FIRENZE
Con gli sci ai piedi

Lo Sci-Cai (Club alpino italiano) di Firenze, in collaborazione con il quartiere 2 di Firenze, organizza sulle piste dell'Appennino Tosco-Emiliano (Corno alle Scale e Cimone) corsi di sci e snowboard per principianti e di perfezionamento a vari livelli, per bambini e adulti. I corsi, che inizieranno domenica 20 gennaio 2008, saranno articolati in tre domeniche e due fine settimana: saranno tenuti da maestri della Scuola italiana di sci Freestyle e saranno preceduti da momenti teorici. Il viaggio sarà effettuato in pullman riservato.

Info ed iscrizioni: Cai, via del Mezzetta 2/M, Firenze, tel. 0556120467, tutti i giorni feriali dalle 16 alle 19; e-mail: scicai@caifirenze.it


BORGO SAN LORENZO
Carnevale con stile

Il 20 e 27 gennaio e il 3 e 5 febbraio Borgo San Lorenzo festeggia il suo Carnevale, con la sfilata dei carri per le vie del paese.

Ma è nella notte di Giovedì grasso (31 gennaio), dalle ore 21, che sarà messa in scena una vera e propria rappresentazione a tema: nelle piazze e nei vicoli del centro storico si riverseranno oltre 300 personaggi fantastici e misteriosi in stile veneziano. Le vetrine dei negozi saranno animate da personaggi in costume settecentesco. Musica dal vivo e gran ballo finale. Ristoranti, bar e pasticcerie del centro resteranno aperti per offrire ai visitatori menù e dolci tipici di Carnevale. Lo spettacolo è ideato e coordinato da Vieri e Patrizia Chini del Teatro Idea di Borgo San Lorenzo.

Info: tel. 055849661


SANTA CROCE SULL'ARNO
Carnevale d'autore

Quattro sfilate: il 20 e 27 gennaio, il 3 e 10 febbraio; quattro qruppi mascherati: il Nuovo astro, la Nuova luna, gli Spensierati, la Lupa; centinaia di volontari coinvolti nelle attività, a cominciare dalla realizzazione dei costumi, interamente fatti a mano.

Sono i numeri che raccontano il Carnevale di Santa Croce sull'Arno, le cui origini risalgono alla fine del 1800. Una festa che ha nelle maschere e nei costumi, molti dei quali realizzati in pelle, il suo tratto di distinzione, rispetto alle altre sfilate carnevalesche con i carri allegorici e le maschere di cartapesta.

L'appuntamento è alle ore 15, in piazza Matteotti: oltre ai corsi domenicali, trasmessi quest'anno anche su un maxi schermo, il Carnevale di Santa Croce sull'Arno propone un ricco calendario di manifestazioni collaterali, come mostre, convegni, attività teatrali, spettacoli pirotecnici e mascherate libere (il giovedì grasso)

Info: Comitato comunale festeggiamenti carnevaleschi Santa Croce sull'Arno, piazza Matteotti 42, tel. 057134473; Pro loco, tel. 057131101, www.carnevaledautore.it


AREZZO
Il cammino del sacro

È un percorso che si propone di valorizzare in modo permanente l'arte sacra di Arezzo: l'itinerario copre praticamente tutta la città, ed è percorribile con un solo biglietto e un'audioguida di 120 minuti con tante informazioni per ogni singola tappa.

Durante l'itinerario è possibile ammirare le opere di grandissimi artisti quali Piero della Francesca, Cimabue, Vasari e molti altri. Dopo la visita al Museo Diocesano, recentemente inaugurato, il "cammino" ha inizio dal vertice della città e si dirama nel centro storico con la visita ad otto chiese monumentali, fino a raggiungere la "città bassa".

La prima tappa è quella alla Cattedrale dei Santi Pietro e Donato (il Duomo), dove è custodita la Croce dipinta da Cimabue alla fine degli anni Sessanta del Duecento. L'itinerario prosegue alla volta della Chiesa di Santa Maria in Gradi, nelle cuivicinanze si affaccia la Casa Museo di Giorgio Vasari, la chiesa della SS. Annunziata, la badia di Flora e Lucilla, con l'altare del Vasari, e la Basilica di San Francesco, dove è possibile visitare due capolavori: la Leggenda della vera Croce dipinta da Piero della Francesca e la Croce del Maestro di San Francesco d'Arezzo, datata 1322. Dopo la Pieve di Santa Maria, mirabile esempio di arte romanica toscana, il cammino termina al Santuario di Santa Maria delle Grazie, perla del Rinascimento.

