Scritto da Rossana De Caro |    Marzo 2009    |    Pag.

Laureata in Lettere all'Ateneo fiorentino, ha lavorato per molti anni come giornalista in emittenti televisive e radio locali, realizzando programmi di costume e società. Ha collaborato inoltre con La Nazione per la cronaca di Firenze e gli spettacoli. 

Dal 1998 scrive articoli per l'Informatore. Si occupa anche di uffici stampa per la promozione di eventi a Firenze e in Toscana.

Ha pubblicato il libro 'Ardengo Soffici critico d'arte'. 

Dal 2009 al 2015, sempre come collaborazione esterna, è stata coordinatrice redazionale dell'Informatore.

LUCCA
Camelie in prima fila

Un itinerario in lucchesia alla scoperta dell’antico fiore

A marzo, nei giorni 15/16 - 22/23 - 28/29, prenderà il via la ventesima edizione della mostra “Antiche camelie della lucchesia”. La manifestazione dedicata a questa celebre pianta, si svolge nel Borgo delle Camelie, situato nei paesi di Pieve e Sant’Andrea di Compito (Lu). Tre diversi itinerari sono stati creati per i visitatori, con lo scopo di far apprezzare in tutti i suoi aspetti la valle del Compitese.

L’“itinerario delle Camelie” dove si possono visitare giardini e parchi di ville storiche, ricchi di queste piante; la piantagione sperimentale di camelie da tè, realizzata nel 1987 dove si producono tre varietà particolari di tè: “Polvere di Giada”, “Opale” e “Tè delle tre tigri”; inoltre si può ammirare un intero parco a tema dedicato alla camelia, chiamato appunto “Camellietum Compitese”: un giardino botanico che raccoglie 20 tra le 260 specie di Camelia esistenti in tutto il mondo e oltre 140 cultivar considerate “Antiche Camelie della Lucchesia”, alcune delle quali non più reperibili in commercio. Infine la “Mostra Scientifica del Fiore Reciso”, esposizione a cui è dedicato lo spazio maggiore all’interno della manifestazione, ospitata nello spazio della sede del Centro Culturale Compitese. Al suo interno un’ampia panoramica molto delle cultivar di Camellia japonica (circa 200) presenti nel territorio della lucchesia e non solo.

L’itinerario storico”: alla scoperta dei luoghi e delle opere più significative del passato presenti all’interno dei paesi di Pieve e Sant’Andrea di Compito, quali appunto il “borgo delle Camelie”, abitato sin dall’antichità più remota, dove si sono svolti gli epici scontri tra lucchesi e pisani; la chiesa di San Pietro al Forcone, fondata verso il IX secolo; il ponte medievale detto “Alle Fontane”, risalente al Mille; e infine le marginette, una sorta di tabernacoli votivi sparsi qua e là per il borgo.

L’itinerario delle acque” è invece incentrato sul fiume La Visona, attorno al quale è sorta la vita del borgo: attraverso questo percorso, immerso nel verde e nella caratteristica vegetazione fluviale, si incontrano manufatti e strutture attinenti al tema dell’acqua, come frantoi, fonti d’acqua, lavatoi e ponti in pietra.

Accanto a questi tre percorsi, la ventesima edizione della manifestazione sarà caratterizzata anche da una mostra, organizzata in collaborazione con la Scuola superiore Sant’Anna di Pisa, dal titolo “Erbe spontanee nella tradizione alimentare del Capannorese”: oltre 70 specie vegetali tipiche, corredate con opportune schede tecniche, saranno esposte per mostrare ed anche insegnare ai visitatori a riconoscere quale sia la vera “flora spontanea commensale” tipica del comune di Capannori.

Info: Centro Culturale Compitese, tel. 0583977188 dal lunedì al venerdì in orario 9/12 e 14/17, info@camelielucchesia.it; www.camelielucchesia.it

 

COLLE VAL D'ELSA
Gocce di grappa

Sabato 7 e domenica 8 marzo si svolgerà nella cittadina senese, in piazza Arnolfo e dintorni, la quinta edizione di “Gocce di grappa”, la rassegna interamente dedicata al distillato italiano promossa dall’Anag, Associazione nazionale assaggiatori grappa e acquaviti, sezione della Toscana.

