Coop è la prima grande catena di distribuzione in Italia ad ottenere la certificazione. Un impegno iniziato tanti anni fa

Dal 14 dicembre 2005 i prodotti cosmetici Coop sono certificati secondo lo standard internazionale "Non testato su animali", l'unico disciplinare riconosciuto a livello internazionale in grado di indicare ai consumatori le aziende produttrici di cosmetici che hanno deciso di non sperimentare i propri prodotti sugli animali. Anche in questo caso siamo la prima catena distributiva che in Italia ottiene questa certificazione.

La legge europea dal 2005 vieta di testare i cosmetici (prodotti finiti) su animali, ma fino al 2013 sarà ancora consentito di testare su animali i singoli nuovi ingredienti. Negli anni passati sono state testate circa 10.000 sostanze utilizzate dall'industria cosmetica per formulare i propri prodotti. Coop - che da sempre non testa i propri cosmetici su animali - aderendo a questo standard si impegna ad utilizzare solo le materie prime già in commercio e ad impiegare nuove molecole solo se verificate con test alternativi; in questo modo Coop contribuisce attivamente alla riduzione della sperimentazione animale sulle nuove molecole.
Lo standard internazionale è un'iniziativa unitaria delle cinquanta più importanti associazioni antivivisezioniste ed animaliste nel mondo; in Italia è gestito dalla Lav (Lega anti vivisezione) e gli impegni sono controllati da una società indipendente.
Da questo punto di vista la Lav ha stilato un accordo con Icea, istituto per la certificazione etica e ambientale, unico ente riconosciuto per garantire la conformità delle aziende ai principi dello standard "non testato su animali".

Per ottenere il riconoscimento di adesione allo standard l'azienda deve compilare un questionario dettagliato sulla propria politica aziendale in merito ai test su animali e fornire informazioni sulla tipologia di prodotti commercializzati e sull'origine e la tracciabilità degli ingredienti.
L'azienda inoltre deve presentare una dichiarazione scritta di tutti i propri fornitori che attesti il loro impegno a non eseguire test su animali, almeno a partire dalla data di sottoscrizione dello standard.
Se la documentazione risulta completa e corretta, l'azienda può richiedere la visita ispettiva di Icea che, attraverso il suo personale tecnico, organizza un controllo sul campo, verificando la conformità dell'azienda rispetto a quanto dichiarato sulla documentazione.

Proprio in seguito all'esito positivo della visita ispettiva da parte di Icea, Lav inserirà Coop Italia nell'elenco ufficiale delle aziende conformi allo standard, segnalando le oltre 30 referenze cosmetiche a marchio Coop.