Il costo del biglietto è di 7 euro, comprensivo della visita al Museo Diocesano e del Cammino del sacro con l'ausilio di un'audioguida o guida turistica (solo museo 5 euro).

Info: tel. 0577980973; Museo Diocesano, tel. 3397957896


SANTA MARIA A MONTE
Quando c'era Carducci

Al civico 29 di via del Renaio, ora via Giosuè Carducci, viveva la famiglia Carducci nel periodo in cui il poeta insegnava retorica al ginnasio di San Miniato; qui perse il fratello Dante, morto suicida il 4 novembre 1857, e l'anno seguente il padre Michele, medico condotto della zona.

L'intervento di restauro che il Comune di Santa Maria a Monte ha operato su Casa Carducci ha cercato di conservare il più possibile sia la tipologia che le strutture originarie dell'edificio; è stata recuperata in parte la struttura lignea, così come sono stati conservati gli intonaci della stanza principale al piano nobile. Oltre ad uno spazio per conferenze e dibattiti, la casa museo ospita l'archivio storico del Comune e da novembre 2007 una collezione permanente di 26 opere inedite, 20 dipinti e 6 disegni, realizzati dall'artista lucchese Antonio Possenti in occasione del centenario della morte del poeta, dal titolo "Tenero gigante: cronache carducciane". Quello di Possenti è un Carducci familiare: è il Carducci innamorato dei cipressi di Bolgheri di Davanti San Guido, della Bologna silenziosa di Nevicata, de Il Bove, monumento alla pace della campagna. Ma è anche il Carducci gioioso delle "ribotte",pantagrueliche mangiate che cominciavano al mattino e finivano al crepuscolo, ed è il tenero, anziano Carducci delle lettere amorose ad Annie Vivanti.

Museo Casa Carducci, via Carducci 29, Santa Maria a Monte (Pisa), dal martedì al venerdì 10-13 e 15-18, sabato 10-13, sabato pomeriggio e domenica su prenotazione.
Ingresso € 3, info: tel. 0587749201-704254


PALAZZO ANTINORI
Antichi simposi

Segnalazioni 1
A Firenze, tra le mura di Palazzo Antinori, nel segno dell'antica famiglia toscana che lega il nome a una delle aziende vinicole più prestigiose nel mondo, è di scena uno dei prodotti più rappresentati sulle mense antiche: il vino.

In occasione dell'importante ricorrenza - e parallelamente alla mostra "Egeo, Siria e Mesopotamia" in corso al Museo archeologico di via della Colonna - nell'elegante cortile porticato della storica residenza fiorentina per tutto il mese di gennaio si tiene un'altra esposizione: "Il vasellame da simposio e il servito da vino nelle collezioni egeo-cipriote", con splendidi contenitori da mensa provenienti da Cipro, Rodi, dalla Grecia e dalle Cicladi.
Si tratta di oggetti appartenenti allo stesso Museo archeologico di Firenze, rappresentativi di strumenti e corredi per il consumo del vino presso le prime civiltà storiche del Mediterraneo.

La mostra è curata da Anna Margherita Jasink, dell'Università di Firenze, in collaborazione con Giuseppina Carlotta Cianferoni, della Soprintendenza per i Beni archeologici della Toscana.

Articolo da Archeologia Viva di gennaio/febbraio 2008


Segnalazioni 2
Corsi mascherati

a Pian di Scò (Arezzo), sfilate il 20 e 27 gennaio, 3 e 5 febbraio, nel pomeriggio, il 26 gennaio in notturna
Ingresso gratuito
www.comune.pian-di-sco.ar.it


Notturni urbani
Sedici stampe fotografiche per descrivere la città di notte
Saletta espositiva Feltrinelli International, via Cavour 12, Firenze
Fino al 12 gennaio, dal lunedì al sabato, dalle 9 alle 19.30, a cura di Deaphoto Expo


Befana in carrozza
Domenica 6 gennaio, viaggio in Mugello con il treno a vapore: partenza da Firenze Santa Maria Novella.
Nel pomeriggio presepe vivente a Luco.
Info: tel. 055 84527185/86


Segnalazioni 5
Commedia vecchio stile

di Aleksej Arbuzov
con Anna Montinari e Andrea Amos Niccolini
Teatro Le Laudi, via L. da Vinci 2 r, Firenze
sabato 12 gennaio ore 21, domenica 13 gennaio ore 17
Biglietto 17,50 euro
Sconto per i soci Coop
Info: Tel 055 572831