Montepulciano
Il ritorno del Paz

Dal 1° al 30 giugno Montepulciano rende omaggio ad Andrea Pazienza, l’artista che nella città toscana visse i suoi ultimi quattro anni di vita, dal 1984 al 1988. Curata dall’associazione Mattatoio n. 5 e dal Comune di Montepulciano, con la supervisione artistica della moglie di Pazienza, Marina Comandini, la mostra-evento “Pazienza poliziano” propone i lavori originali del geniale artista, pugliese di origine, bolognese di formazione e poliziano di adozione: attraverso gli schizzi, i bozzetti, le dediche, gli scritti e i pensieri raccolti – alcuni provenienti da collezioni private – sarà possibile ricostruire un periodo fondamentale della vita artistica di Andrea Pazienza nei suoi quattro anni di permanenza a Montepulciano.

Il percorso espositivo è itinerante e si snoda in tre diverse sedi espositive: il Museo civico, le Logge della Mercanzia e la cripta della Curia vescovile. In primo luogo, l’attesissima mostra espositiva degli inediti disseminati nel territorio, accompagnati da estratti di opere nate e concepite a Montepulciano (ad esempio “Pompeo” e “Zanardi”); insieme alle opere, curiose raccolte fotografiche e soprattutto esclusivi contributi video, arricchiti da un documentario prodotto per l’occasione. Parallelamente saranno organizzate altre iniziative, come una performance in cui giovani talenti interagiscono con artisti affermati, un workshop sul fumetto e una tavola rotonda conclusiva su Andrea Pazienza e Montepulciano.

Il biglietto d’ingresso di 8 euro (ridotto 5 euro fino a 25 anni) dà diritto a visitare le tre sedi della mostra e il Museo civico.
Info: associazione Mattatoio n. 5, tel. 0578757286-33393212075, www.mattatoio5.it



Capolavori in Maremma

Visitare i musei della Maremma e conoscere i territori che li ospitano.
È questo l’obiettivo di “Tesori d’arte in Maremma”, l’iniziativa promossa dalla Provincia e dalla rete museale di Grosseto, su progetto di Gianfranco Luzzetti.
Tema dei due itinerari proposti quest’anno “La pittura e la scultura senese tra Trecento e Quattrocento”, di cui la Maremma conserva parecchi capolavori.
Gli itinerari, entrambi con partenza da Grosseto, percorreranno uno il nord della Provincia, Montepescali e Massa Marittima, l’altro il sud, fino a Montemerano e Pitigliano. I minibus percorreranno strade secondarie, costeggiando a nord il lago dell’Accesa per inoltrarsi nelle campagne di Monteregio, a sud, le terre del Morellino di Scansano per approdare in quelle del tufo.

Ogni tour comprende l’utilizzo di un minibus, visita guidata in più lingue, una guida cartacea degli itinerari in tre lingue (edizioni Polistampa) realizzata per l’occasione, un coupon che dà diritto all’ingresso scontato nei musei visitati durante il tour, pranzo con prezzo scontato in ristoranti convenzionati.
È prevista anche la possibilità di rimanere a dormire a Montemerano, in un agriturismo convenzionato.

Entrambi gli itinerari prevedono la visita a Grosseto della mostra “La Bella Maniera in Toscana” e del Museo archeologico e d’arte della Maremma. Partenze previste ogni sabato e domenica, dall’11 giugno all’11 settembre, alle ore 10, da piazza della Vasca a Grosseto.

Info e prenotazioni: Apt Grosseto, tel. 0564462611



Cerreto Guidi
Arte dai giornali

La villa Medicea di Cerreto Guidi (Firenze) ospita, fino al 20 luglio, una mostra davvero particolare, dedicata alle opere dell’artista Ivano Vitali, ecologista, scultore e performer, nato ad Argenta (Ferrara) ma fiorentino di adozione. La produzione di Vitali è caratterizzata dal riciclaggio dei giornali che trasforma in sculture, gomitoli, arazzi e abiti, come il “Rosa Bomb-on” (nella foto) realizzato con le pagine rosa di un notissimo quotidiano sportivo.
La mostra “Tramart” è aperta dal lunedì al venerdì dalle 16 alle 19, il sabato e la domenica dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19. Chiuso il secondo e terzo lunedì del mese.

Info: tel. 3281134144, www.artnest.it

 

Sculture nel Chianti 

È una mostra permanente all’aperto di installazioni e sculture contemporanee immerse in un bosco di querce e lecci. Il Parco Sculture del Chianti si trova a Pievasciata, circa 10 km a nord di Siena nel cuore del Chianti senese. Artisti di oltre 20 paesi dei cinque continenti hanno creato 26 opere perfettamente integrate nella natura circostante usando vari tipi di materiale. Lungo un percorso di 1 km il visitatore può godere di suoni e rumori tipici della natura toscana e contemporaneamente guardare le opere d’arte.

 
Il Labirinto di Jeff Saward (Inghilterra), vetro mattone

Alcune delle sculture sono interattive: ci si può entrare, mettersi a sedere o addirittura ascoltare. Così la passeggiata diventa piacevole per tutti, e non solo per gli amanti dell’arte. Il parco è aperto tutti i giorni, dalle 10 al tramonto. Nel periodo invernale si consiglia di chiamare prima della visita al numero 0577357151. Il biglietto d’ingresso è di € 7,50 per gli adulti (per i soci Coop 6 €), 5 € per i ragazzi sotto i 16 anni (4 € per i figli di soci Coop). Lo sconto, valido fino al 31 dicembre 2008, è esteso anche ai componenti del nucleo familiare del titolare della carta socio o al gruppo di amici che lo accompagnano nella visita al parco.

Per raggiungere il parco: da Siena Nord prendere a sinistra per Castellina in Chianti e dopo un chilometro e mezzo circa svoltare a destra per Vagliagli. Dopo 8 km girare a destra in direzione Pievasciata. Dopo altri 4 chilometri una strada di campagna vi porterà al parco.