Tante le iniziative alla scoperta e alla degustazione di diversi tipi di grappa: stand con distillerie, enoteche, laboratori sensoriali dove si potrà sperimentare gli abbinamenti della bevanda “spiritosa” con prodotti alimentari diversi, dal miele al formaggio, dal gelato al cioccolato.
Ci sarà anche un banco di assaggio: acquistando il calice ufficiale Anag da degustazione al prezzo di 5 euro, i visitatori potranno provare, guidati da esperti, oltre settanta grappe e acquaviti di diverse regioni italiane.

Questa edizione 2009 sarà caratterizzata inoltre dalla presenza femminile: un riconoscimento al gentil sesso e alla sua sensibilità nel riconoscere i profumi: le degustazioni saranno guidate dalle donne dell’Anag Toscana, mentre l’Associazione Donne della Grappa, fornirà ricette per cocktail a base di grappa e suggerimenti per gli abbinamenti.

La manifestazione coinvolgerà anche il Museo del Cristallo, che proporrà una mostra di calici e di bottiglie in cristallo per distillati, allestita con la collaborazione del Consorzio del Cristallo. Presso i ristoranti che aderiranno all’iniziativa, inoltre, nei due giorni della manifestazione sarà possibile gustare piatti a base di grappa. Domenica 8 marzo, a partire dalle ore 10, ci sarà anche un colorato mercatino (in via Oberdan) di prodotti enogastronomici, e di artigianato artistico, découpage e curiosità di vario genere.

Orario: sabato 7 marzo 15/23, domenica 8 marzo 15/21

Info:  http://www.terrediarnolfo.it/grappa/gocce.html; oppure goccedigrappa@yahoo.it; tel. 0577921334; 0577922791

 

PONTASSIEVE
Concorso artistico

Si intitola “Agorà. Dalla migrazione alla conoscenza”, ed è un concorso, (a partecipazione gratuita), aperto a produzioni artistiche di vario genere: pittura, scultura, produzioni video, fotografia, arti digitali. Il tema conduttore è l’agorà, parola che in greco antico significa piazza. Questa è intesa come spazio collettivo simbolo della comunità e dell’incontro: una riflessione sulle modificazioni degli spazi collettivi in conseguenza dei cambiamenti culturali.

Le iscrizioni sono aperte a chi vive, lavora o ha rapporti significativi con il territorio della Valdisieve, del Mugello e del Valdarno fiorentino, e dovranno essere inviate tramite raccomandata entro il 15 marzo 2009 al Centro interculturale del Comune di Pontassieve (via Piave 2, 50065 Pontassieve). Le opere premiate, che saranno valutate da una giuria di esperti, saranno poi presentate ed esposte attraverso iniziative pubbliche, mostre o eventi nel corso del 2009.

È previsto un premio in denaro per la prima opera classificata e menzioni speciali per opere che la giuria riterrà di particolare interesse. Inoltre, a tutti gli artisti premiati o menzionati verrà offerta l’opportunità di partecipare ai Cantieri artistici che si svolgeranno sui territori dei Comuni coinvolti nel corso del 2009.

Info: Comune di Pontassieve, tel. 0558360261, cint@comune.pontassieve.fi.it www.comune.pontassieve.fi.it/cint

 

SAN GIOVANNI VALDARNO
Presepi fuori tempo

Si chiama “Natale nel Mondo” ed è una mostra permanente sui presepi, collocata nella Cappella dei Pellegrini della Basilica di Maria SS. delle Grazie a San Giovanni Valdarno (AR). È realizzata da Giuseppe D’Orsi e Pino Polcaro, entrambi appassionati cultori della natività che nel corso del tempo hanno raccolto pezzi particolari in fiere artigianali e mercati internazionali: ad oggi hanno collezionato circa un migliaio di presepi provenienti da tutto il mondo e realizzati con diversi materiali.

La mostra ogni anno cambia proponendo sempre delle novità attinenti al mondo del presepio. Questa esposizione, che rimarrà aperta fino a novembre, presenta, oltre alle opere di numerosi artisti italiani ed esteri, una grande natività in terracotta invetriata, del toscano Marco Bonechi, artista che ha preso spunto dalle opere dei Della Robbia, riproducendo lo stile e l’arte dei grandi artisti toscani del ‘400.

Ingresso libero, accesso ai disabili.

Orario: festivi 10/13 -16/19, feriali 16/19.

