Anti age, anti rughe, emollienti e idratanti: effetti sulla pelle

Scritto da Monica Galli |    Marzo 2016    |    Pag. 18

Esperta in scienze dell'alimentazione e merceologia alimentare Lavora nella formazione professionale di cuochi, pasticceri e camerieri-barman. Nel 2000, insieme ad Alessandra Pesciullesi, ha costituito uno studio associato che si occupa della divulgazione di informazioni sull'alimentazione e la merceologia alimentare, tenendo corsi per il Comune di Firenze e per alcuni quartieri cittadini. In quest'ambito nasce anche la collaborazione con l'Informatore.

Creme per il viso

Non possono mancare in nessun beauty case. Ormai ne fanno uso sia gli uomini che le donne, e i prodotti sono specifici per i due sessi. La pelle del viso degli uomini rispetto a quella femminile è meno setosa e morbida, ma più spessa e tendenzialmente più grassa, perciò più resistente alle aggressioni del vento, del freddo, del sole e anche del tempo. Dunque il maggior numero dei prodotti è rivolto alle donne.

L’effetto che fa

Una crema idratante agevola la penetrazione dell’acqua negli strati più profondi della pelle, mentre una crema emolliente ne impedisce la disidratazione.

Contro il passare del tempo ci sono anti-age e anti-rughe che non sono la stessa cosa: anti-age significa che aiuta la pelle e lo strato sottostante a rimanere gonfio e turgido (segni dell’invecchiamento sono l’assottigliamento dell’epidermide e la diminuzione della sua idratazione).

Una crema anti-age per contrastare il progressivo invecchiamento deve contenere fattori idratanti, emollienti e anche un componente che protegge dai raggi Uva e Uvb, evidenziato dal fattore di protezione solare (Spf).

Anti-rughe invece significa che va ad agire sulla ruga, o distendendo la pelle (facendo sì che si “tiri”) o riempiendo provvisoriamente l’avvallamento.

Creme antiruga con effetto soft focus sono ricche di particelle che riflettono la luce in modo da creare un effetto “sfuocato” come accade in fotografia.

Effetto filler ed effetto lifting richiamano invece a pratiche della medicina estetica. Nel primo caso si ammicca all’effetto riempitivo svolto dai principi attivi, nel secondo a un effetto stiramento. Si tratta comunque di condizioni temporanee e meno efficaci rispetto all’intervento di chirurgia estetica.

BB cream o Blemish Balm cream (blemish in inglese significa difetto, imperfezione) è riferito a creme in voga nei mercati asiatici, ma che anche da noi riscuotono un certo successo: sono prodotti che mascherano alcuni difetti, come punti neri, piccole macchie e acne, e che promettono con una sola crema più vantaggi: idratante, leggermente colorante per coprire i difetti e protettiva dalle radiazioni solari.

Per sottolineare l’idoneità dei prodotti, si leggono dichiarazioni del tipo “efficace nel 75% dei casi”, che si basano su test autovalutativi (di nessun valore scientifico) eseguiti da un campione di donne volontarie.

Ingredienti attivi

Alla base di tutte le creme sono sempre solventi, emulsionanti, profumi e conservanti, in modo da fornire una consistenza (texture) gradevole: creme facilmente spalmabili che non lasciano la sensazione di unto e appiccicoso. Nella base si inseriscono principi attivi che apportano varie proprietà.

Qualche anno fa erano gettonatissime collagene ed elastina. La fonte principale di questi ingredienti è la pelle di bovino, ma dopo l’epidemia di mucca pazza, sono cadute in disgrazia. Nessun timore, però, il collagene si estrae anche dalla bava di lumaca, dal pesce o dalla soia. Collagene ed elastina sono proteine fibrose tipiche della pelle e da questa normalmente prodotte. Sono intrecciate fra loro per dare consistenza ed elasticità.

Col tempo la loro produzione è meno efficiente, e quindi la pelle assume un aspetto meno elastico e più rugoso. Il reticolo di collagene ed elastina si trova negli strati profondi della pelle, immerso in un fluido viscoso ricco di acqua, chiamato sostanza fondamentale. Uno dei componenti principali di tale fluido gelatinoso è l’acido ialuronico, cheoggi è forse il principio attivo più comune, pubblicizzato in numerosi prodotti.

Una certa notorietà la sta vivendo anche l’urea di cui sono state scoperte le proprietà esfolianti, idratanti e ammorbidenti, ed è particolarmente usata anche da chi soffre di acne. Altri frequenti principi attivi naturali sono le vitamine A (retinolo), C (acido ascorbico), E (tocoferolo) e gli estratti vegetali di aloe vera, karité, mandorle dolci e molti altri aggiunti in concentrazioni variabili da prodotto a prodotto. Le vitamine sono antiossidanti che favoriscono la produzione delle fibre e della sostanza fondamentale, gli estratti vegetali hanno ruolo cicatrizzante, lenitivo, umettante, idratante ed emolliente.

Alcune parole le merita anche il Gaba (acido gamma ammino butirrico), per ora più noto alle donne americane: è un neurotrasmettitore che rilascia la muscolatura sottocutanea, distendendo la pelle e le rughe, con un effetto lifting immediato anche se non duraturo.

Quanto principio attivo penetra?

Non è facile studiare questo aspetto. I ricercatori ancora non sono riusciti a stabilirlo in modo univoco per tutti i principi attivi. In effetti molte sono le variabili che influenzano tale aspetto.

Molto dipende dalla dose iniziale: se il principio attivo è presente nel cosmetico in concentrazioni minime, penetra la cute in concentrazioni meno che minime.

Il consumatore non può conoscere la concentrazione del principio attivo, l’unico strumento è il confronto tra i prodotti, notando la posizione che il principio attivo ha nell’elenco degli ingredienti: più è in alto più è presente.

Le buone norme

Un ottimo antidoto per mantenere la pelle sana e luminosa è condurre uno stile di vita sano: alimentarsi in maniera corretta, praticare attività fisica regolarmente e smettere di fumare.

Sulla tavola non devono mai mancare frutta, verdura e cereali integrali: con il loro contenuto di vitamine e sali minerali costituiscono una vera cura di bellezza per la pelle.

Non è un caso se molti cosmetici contengono principi attivi di origine vegetale oltre a sostanze antiossidanti. Il loro scopo è fare arrivare sulla pelle le stesse sostanze che si possono assumere con un’alimentazione sana e naturale.