Le sezioni soci di Firenze partecipano a "Regalati un restauro"

Scritto da Sara Barbanera |    Novembre 2012    |    Pag.

Laureata in Scienze della comunicazione presso l'Università La Sapienza di Roma nel 2001, nel 2016 consegue la laurea in Sviluppo Economico e Cooperazione Internazionale presso l'Università degli studi di Firenze.

È giornalista dal 2001, dopo la collaborazione con la cronaca umbra del Messaggero e con altri periodici locali.

Dal 2004 lavora in Unicoop Firenze dove, per 5 anni, ha svolto attività in vari punti di vendita, con un percorso di formazione da addetta casse a capo reparto servizio al cliente. Dal 2009 al 2011 ha coordinato le sezioni soci Coop di Firenze.

Dal giugno 2011 è direttore responsabile dell'Informatore Unicoop Firenze, responsabile della trasmissione Informacoop e della comunicazione digitale presso gli spazi soci Coop.

Alcune sono già pronte, ben nascoste sotto un telo; altre sono in viaggio, ma il programma è pronto: la mostra dei "Mai visti" sarà una sorpresa, fatta di formule chimiche, amuleti, animali mitici che ricostruiscono la storia delle officine alchemiche, un tempo ospitate nelle attuali Gallerie degli Uffizi.

Quest'anno la dodicesima edizione della mostra si intitolerà "Fonderia medicea. Da laboratorio alchemico a stanza delle meraviglie"; sarà visitabile gratuitamente dal 15 dicembre al 3 febbraio nella parte del terzo corridoio, detto di ponente: qui lo stesso Francesco I de' Medici svolgeva i suoi esperimenti sull'oro, sulle piante e su tutte le sostanze che si riteneva avessero proprietà magiche o curative.

Fra mistero e scienza, la mostra ospiterà opere di deposito e prestiti esterni fra i quali spuntano anticipazioni curiose, come un coccodrillo e corna di rinoceronte, ricercatissime a quei tempi per le loro proprietà magiche.

Come ogni anno, cambia il soggetto ma non l'originalità delle scelte né tanto meno l'obiettivo della mostra; oltre a un'occasione non ripetibile, i "Mai visti" offrono ai visitatori l'opportunità di fare anche qualcosa per l'arte. Dal 2006 infatti alla mostra si è associato il progetto "Regalati un restauro", nato dall'Associazione Mercurio e dall'Agenzia amici del turismo che operano a titolo volontario: tutti i visitatori che usufruiranno della guida turistica e del servizio prenotazione, potranno lasciare un contributo all'Associazione amici degli Uffizi che lo destinerà al restauro di un'opera.

Dal 2011 anche le quattro sezioni soci di Firenze sostengono il progetto che in cinque anni ha dato risultati tangibili oggi esposti, come racconta Antonio Natali, direttore della Galleria degli Uffizi: «L'appuntamento con i "Mai visti" è ormai una tradizione.

Nel tempo è diventata una mostra a tema che lo scorso anno ha raggiunto ventimila visitatori: nel 2011 i contributi raccolti con il progetto "Regalati un restauro" sono raddoppiati e abbiamo potuto restaurare non una ma ben due opere. In tempo di crisi, è stato un successo ottenuto anche grazie alle sezioni soci Coop di Firenze che hanno promosso l'iniziativa presso un pubblico molto vasto.

Quindi, come "la Coop sei tu", anche "Gli Uffizi sei tu": adotto questo famoso slogan proprio per dire che non devono esserci chiusure né torri d'avorio sulla conoscenza e sulla divulgazione della cultura e dell'arte. Gli Uffizi hanno ricevuto per secoli opere dal territorio; ora le custodiscono per restituirle non solo ai turisti mordi e fuggi ma anche a chi appartiene al territorio.

Questo è un luogo che conserva la nostra storia e continuerà a esserlo, se tutti contribuiamo alla sua conservazione. È l'amore che genera rispetto ed è fondamentale che tutti sentano come loro ciò che li circonda. L'adozione significa proprio questo, prendersi cura di un patrimonio comune».

Se la mostra è il regalo degli Uffizi ai cittadini fiorentini e toscani, la partecipazione al progetto "Regalati un restauro" è un semplice gesto con cui ricambiare, prendendosi cura di un patrimonio comune. 

 

L'intervistato: Antonio Natali, direttore della Galleria degli Uffizi

 

Info: Le visite si svolgeranno il 28, 29, 30 dicembre e il 4, 5, 6 gennaio dalle ore 15.30.

Prenotazioni presso l'Agenzia amici del turismo 055218413. Le offerte, da un minimo di 5 € per persona, verranno raccolte al punto di accoglienza, all'ingresso della mostra. Sarà possibile partecipare anche senza prenotazione fino a esaurimento dei posti disponibili.

www.amicidegliuffizi.it; info@amicidegliuffizi.it

 

Crediti delle foto: Maria Brunori


Notizie correlate

Firenze, Arazzi in Galleria

In mostra gli arazzi degli Uffizi


I Ghirlandaio

Una mostra evento dedicata ad una famiglia di pittori rinascimentali, un ‘percorso' fra musei, chiese e palazzi di Firenze e Scandicci


La Città degli Uffizi

L'Oratorio di Santa Caterina all'Antella e i suoi pittori: 12 capolavori mai esposti prima


La riscoperta del Candido

Un grande artista fiammingo dimenticato, torna a Volterra con dipinti provenienti dai maggiori musei


L’opificio dei miracoli

Visite guidate al Museo e ai laboratori dell'Opificio delle Pietre Dure di Firenze


Torna a casa il Beato

Fino al 27 giugno in mostra dipinti del Beato Angelico e di altri artisti del Rinascimento fiorentino


Uffizi on the road

Proseguono le mostre monografiche sul territorio utilizzando il vasto patrimonio della Galleria fiorentina

Photogallery