Info: www.natalenelmondo.it

 

PALAZZO MEDICI RICCARDI
Ricami e merletti

Dal 19 al 25 marzo nella Limonaia di Palazzo Medici Riccardi a Firenze, si terrà la mostra di ricami, merletti e trapuntature, “Armonie di fili”. Un’esposizione di opere create e realizzate dalle iscritte al Club del punto in croce, l’associazione fiorentina, giunta al suo 15° anno di vita, che insegna le arti legate all’ago e al filo.

Ci saranno candidi manufatti a tombolo dal fascino discreto e ricami multicolori a telaio, mentre le allieve del Corso di Punto Bayeux, mostreranno i loro lavori ispirati al famoso ricamo inglese dell’XI secolo, conservato in Normandia. Il patchwork e il Trapunto fiorentino intrigheranno i visitatori con tessuti impreziositi da trapuntature fatte a mano.

Inaugurazione lunedì 19 marzo alle ore 18.

Orario: 10/12,30 e 15,30/19.

Info: Il Club del Punto in Croce, tel. 0552345257, info@ilclubdelpuntoincroce.com www.ilclubdelpuntoincroce.com

 

IMPRUNETA
7 secoli di cotto

Tutto il Chianti in festa per celebrare i 700 anni di vita del cotto dell’Impruneta. Tanti gli appuntamenti (mostre, itinerari, convegni, restauri) per omaggiare il più povero ma anche uno dei più belli e tipici materiali della Toscana. Sette secoli di vita ufficialmente documentati da un atto notarile (datato 23 marzo 1309): il primo statuto della corporazione dei fornaciai, produttori per Firenze di brocche, conche e orci pregiati per la conservazione degli alimenti, nonché di embrici, coppi e mattoni per l’industria delle costruzioni, oltre a bellissimi vasi da fiori e sculture di ogni tipo.

Evento culminante delle celebrazioni è la grande mostra di sculture e manufatti che si inaugurerà appunto il 23 marzo all’Impruneta nei secolari locali di piazza Buondelmonti (salone e chiostro della Basilica di Santa Maria e Loggiati del Pellegrino) con il titolo “Il cotto dell’Impruneta. Maestri del Rinascimento e le fornaci”.

La mostra si suddivide in tre sezioni: una di architettura, una sulle manifatture locali comprese le produzioni attuali, la terza (la principale) sulla scultura rinascimentale in terracotta, dove si potranno ammirare le opere di Brunelleschi, Michelozzo, Della Robbia, Verrocchio, Benedetto da Maiano, Ghiberti, Desiderio da Settignano e di tanti altri maestri del Rinascimento, messe a disposizione dai principali musei fiorentini.

Info: www.fabbricaimpruneta.it

 

CARRARA
Delitti a teatro

La Compagnia del delitto approda a teatro con una commedia gialla interattiva che coinvolge il pubblico nelle indagini. Sabato 21 marzo, al Teatro degli Animosi di Carrara (piazza C. Battisti 1, ore 21,00), sarà messo in scena per la prima volta il thriller dall’eloquente titolo Chi di giallo ferisce di giallo perisce.

Allestito dalla compagnia toscana diretta dalla giallista Paola Alberti, autrice anche del testo, questo inedito murderparty interattivo si terrà nell’ambito di una rassegna “a tre”, organizzata da Il Settimo Enigma, insieme allo spettacolo del comico Paolo Migone (il 29 marzo) e a un “classico” come la commedia A piedi nudi nel parco di Neil Simon, regia di Vittorio Vatteroni (il 14 marzo).

Sul palcoscenico: Franco De Rossi, nel ruolo di Sherlock, Carlo Emilio Michelassi, Valeria Plasmati, Gabriele Bianchi, Tiziana Rinaldi ed Elisa D’Agostino.

Info: www.cattivabambina.it tel. 3407991641

 

FIRENZE
Prima di primavera

Domenica 15 marzo 2009, alle ore 16, a Firenze, nel Salone Consiliare di Villa Arrivabene (Piazza L.B. Alberti, 1) l’Accademia Vittorio Alfieri, terrà l’incontro “Poco prima di primavera”, con lettura di poesie d’amore. Interverrà anche il cantautore Massimo Pinzauti, con alcune sue recenti composizioni. Ingresso libero

Info: tel. 0556504761