Dopo anni di predominio delle alcaline, che comunque rimangono per ora le più vendute grazie al prezzo più basso e alla maggiore potenza, l'ago di mercato del settore si sta spostando sensibilmente verso le "cugine" ricaricabili, più care, certo - circa il doppio rispetto a quelle usa e getta -, ma con un minore impatto ambientale. Pile che hanno raggiunto livelli di potenza tali da poter essere impiegate anche per molti prodotti tecnologicamente evoluti (fotocamere digitali, palmari, lettori mp3), in sostituzione delle alcaline.
Oggi inoltre possono essere ricaricate fino a mille volte con un notevole risparmio, compensando ampiamente la maggiore spesa iniziale.

Per renderle ancora più funzionali c'è anche il nuovo caricatore di pile universale: carica tutte le batterie, si può attaccare anche all'auto e dispone della funzione di scarica per ricaricare fino al massimo delle capacità. Nel prossimo futuro ci saranno le pile al litio (come le batterie del cellulare) ricaricabili, molto potenti e modernissime, capaci di alimentare tutti gli oggetti tecnologici di ultima generazione e senza problemi di memoria precedente.