre rimaste legate all'Impero (nome che resta oggi alla Romagna, sede dell'esarca di Ravenna).
Tante le specialità in promozione: taleggio, grana padano, salame varzino, speck, formaggio della Val di Fassa. E poi la tortafrolla di Verona, il salame di Cremona, wurstel, molti vini bianchi e rossi e tanti altri prodotti ancora.


AREZZO E BIENTINA
Due nuovi per due vecchi
Arrivano due nuovi supermercati ad Arezzo e a Bientina e hanno qualcosa in comune: per entrambi si tratta di un trasferimento in locali più ampi di punti vendita esistenti. Soci e clienti non dovranno faticare molto a trovare la nuova struttura di Bientina - via Achille Pacini -, visto che la distanza rispetto al vecchio supermercato è di 500 metri o poco più. Qui la superficie di vendita passa da 395 metri quadri a 1250.
Il nuovo punto vendita di Arezzo - via Vittorio Veneto -, si amplia invece fino a 1500 metri quadri di superficie di vendita (attualmente sono 850) e resta a disposizione degli abitanti dello stesso quartiere. Entrambi i supermercati avranno un parcheggio più grande rispetto a prima: nel caso di Arezzo i circa cento posti macchina sono interamente al coperto.
Le principali innovazioni comunque arrivano girando fra banchi e scaffali. Nuovi settori merceologici e una nuova pescheria a Bientina, mentre ad Arezzo sarà applicato un recentissimo "format" sperimentale Coop, che presenta un'immagine completamente diversa sia come caratterizzazione complessiva che come allestimento dei singoli reparti.


GASTRONOMIA
Freschi e già pronti
Novembre all'iper
Unicoop Firenze presenta il 'Banco del gusto', una nuova linea di piatti pronti, vere e proprie specialità gastronomiche preparate da mani sapienti con ingredienti di primissima scelta.
Unicoop Firenze ha selezionato e rielaborato le migliori ricette della tradizione culinaria italiana, per le quali ha definito minuziosamente le percentuali di ciascun ingrediente; grande attenzione è stata posta affinché gli ingredienti principali di ogni singolo piatto siano presenti in elevata quantità.
Accurati controlli effettuati mensilmente da parte dell'Ufficio Qualità interno garantiscono il costante rispetto dei metodi di preparazione.
La massima cura nella scelta delle materie prime, la rigorosa attenzione posta a tutte le fasi della produzione, l'utilizzo di confezioni Pvc free, l'informazione chiara e completa riportata nelle etichette sulla composizione dei prodotti, sono garanzia di elevata qualità e genuinità.
La scadenza a breve è sinonimo di assoluta freschezza e naturalità.
L'assortimento comprende antipasti, primi e secondi piatti, salse e sughi, nonché alcuni piatti etnici come la paella e la salsa messicana, confezionati in comode vaschette per mantenere intatto tutto il sapore ed il patrimonio nutrizionale.
La linea segue dei principi fondamentali. Eccone qualche esempio:
• I piatti sono preparati utilizzando condimenti naturali quali l'olio di semi e l'extravergine di oliva.
• Le carni presenti nei piatti del Banco del Gusto (siano esse bovine, suine, di pollo o di coniglio) sono tutte freschissime e provengono da allevamenti nazionali.
• In tutte le ricette viene utilizzato esclusivamente Parmigiano Reggiano.
• Il pesto alla genovese è preparato con basilico ligure e pinoli nazionali, nel pieno rispetto della ricetta tradizionale.
• Nel paté per crostini vengono utilizzati solo fegatini e cuori freschi.
• Nella minestra di pane, cavoli, carote, bietole, sedani, porri e cipolle sono fresche ed il pane è toscano.
• Cannelloni, crespelle e lasagne sono preparate unicamente con pasta fresca.


PRODOTTI COOP
Approvati dai soci
Novembre all'iper 2
266 prodotti testati e approvati dai soci Coop come i preferiti, oltre alla qualità garantita da Coop attraverso la ricerca e i controlli accurati delle produzioni, dei produttori e dei prodotti migliori. Sono test che mirano a verificare la bontà, la qualità percepita, le prestazioni, la versatilità, insomma i prodotti Coop oltre che buoni, sicuri, economici, devono essere anche i preferiti!
Fra i prodotti testati molti gli alimentari come le bibite, i gelati, gli spiedini di pollo, ma anche i sughi alle noci e ai funghi, la pasta, il riso, tanti anche i non alimentari come i calzini, il rasoio usa e getta, il pallone da pallavolo, la corsetteria, i dentifrici e altro ancora. Anche la frutta fresca a marchio Coop passa al vaglio dei soci: i kiwi, per esempio, le mele, le banane...


PALESTINA
Solidarietà artigiana
Novembre all'iper 3
Continua la collaborazione fra Unicoop Firenze e gli artigiani di Betlemme, in particolare con l'organizzazione Handcraft association che conta 42 aziende e dà lavoro a più di mille persone. Nel mese di dicembre ci saranno tante offerte per regali originali. Accanto ai classici presepi si possono trovare ornamenti per alberi di Natale e poi mestoli, mortai, porta formaggio, porta tovaglioli, spremiagrumi e altri articoli. Tutti in legno d'olivo naturalmente, la materia prima utilizzata da sempre dagli artigiani di Betlemme per produrre le loro statuine sacre, che oggi si dà nuove forme e nuove mete commerciali. Per la cooperativa l'inserimento di questi articoli nel proprio circuito di vendita è un modo per dare lavoro e aiutare concretamente una popolazione straziata da decenni di guerra.